Garzya: "Con una Roma così i tifosi possono sognare"

13.12.2020 19:14 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Garzya: "Con una Roma così i tifosi possono sognare"
Vocegiallorossa.it
© foto di PhotoViews

L'ex difensore giallorosso Gigi Garzya è stato intervistato da "Bar Forza Lupi", trasmissione in onda su Centro Suono Sport. Queste le sue parole:

Bologna-Roma 1-5?
“Sto aspettando la partita di giovedì, perché se la Roma è questa… I giallorossi giocano il miglior calcio di Italia, dopo questa partita ti potrei dire che il gap con gli anni passati si sia accorciato. I tifosi possono sognare, non ricordo un primo tempo del genere. Bisogna aspettare la gara contro il Torino, il Bologna non ci ha capito nulla. Ho visto il vero calcio, ci fossero stati i tifosi felsinei, avrebbero applaudito i giallorossi”.

Primo tempo da incorniciare…
“Sì, oggi la Roma era una macchina perfetta. Fonseca fa giocare molto bene la Roma, giocano a una velocità incredibile. Questo distingue una squadra dall’altra”.

Villar?
“È un’intuizione di Petrachi, ce n’erano parecchi in campo. Bisogna dare tempo ai giovani, la Roma è fortunata perché ha un allenatore intelligente che sa quando lanciarli”.

La difesa?
“La Roma ha la difesa più forte d’Italia, sono tutti marcatori a uomo tipo Mancini, Smalling o Kumbulla, sono dei veri difensori tosti”.

Cosa pensi di Cristante adattato a fare il centrale?
“Sta facendo bene, poi è chiaro che sia un adattato perché è un centrocampista. Sta facendo bene perché è quasi un regista, quando hai giocatori che sanno marcare diventa tutto più facile. Anche Karsdorp ha giocato molto bene, ha fatto delle diagonali eccezionali”.

Pellegrini trequartista?
“È il suo ruolo, è chiaro che sia quello. Può anche fare la mezzala, però il meglio di sé lo dà in quella zona del campo, non è che scopriamo l’acqua calda”.

Come valuti Fonseca nella gestione dei cambi?
“Col fatto che giocano giovedì, magari li ha lasciati in campo. Era contento di quella macchina perfetta che abbiamo visto, non penso sia una pecca lasciare in campo un calciatore”.

Dove può migliorare la Roma?
“Negli undici titolari è molto forte, poi in panchina ci sono molti giovani. La Roma ha puntato molto su di loro ed è chiaro avere un po’ di difficoltà, serve pazienza. 14-15 giocatori sono all’altezza, l’Inter può vincere lo scudetto perché chi è in panchina è più forte dei titolari, per raggiungere determinati traguardi devi avere una panchina adeguata”.

Roma-Torino?
“Il Torino è una squadra, prende tanti gol, ma poi rimonta per me contro l’Udinese meritavamo di pareggiare. È in un momento particolare, sta perdendo troppe partite, presi singolarmente hanno giocatori bravi, quindi bisogna stare attenti”.

Quale squadra vorresti evitare in Europa League?
“Non mi preoccupo tanto delle altre, per me la Roma è la più forte di quelle in seconda fascia. Bisogna vedere la Roma come arrivi all’appuntamento, prima di arrivare alla finale la strada è lunga. Non puoi giocare con la formazione di Sofia, tipo Stella Rossa e Salisburgo sono squadre di esperienza quindi non vanno sottovalutate”.