Brevi calcio (e mercato)

23.08.2019 20:30 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Brevi calcio (e mercato)

In estate inevitabilmente il calciomercato diventa argomento quotidiano, che accompagnerà tifosi, giocatori e società sino all'inizio dei campionati. 

Vocegiallorossa.it propone ai nostri lettori un appuntamento fisso con le principali notizie riguardanti le restanti 19 partecipanti alla Serie A oltre la Roma, non limitandosi alle consuete voci di mercato, ma aggiungendo anche curiosità e dichiarazioni dei protagonisti.

ATALANTA - Pressing per Luan: con 10 milioni di euro può lasciare il Gremio. Dopo il weekend Barrow potrebbe finire all'Hellas Verona. 

BOLOGNA - Torna d'attualità il nome di Tameze: il giocatore ha infatti rifiutato lo Spartak Mosca. 

BRESCIA - Gianluca Nani, ex ds del club, ha parlato dell'arrivo di Balotelli: "Finalmente è tornato a casa sua, non potrà che far bene con la maglia delle Rondinelle". Il presidente Cellino a due giorni dal ritorno a Cagliari: "Per me ormai casa è la città di Brescia, dove voglio portare dei punti. È una vigilia surreale, più da incubo che da sogno: difficile commentare quello che provo perché sono in stato di semicoscienza. Spero di onorare il campo, quello è il nostro dovere: è l’unica cosa che conta. Sono diventato presidente per caso non avevo mai visto dal vivo una partita di calcio. Entrai dagli Orrù, i precedenti azionisti di maggioranza, convinto di acquistare mattonelle: invece mi cedettero il Cagliari". Eugenio Corini in conferenza stampa: "Di certo questo esordio l'avevamo preparato in maniera diversa. Paghiamo un po' i 120' in Coppa Italia, ma bisogna saper fronteggiare anche le difficoltà e dalla nostra abbiamo un grande entusiasmo. Nonostante le assenze manterremo il nostro stile di gioco, anche se potremmo cambiare un po' l'abito tattico. Sappiamo che ci sarà da soffrire: non solo a Cagliari, ma per tutta la stagione". Passi in avanti per riportare in Italia Fredy Guarin

CAGLIARI - Il ds Marcello Carli torna sulla cessione di Nicolò Barella all'Inter: "La Roma era interessata, avevano anche provato a prenderlo. Per noi sarebbe stato anche ottimo cederlo a loro. Ma è contata la volontà del ragazzo, e anche l'Inter si è fatta valere. Lui è rimasto attaccatissimo al Cagliari. Era normale che andasse via, ma se noi siamo qua a rinforzare la squadra è anche grazie a lui. Spero che quando tornerà il pubblico lo accoglierà bene". Despodov rifiuta il Crotone per provare a ritagliarsi un suo spazio in Serie A. 

FIORENTINA - Il tecnico Vincenzo Montella elogia l'acquisto di Ribery: "È stato un grande colpo della società. Io credo che sia ancora integro per giocare a certi livelli. Ha grande voglia, si è messo in gioco a venire qui, rinunciando ad altre opportunità che aveva e che erano anche più vantaggiose a livello economico. Quindi ci sono le premesse perché possa essere la persona giusta e il calciatore giusto: può fare la differenza anche se ci desse il 70%". Queste sue altre dichiarazioni in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Napoli: "Il Napoli è la squadra che ha cambiato meno mentre noi siamo quelli che hanno cambiato di più. È una squadra che fa una media di 80 tiri a partita. È una squadra che sa dove vuole arrivare già da tanti anni. Noi siamo comprensibilmente indietro nella costruzione della squadra. Incontriamo la seconda squadra più forte del campionato. Serviranno tutte le energie e la concentrazione per affrontare un grande avversario. Dobbiamo abbracciarci forte come squadra e farci sostenere dai tifosi. È una partita difficile perché se penso alle statistiche dei gol del Napoli mi viene un po' di mal di testa". Rocco Commisso: "Tifosi impazziti per Ribery? Ho visto Ribery e la moglie, le donne sono importantissime, la sua è stata decisiva. È una leggenda, nessuno ha fatto quello che ha fatto Ribery nel calcio internazionale tranne Ronaldo. Mercato? Abbiamo aperto la cassa e gli ingaggi si stanno alzando. La Mediacom porterà soldi con la sponsorizzazione, ma poi serve tempo. Per il FFP non si può spendere più di quanto incassi".

GENOA - Ivan Radovanovic è convinto: "È l'anno zero, per tutti. C'è un nuovo modo di giocare, sempre alla ricerca del passaggio che smarca, che libera gli attaccanti. C'è un Genoa più aggressivo, più forte. E se restiamo uniti, valiamo un posto fra le prime otto".

HELLAS VERONA - In arrivo Eddie Salcedo dall'Inter con la formula del prestito. Spunta anche Simeone per l'attacco. 

INTER - L'ex ds della Juventus Alessio Secco sull'Inter, considerata principale rivale dei bianconeri: "Inter rivale principale della Juventus? Sicuramente mi aspetto che recitino un ruolo più importante rispetto agli ultimi anni. Sono curioso di vedere anche il Napoli che secondo me ha assunto una continuità di progetto, è guidata da un ottimo tecnico e non ha cambiato tantissimo. È una squadra che ha le caratteristiche per recitare un ruolo da protagonista”. Candreva sull'inizio di stagione sempre più vicino: "Non vediamo l'ora di iniziare, ci stiamo preparando al meglio per la sfida con il Lecce. Con il mister Antonio Conte avevo già lavorato nei due anni nei quali è stato il CT della Nazionale: l'ho trovato ancora più carico, ha grande entusiasmo e la consueta voglia di migliorarsi e di lavorare. Il suo arrivo è un qualcosa di molto positivo per noi, ho un rapporto lavorativo molto importante con lui e so che può aiutare la squadra e tutti i giocatori e migliorare". Mario Giuffredi, agente di Cristiano Biraghi, ammette: "Il suo futuro lo deciderà la Fiorentina, è un giocatore viola ed è giusto che vengano fatte tutte le riflessioni possibili. La volontà del ragazzo è andare all'Inter? Sì ma non deve dimenticare che la Fiorentina lo ha portato in Nazionale. Quindi è giusto che sia la società a decidere con calma se ci sono i presupposti per mandarlo all'Inter".

JUVENTUS - L'allenatore Walter Novellino sul gioco di Sarri non ancora espresso dai bianconeri:  "La difficoltà maggiore della Juventus è che ha tanti giocatori abituati a portare palla e il gioco di Sarri ancora non si vede". Con Sarri fermo ai box per la polmonite, a parlare è il vicepresidente Pavel Nedved: "Oggi sono qui perchè ci sembrava corretto, visto che cominciano le competizioni ufficiali, che voi aveste il giusto confronto. Vi porto il saluto di Maurizio Sarri, che ha la polmonite. Per la nostra società sono stati fatti dei cambiamenti importanti. Abbiamo cambiato staff tecnico e medico, siamo convinti delle nostre scelte e siamo convinti che avremo risultati in futuro. La Juventus vuole vincere anche quest'anno. Sarri sta svolgendo un grosso lavoro, siamo molto contenti. Malgrado le ultime difficoltà, la squadra lo sta seguendo. Si stanno formando le idee che vuole Sarri". Il CT del Galles Ryan Giggs sul connazionale Ramsey: "Aaron è andato in un club fantastico con una storia enorme. È una nuova esperienza, un nuovo modo di giocare a calcio e penso che gli sarà di aiuto. Sarà una grande esperienza per lui. Non ci sono molti centrocampisti che possono giocare come Ramsey: inserirsi oltre gli attaccanti, segnare gol, creare occasioni. È qualcosa di diverso. Sarà competitivo perché la Juventus ha molti buoni giocatori, ma un Aaron Ramsey in forma entrerà in quella squadra senza problemi".

LAZIO - Transfer ok per Adekanye, si attende ancora quello di Jony. Ecco quanto riportato dal sito ufficiale:

La S.S. Lazio comunica di aver acquisito definitivamente i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Patryk Dziczek proveniente dal Gliwicki Klub Sportowy Piast.

LECCE - Si continua a lavorare per Yilmaz ma sul taccuino del ds Meluso è spuntato anche il nome di Jackson Martinez.

MILAN - Il Primavera Luan Capanni affida ai social la gioia della firma con i rossoneri: "Grazie a Dio per l'opportunità di indossare questi colori Rossonera e farò del mio meglio per ottenere grandi risultati con questa maglia". Il Monaco piomba su Kessié: resta da convincere l'ivoriano. Intervista a Rafael Leao: "Il Milan è il club che mi ha cercato maggiormaente e ha un progetto in linea con la mia carriera, un club che punta sui giovani per arrivare in Champions la prossima stagione. Stiamo formando una grande squadra, abbiamo un ottimo allenatore e vogliamo fare un bel calcio. Questa squadra è molto forte dentro e fuori dal campo, spero che arriveremo dove il Milan merita".

NAPOLI - Il terzino Giovanni Di Lorenzo sulla sfida alla Fiorentina: "È una gara difficile, innanzitutto perché è la prima di campionato, una incognita per tutti. La Fiorentina s'è rinforzata, ma noi pensiamo a noi stessi. Ci siamo preparati bene, abbiamo lavorato due mesi intensamente, quindi proviamo a fare bene". Carlo Ancelotti in conferenza stampa afferma che il suo Napoli è più forte dell'anno scorso: "Sì, ne sono convinto. Qualitativamente siamo più forti, poi è da assemblare e mettere insieme. È un mercato finora ben fatto, oneroso per la società e non lo nascondo, ma ne abbiamo parlato tanto e nonostante le difficoltà gli obiettivi sono stati raggiunti. Poi il campo giudicherà. Per me la squadra ha le qualità per lottare per vincere. È una responsabilità che mi prendo". Maradona elogia l'approdo di Lozano: "Adoro El Chucky, con lui il Napoli si è assicurato un attaccante forte per molti anni. Ci si aspetta molto da lui". 

PARMA - Previsto un incontro con l'Udinese per chiudere il passaggio di Giuseppe Pezzella in Emilia-Romagna. Roberto D'Aversa in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Juventus: "Domani servirà la partita perfetta, contro una squadra fortissima che verrà qui per fare punti. Non ho dubbi su quello che sarà l'apporto del nostro pubblico per cercare di portare a casa dei punti. Possiamo incidere su di noi e sulla nostra prestazione. Confido in ragazzi come Hernani che può esordire in A oppure Brugman. La Juventus resta fortissima a prescindere". Ecco quanto si legge sul sito ufficiale:

La Società Parma Calcio 1913 comunica la cessione a titolo temporaneo annuale con diritto di opzione del giocatore Marcello Gazzola (Borgo Val di Taro, 3.4.1985) all’Empoli Football Club.

SAMPDORIA - Il club blucerchiato ha superato il Genoa nella corsa a Thiago Maia, che potrebbe lasciare il Lille dopo l'arrivo di Renato Sanches. Parla il giovane Marco Pompetti: "Voglio ringraziare l'Inter perché è stata una tappa importante nella mia vita, sia a livello umano che tecnico. Sono felice di essere qui alla Sampdoria, il club blucerchiato ha creduto tantissimo in me. Il mio idolo? Mi ispiro ad Andrea Pirlo, che è stato un esempio per tanti giocatori che giocano nel mio ruolo. Qui in blucerchiato spero di poter imparare molto da Ekdal: è un giocatore davvero forte".

SASSUOLO - Sondato il terreno per Chiriches: il Napoli, però, chiede 15 milioni di euro per privarsi del centrale romeno. 

SPAL - Leonardo Semplici in vista dell'imminente stagione: "Quest'anno sono arrivati grandi calciatori e la forbice tra le grandi e le piccole è più ampia. Sarà difficile vincere di nuovo con Lazio, Roma o Juventus come abbiamo fatto nella scorsa stagione: dovremo essere perfetti". Si presenta il nuovo portiere Letica: "La proposta della SPAL mi è immediatamente interessata, penso sia un ottimo step per la mia carriera. Sono felice di essere qui e spero di proseguire nel migliore dei modi il mio percorso in serie A, un campionato top dove giocano giocatori davvero forti. In Italia hanno sempre giocato portieri di grandissime qualità, come Gigi Buffon. Attualmente ce ne sono tanti molto forti, se devo fare un nome dico Handanovic, ma non saprei chi definire come migliore in assoluto". Andrea Petagna sulle voci di mercato nei suoi confronti: "Sono sempre rimasto con la testa alla SPAL, sono contento di essere qui e ricevo tanto affetto. Spero di migliorare rispetto alla stagione passata, poi magari potrò ambire a una squadra più importante. Il nostro obiettivo è la salvezza, dobbiamo lottare perché non sarà facile. La Fiorentina ha preso Ribery, un grande giocatore e sarà bello ammirarlo dal vivo. Sono poi contento che Balotelli sia tornato in Italia, per me è un amico".

TORINO - Urbano Cairo dopo il ko in Europa League contro il Wolverhampton: "Non voglio parlare della partita, di questo ci ha già pensato mister Mazzarri. Mercato? Per ora ho tenuto tutti, ora vediamo cosa succede negli ultimi giorni. Verdi? Non c'è l'accordo col Napoli, altrimenti sarebbe stato qui". Mazzarri rimprovera Meité e Berenguer, scuri in volto al momento dell'uscita in campo: "È normale essere arrabbiati quando uno viene sostituito quando la squadra sta perdendo. Dovrò fare un bel discorsino a questi ragazzini, devono crescere e migliorare. Se avessero rincorso gli avversari con maggior convinzione, probabilmente non li avrei tolti. Altrimenti giocheranno i sostituti, Lukic e Rincon, che hanno fatto benissimo quando sono entrati". Potrebbe arrivare Semper come vice-Sirigu

UDINESE - Rolando Mandragora in vista della sfida di domenica sera contro il Milan: "Sicuramente mi aspetto una partita contro un avversario di livello importante, conosciamo tutti le qualità del Milan, siamo tutti a conoscenza della squadra forte che è, conosciamo anche Giampaolo perché fa parte del calcio italiano da un po' di tempo, l'anno scorso è stato alla Sampdoria, ha fatto un ottimo campionato, propone sempre un bel gioco, quindi sarà un piacere poter affrontare il Milan e Giampaolo, spero possano partire bene dalla seconda giornata. Noi vogliamo fare bene, abbiamo voglia di partire col piede giusto, quindi sicuramente faremo una partita con coraggio, con voglia e con determinazione davanti al nostro pubblico". Messaggio di patron Pozzo in vista della nuova stagione: "Ho ancora negli occhi l’immagine della Curva Nord piena il giorno della presentazione della squadra. Un vero atto di fede e una dimostrazione di attaccamento che è difficile riscontrare in altre piazze. E qui mi soffermo a ringraziare in particolare i tanti che hanno sottoscritto l’abbonamento. Numeri da record. Amore incondizionato considerando le difficili stagioni da cui veniamo. E ancora di più per noi la responsabilità di non deludervi. Ripartiamo dunque da qui, consapevoli di quello che siamo e di cosa rappresentiamo. Ripartiamo dal Milan, avversario di prestigio, squadra di una grande città, con la Dacia Arena sold out. Non potevamo chiedere di meglio per la prima".