Il filo di Roma-Pescara: Gianluca Caprari

26.11.2016 16:00 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Il filo di Roma-Pescara: Gianluca Caprari
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Domani sera la Roma scenderà in campo tra le mura amiche con l'obiettivo di riprendere la marcia dopo il ko di Bergamo: l'avversario di turno sarà il Pescara di Massimo Oddo. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it vuole analizzare ogni volta un personaggio diverso, legato per qualche motivo al match che si disputerà: oggi abbiamo scelto Gianluca Caprari.

Gianluca Caprari nasce a Roma il 30 luglio 1993. Cresciuto nelle giovanili giallorosse, il 26 gennaio 2008 è protagonista di un curioso episodio. Durante un match contro il Palermo, Caprari viene scelto come raccattapalle. La partita viene decisa nella ripresa da un colpo di testa di Mancini sugli sviluppi di un calcio d'angolo e, in un certo senso, grazie a Caprari stesso, molto lesto nel posizionare il pallone sulla bandierina del corner e permetterne così una rapida battuta, sorprendendo la mal schierata difesa rosanero.

L'8 marzo 2011, esordisce in Champions League e in assoluto con la Roma, nella debacle di Donetsk (3-0) nel ritorno degli ottavi di finale della competizione. Il 2011 è l'anno dei debutti per Caprari con Montella, allora allenatore giallorosso, che lo getta nella mischia contro il Milan in campionato il 7 maggio (giorno in cui i rossoneri conquistano il loro 18° scudetto) e l'11 maggio nel ritorno della semifinale di Coppa Italia contro l'Inter a San Siro (partita chiusa 1-1 e qualificazione della Beneamata grazie all'exploit dell'Olimpico). Un'ulteriore soddisfazione personale avviene il 12 giugno, quando con la Primavera giallorossa conquista il suo primo campionato nella finale contro il Varese.

Con l'avvicendamento di Luis Enrique, Gianluca Caprari trova immediatamente spazio nei due match contro lo Slovan Bratislava, validi per i preliminari di Europa League, in cui la Roma viene clamorosamente eliminata: nella gara di andata, colpisce anche un palo sullo 0-0.

Il 31 gennaio 2012, nel corso dell'ultimo giorno di mercato, viene ceduto in compartecipazione al Pescara in Serie B, su espressa richiesta di Zdenek Zeman. Proprio contro il Varese, Caprari realizza la sua prima rete in B, migliorando il proprio score a Marassi con la Sampdoria, la cui doppietta garantisce al Delfino il ritorno in Serie A.

Il 22 giugno 2012, il Pescara esercita il diritto di riscatto per acquistare la metà del cartellino di Caprari. Il 16 settembre realizza il primo gol nella massima serie nella sconfitta per 3-2 contro la Sampdoria, ripetendosi il 21 aprile 2013 all'Olimpico contro la Roma, il cui gol permette ai suoi di tornare a casa con un prezioso punto, che non eviterà la retrocessione.

Il 21 giugno 2013, i giallorossi riscattano la metà del cartellino dell'attaccante in mano al Pescara. Con la nuova Roma di Garcia, però, scenderà in campo solo nei minuti finali dell'1-1 dell'Olimpico contro il Sassuolo del 10 novembre. Infatti, a gennaio ritorna al Pescara in Serie B ritrovando così anche una maglia da titolare.

Il 25 giugno 2015, dopo anni passati tra Roma e Pescara, diventa interamente un giocatore abruzzese, con il Delfino che se lo aggiudica alle buste. In quell'anno, grazie alle sue 13 reti, contribuirà alla promozione della squadra di Oddo che, dopo tre anni, ritorna in Serie A.

L'8 luglio 2016, diventa un nuovo giocatore dell'Inter in cambio di Biraghi e del prestito annuale di Manaj. Tuttavia, la Beneamata decide di lasciarlo in Abruzzo ancora per un anno. Bagna l'esordio stagionale con una rete nel 2-2 interno contro il Napoli.

Identikit: Gianluca Caprari

Presenze in A: 35 (4 con la Roma)

Reti in A: 3

Palmarès: 1 Campionato Allievi Nazionali (Roma, 2009/2010), 1 Campionato Primavera (Roma, 2010/2011), 1 Campionato italiano di Serie B (Pescara, 2011/2012).