Il filo di Roma-Lazio: Stefan Radu

15.05.2021 18:14 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Il filo di Roma-Lazio: Stefan Radu
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Penultimo appuntamento della stagione per la Roma di Fonseca, che si appresta ad affrontare la Lazio nel derby. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it vuole analizzare ogni volta un personaggio diverso, legato per qualche motivo al match che si disputerà: oggi abbiamo scelto Stefan Radu.

Stefan Daniel Radu nasce a Bucarest il 22 ottobre 1986. Cresce nelle giovanili della Dinamo, esordendo a soli 17 anni. Rimane in patra tra i “grandi” sino al 2008, vincendo ogni titolo a livello nazionale.

Nel gennaio del 2008 viene acquistato in prestito dalla Lazio per un milione di euro con riscatto fissato a 5,5 milioni di euro. Il suo debutto assoluto avviene il 30 gennaio in Coppa Italia contro la Fiorentina.

Dopo essere stato riscattato, conclude al meglio la sua seconda annata nella Capitale con la conquista della Coppa Italia, gioendo anche nella Supercoppa Italiana contro l’Inter di Mourinho (2-1 l’8 agosto 2009), superando i nerazzurri che pochi mesi dopo avrebbero conquistato il Triplete.

Nato come terzino sinistro, nel corso della sua carriera con la Lazio viene anche utilizzato come centrale di difesa, soprattutto nel sistema di gioco con 3 difensori adottato principalmente con l’avvento di Simone Inzaghi nell’aprile 2016.

L’avventura con la Lazio prosegue onorevolmente per svariati anni, sino a rischiare di interrompersi nel 2019 per delle incomprensioni con la società. Il presidente Claudio Lotito, a tal proposito, lo mette fuori rosa e sul mercato, salvo poi tornare sui suoi passi nel corso del ritiro estivo, quando Radu chiede ufficialmente scusa: "Voglio ringraziare la società ed il presidente per l’opportunità che mi ha dato di tornare a far parte della grande famiglia laziale. L'ultimo periodo è stato il momento puoi buio della mia carriera, ora torno a casa: sono emozionato, voglio ripagare tutti sul campo. Da marzo non sono stato più io come uomo, ammetto di aver sbagliato, ringrazio tutte le persone che mi sono state accanto e i tifosi, per me è una liberazione".

Il 6 gennaio 2021 raggiunge le 320 presenze in Serie A, raggiungendo il primo posto di questa speciale classifica biancoceleste staccando Aldo Puccinelli. Il 3 aprile seguente, nel 2-1 inflitto allo Spezia, supera Giuseppe Favalli nella classifica complessiva delle presenze con 402 apparizioni, che collocano inevitabilmente tra le bandiere della Lazio.

Una così lunga esperienza con la Lazio, indubbiamente, gli ha fatto comprendere al 100% cosa significhi il derby in una città come Roma. Nelle sue 20 apparizioni contro i giallorossi, Radu ha un bilancio negativo fatto da 5 vittorie, 6 pareggi e 9 sconfitte, condito anche da 2 espulsioni.

Un rendimento totalmente deficitario nelle prime 6 partite in cui è stato schierato, con altrettanti ko da registrare ma in netta risalita negli ultimi 5 incontri in cui è sceso in campo, dove non ha mai perso. Indimenticabile il 26 maggio 2013, giorno della conquista della sua seconda personale Coppa Italia ai danni della Roma. I giallorossi, però, cercheranno di rovinargli il penultimo appuntamento stagionale, con l’obiettivo di fargli raggiungere la doppia cifra nella casella delle sconfitte.

Identikit: Stefan Radu

Presenze in A: 336

Reti in A: 5

Palmarès: 3 Coppe Italia (Lazio, 2008/2009 – 2012/2013 – 2018/2019), 3 Supercoppe italiane (Lazio, 2009 – 2017 – 2019), 1 Campionato romeno (Dinamo Bucarest, 2006/2007), 1 Coppa di Romania (Dinamo Bucarest, 2004/2005), 1 Supercoppa di Romania (Dinamo Bucarest, 2005).