Roma – Milan 1996: 3-0, la Roma torna alla vittoria interna sul Milan dopo 11 anni

25.02.2018 10:00 di Massimiliano Spalluto   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Roma – Milan 1996: 3-0, la Roma torna alla vittoria interna sul Milan dopo 11 anni

Milan sconfitto a Roma dai giallorossi, in campionato non accadeva dalla stagione 1985 – '86. L'ultima affermazione all'Olimpico sul Milan risaliva, infatti, al 24 novembre 1985: 2-1 con reti di Bruno Conti e Toninho Cerezo per la compagine allenata quell'anno da Sven Goran Eriksson. Da allora il bilancio delle sfide interne con i rossoneri vede tre soli pareggi a fronte di ben sette trionfi degli ospiti.

Il match si mette subito bene per gli uomini di Bianchi. È il 13°, un tentativo maldestro di rinvio del portiere milanista Sebastiano Rossi, uscito dall'area, finisce per favorire Francesco Totti. Da posizione angolatissima, la sua conclusione carica di effetto termina in rete. Sei minuti e la Roma colpisce ancora con Massimiliano Cappioli. La reazione del Milan non dà frutto. Nella ripresa la squadra del presidente Sensi controlla e all'ultimo minuto ci pensa Abel Eduardo Balbo a firmare il definitivo 3-0. Questo successo sul Milan costituisce la pagina migliore scritta durante la breve avventura dell'allenatore Carlos Bianchi sulla panchina giallorossa. L'annata, infatti si conclude con un triste 12° posto, soltanto quattro punti in più di Cagliari e Perugia retrocesse in B. Per mister Bianchi, invece, la stagione si ferma ad otto gare dalla fine; dopo la sconfitta a Cagliari arriva il suo esonero. A traghettare la Roma negli ultimi impegni annuali ci pensa il duo Nils Liedholm – Ezio Sella. Anche per il Milan campione uscente la stagione è una lenta agonia terminata un gradino sopra i giallorossi, con solo due punti in più.

Nel Milan messo in campo dal tecnico uruguayano Oscar Tabarez è presente Christian Panucci. Nel 2001 approda nella Capitale ritrovando mister Capello, allenatore con cui ha raccolto molti successi a Milano e Madrid. Nella Roma resterà otto anni, conquistando due coppe Italia ed una Supercoppa di Lega; nel 2009 verrà ceduto al Parma per la sua ultima stagione agonistica.

Si giocava la quinta giornata della stagione 1996 – '97. era sabato 12 ottobre 1996.

 

LA GARA La Roma in campo con: Sterchele, Annoni, Trotta, Aldair, Lanna, Tommasi, Di Biagio, Bernardini, Cappioli, Totti, Balbo. Di fronte il Milan con: Rossi, Panucci, Costacurta, Baresi, Maldini, Eranio, Desailly, Albertini, Davids, Baggio, Weah. Dirige l'incontro il signor Pairetto di Torino. Trascorrono solo 13 minuti ed un rilancio apparentemente innocuo di Aldair si trasforma in un assist prezioso. A dare una mano in questo caso è il portiere milanista, uscito dall'area per allontanare calciando la sfera ma l'ostacolo rappresentato dal corpo di Totti si rivela determinante. La palla resta lì e lo stesso Totti, da posizione molto angolata, spedisce nella rete incustodita, Roma in vantaggio. Milan disorientato e la Roma ne approfitta. È il 19°, tutto parte da Cappioli che cede a Balbo. Il centravanti giallorosso triangola con Totti, entra in area e serve Cappioli liberissimo al centro per il comodo appoggio in rete, 2-0. La reazione del Milan si concretizza in una traversa scheggiata da Maldini al 21° con un tiro da fuori area e nella richiesta di un rigore da parte di Eranio a seguito di un contatto con Lanna al 28°. L'attaccante rossonero viene ammonito per simulazione. Inizia la ripresa ed al 13° nel Milan entra Locatelli ed esce Eranio. Non ci sono grosse emozioni, la Roma chiude bene ogni varco alla squadra rossonera non disdegnando rapide sortite in contropiede. I Cambi giallorossi: al 25° Berretta per Bernardini, al 32° Delvecchio rimpiazza Totti ed a due minuti dal termine Cappioli lascia spazio a Petruzzi. Scocca il 90° ed arriva il sigillo finale sull'impresa romanista: Delvecchio avanza sulla sinistra, traversone in area per Balbo che con una conclusione angolata mette fuori causa Rossi, 3-0 il risultato finale.