Il filo di Inter-Roma: Andrea Pinamonti

11.05.2021 22:39 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Il filo di Inter-Roma: Andrea Pinamonti
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Ultimo turno infrasettimanale della stagione, con la Roma di scena a Milano contro l’Inter già campione d’Italia. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it vuole analizzare ogni volta un personaggio diverso, legato per qualche motivo al match che si disputerà: oggi abbiamo scelto Andrea Pinamonti.

Andrea Pinamonti nasce a Cles il 19 maggio 1999. Cresciuto nelle giovanili della Bassa Aunania, nel 2007 si trasferisce al Chievo per poi passare all’Inter nel 2013.

Nell’estate del 2016 viene aggregato al ritiro della Prima Squadra, debuttando ufficialmente tra i “grandi” l’8 dicembre 2016 in Europa League contro lo Slavia Praga (vittoria per 2-1). Il 12 febbraio 2017, nel 2-0 inferto all’Empoli, esordisce in Serie A. Durante la stagione, si alterna con la Primavera, che trascinerà alla conquista del campionato segnando un gol nella finale vinta per 2-1 contro la Fiorentina.

Il 17 agosto 2018 viene ceduto in prestito al Frosinone neopromosso in Serie A per garantirgli un maggior minutaggio rispetto alla Beneamata. Il 28 ottobre, giorno del 3-0 alla SPAL, segna la sua prima rete nella massima serie. Il 23 febbraio 2019 “punisce” anche la Roma, realizzando l’illusorio gol del 2-2 prima della marcatura a tempo scaduto di Dzeko, che regala così i tre punti all’allora selezione di Di Francesco, esonerato qualche settimana dopo.

Il 30 giugno 2019 passa al Genoa in prestito con obbligo di riscatto fissato a 18 milioni di euro più bonus. Al debutto con il Grifone il 25 agosto seguente, segna un gol nello spettacolare 3-3 dell’Olimpico contro la Roma, alla prima gara ufficiale della gestione Fonseca. Termina la stagione con 5 reti in Serie A (eguagliato lo score con il Frosinone) e altre 2 in Coppa Italia.

Nel corso della sessione invernale 2020, il suo nome viene accostato alla Roma come eventuale vice Dzeko. Una voce, però, che resterà tale e non si evolverà mai in una vera e propria trattativa, nonostante venga avvicinato ai giallorossi anche in estate.

Tornato all’Inter, che lo preleva a titolo definitivo per 8 milioni di euro più 12 di bonus, viene schierato con il contagocce da Antonio Conte, avendo davanti “mostri sacri” come Lukaku, Lautaro e Sanchez. Nonostante le poche apparizioni, debutta in Champions League il 27 ottobre nello 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk e il 2 maggio, in virtù dell’1-1 dell’Atalanta con il Sassuolo, si laurea campione d’Italia con quattro giornate d’anticipo. L’8 maggio scorso segna il primo gol con l’Inter nel 5-1 inferto alla Sampdoria. Come rivelato dal tecnico nerazzurro, nelle ultime gare di campionato sarà dato spazio a chi ha giocato meno nel corso della vincente stagione nerazzurra, con Pinamonti che si candida così dal 1’ contro la Roma, alla quale ha già realizzato 2 reti come ricordato in precedenza.

Infine, per quanto concerne il suo capitolo con la Nazionale, vanta 9 presenze e 2 reti con l’Under 21. Con la maggiore, invece, non ha ancora debuttato.

Identikit: Andrea Pinamonti

Presenze in A: 68

Reti in A: 11

Palmarès: 1 Serie A (Inter, 2020/2021), 2 Campionati Primavera (Inter, 2016/2017 – 2017/2018), 1 Coppa Italia Primavera (Inter, 2015/2016), 1 Supercoppa Primavera (Inter, 2017).