Il filo di Roma-SPAL: Andrea Petagna

14.12.2019 08:43 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Il filo di Roma-SPAL: Andrea Petagna
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Domenica alle ore 18 la Roma torna in campo allo stadio Olimpico per ospitare la SPAL. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it vuole analizzare ogni volta un personaggio diverso, legato per qualche motivo al match che si disputerà: oggi abbiamo scelto Andrea Petagna.

Andrea Petagna nasce a Trieste il 30 giugno 1995. Nel 2009 si trasferisce al Milan, conquistando uno scudetto con i Giovanissimi nel 2010, contribuendo con un suo gol a battere la Roma in finale, ottenendo poi un nuovo successo l’anno successivo con gli Allievi Nazionali.

Il 4 dicembre 2012 debutta tra i professionisti nientemeno che in Champions League, subentrando nel recupero a Bojan nel ko casalingo contro lo Zenit San Pietroburgo per 1-0. In Serie A, invece, esordisce il 24 agosto 2013 nella trasferta di Verona contro l’Hellas, con un’altra sconfitta per 2-1.

Nel corso dell’estate, il nome del giovane attaccante viene accostato anche alla Roma, come dichiarato dal suo agente Giuseppe Riso:

"Petagna? So che ci sono stati dei contatti tra la Sampdoria e il Milan, ma anche il Genoa è interessato. In questi giorni valuteremo il suo futuro, tra i tanti interessamenti c’è anche quello della Roma. Posso comunque dire che non è del tutto certa la sua partenza da Milano".

Invece, il 2 settembre seguente viene ceduto in prestito proprio alla Sampdoria in prestito con diritto di riscatto della compartecipazione. L’esperienza a Genova, però, dura solo sei mesi perché a gennaio torna alla base e viene rispedito in Primavera, vincendo però il Torneo di Viareggio, andando anche in gol nella finale contro l’Anderlecht terminata 3-1.

Il 16 luglio 2014 va in prestito al Latina in Serie B ma, così come avvenuto ai tempi della Sampdoria, chiude l’esperienza già a gennaio quando si trasferisce al Vicenza a titolo temporaneo con diritto di riscatto e contro-riscatto in favore del Milan. Il 14 febbraio 2015 realizza il suo primo gol tra i professionisti a Bari, rete che regala i tre punti ai suoi che espugnano il “San Nicola” per 1-0.

Anche l’avventura in Veneto si rivela priva di soddisfazione, tanto che per un breve periodo il giocatore pensa addirittura a lasciare il mondo del calcio. Tuttavia, il passaggio all’Ascoli in estate riscatta le precedenti stagioni del giocatore, che trova continuità grazie alle 32 gare disputate con 7 reti all’attivo.

Il 25 gennaio 2016 l’Atalanta ne preleva il cartellino, lasciandolo comunque nelle Marche sino a fine annata. Debutta con la Dea in campionato il 21 agosto 2016 nel pirotecnico 4-3 della Lazio contro gli orobici, partita in cui Petagna realizza anche la prima rete in Serie A. Rimane a Bergamo per due stagioni dove, pur peccando in zona gol (solo 9 realizzazioni nel biennio), è comunque un titolare fisso dello scacchiere di Gasperini, tanto da scendere in campo in 63 occasioni.

Il 19 luglio 2018 passa alla SPAL in prestito oneroso per 3 milioni di euro e obbligo di riscatto fissato a 12, vestendo la stessa maglia indossata dal nonno Francesco nei panni di allenatore del club estense, ininterrottamente dal 1964 al 1969 e nel 1975. Con la formazione di Semplici disputa una stagione straordinaria, condita da 16 reti che gli permettono, per la prima volta, di andare in doppia cifra e, soprattutto, aiutano i romagnoli a conquistare la salvezza. A poche ore dalla sfida contro la Roma, Petagna è stato ancora accostato ai giallorossi, che lo avrebbero individuato come vice-Dzeko al posto del deludente Kalinic.

Infine, per quanto concerne il suo capitolo con la Nazionale, vanta una sola presenza con la selezione maggiore datata 28 marzo 2017 nella vittoria di Amsterdam contro gli Oranje per 2-1.

Identikit: Andrea Petagna

Presenze in A: 128

Reti in A: 29