Il filo di Roma-Atalanta: Marco Sportiello

28.11.2015 16:00 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Il filo di Roma-Atalanta: Marco Sportiello
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca

Domani alle ore 15 si disputerà Roma-Atalanta, match valido per la quattordicesima giornata di Serie A, con i giallorossi chiamati a riscattarsi dopo il 2-2 di Bologna e, soprattutto, dopo il pesante 6-1 di Champions League contro il Barcellona. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it vuole analizzare ogni volta un personaggio diverso, legato per qualche motivo al match che si disputerà: oggi abbiamo scelto Marco Sportiello.

Marco Sportiello nasce a Desio il 10 maggio 1992. Dopo un anno nelle giovanili dello Zibido San Giacomo, nel 1999 entra a far parte dell’Atalanta, dove resterà ininterrottamente sino al 2010, quando il suo cartellino viene ceduto in comproprietà al Seregno, in Serie D. Conclude il suo primo anno in tale serie con 28 presenze e 26 reti subite.

Nella stagione successiva, l’Atalanta lo piazza al Poggibonsi in Seconda Divisione sempre con la formula della compartecipazione. Schierato titolare, Sportiello termina il campionato forte di 34 presenze e 41 gol incassati.

Nel 2012/2013, una volta riscattato, torna ancora a Bergamo per poi essere nuovamente ceduto al Carpi in Prima Divisione, questa volta con la formula del prestito. Egli diventa uno degli artefici della storica promozione in Serie B da parte degli emiliani, contribuendo alla causa con le sue parate.

Nell’estate del 2013 l’Atalanta decide di tenerselo come secondo portiere. Il debutto assoluto avviene in Coppa Italia contro il Sassuolo, mentre per quello in Serie A Sportiello dovrà attendere il 12 gennaio 2014 contro il Cagliari, dove gli orobici conquistano la vittoria (1-0). Conclude la sua prima stagione in Serie A con altre due presenze.

Complice la cessione di Consigli al Sassuolo, Sportiello viene promosso a portiere titolare e, nonostante la giovane età, brilla come uno tra i maggiori prospetti del campionato italiano, dimostrando di essere anche un discreto pararigori (Palacio e Higuain tra le “vittime” illustri”). Nel corso della corrente stagione, rilascia un’intervista in cui ammette la sua “simpatia” nei confronti della Roma: “Potessi scegliere la squadra del futuro, andrei alla Roma, mi piacciono le pressioni”. Con Szczesny che a fine stagione tornerà all’Arsenal per fine prestito (salvo diversi sviluppi) e con De Sanctis ormai destinato al ruolo di riserva, il nome di Sportiello potrebbe anche stuzzicare il ds giallorosso Walter Sabatini.

Identikit: Marco Sportiello

Presenze in A: 53

Palmarès: 1 Campionato Berretti (Atalanta, 2009/2010), 1 Campionato Giovanissimi Nazionali (Atalanta, 2004/2005), 1 Torneo “Città di Arco” (Atalanta, 2008).