Roma – Genova 1893, gennaio 1932: Costantino, Bodini e le doppiette di Volk e Fasanelli firmano un roboante 6-0

18.04.2018 10:00 di Massimiliano Spalluto   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Roma – Genova 1893, gennaio 1932: Costantino, Bodini e le doppiette di Volk e Fasanelli firmano un roboante 6-0

Il successo più rotondo nella storia delle sfide tra la Roma ed i rossoblu genovesi.

La stagione della Roma è nata con tante aspettative tra i tifosi visti i risultati brillanti conseguiti nel torneo precedente. Il 1930 – '31, tuttavia, era stato segnato da molte recriminazioni per alcune decisioni arbitrali in scontri chiave, che finirono per minare il percorso verso il titolo. La Roma del presidente Renato Sacerdoti terminò così al secondo posto, desiderosa di un pronto riscatto. La competizione successiva, però, vede delle battute d'arresto nelle prime 9 giornate che finiscono per costare la panchina al tecnico Herbert Burgess. Il suo posto viene preso dall'allenatore in seconda, l'ungherese Jànos Baar. A gennaio la formazione capitolina ha un ritardo di 8 punti rispetto alla capolista Bologna del presidente Renato Dall'Ara.

Lo scontro con i grifoni si mette subito sul binario giusto: 3 minuti e Cesare Augusto Fasanelli realizza il punto del vantaggio. A dieci minuti dal termine della prima frazione prima Rodolfo Volk, poi Raffaele Costantino portano a 3 le reti giallorosse. Ad inizio ripresa va a segno Renato Bodini, seguito da Fasanelli e Volk che firmano le loro doppiette personali, portando il punteggio sul definitivo 6-0. Il torneo prosegue tra alti e bassi; malgrado l'assenza di continuità nei risultati la Roma si piazza al terzo posto finale, dietro Juve e Bologna. Il Genova 1893 del tecnico austriaco Karl Rumbold, invece, termina l'anno in undicesima posizione.

Sempre presente tra i genoani in tutte le gare di campionato è l'attaccante Alfredo Mazzoni. Vestirà la casacca giallorossa nel biennio 1936 – '38. Il 21 febbraio 1937 una sua rete su punizione decide il derby capitolino, spegnendo le speranze tricolori dei biancazzurri. Nel 1938 passa alla Reggiana.

Si giocava la quindicesima giornata della stagione 1931 – '32, era il 10 gennaio 1932.

 

LA GARA La Roma in campo con: Masetti, Mattei, Bodini, Ferraris, Bernardini, D'Aquino, Costantino, Fasanelli, Volk, Eusebio, Chini. Dall'altra parte il Genova 1893 con: De Prà, Poggi, Pratto, Barbieri, Puppo, Gilardoni, Carpi, Esposto, Bonilauri, Mazzoni, Casanova. Dirige l'incontro il signor Caironi di Milano. Solo 3 minuti per sbloccare il match; cross di Costantino per la testa di Fasanelli che porta in vantaggio la Roma. Al quarto d'ora si fa male Bernardini che passa all'ala per circa venti minuti. Al 34° potente conclusione di Volk che non dà scampo al portiere ospite, è il 2-0. Trascorrono solo due minuti e i padroni di casa chiudono virtualmente l'incontro, a firmare la terza rete è Costantino. Inizia la ripresa ed al 4° Bodini su punizione dal limite batte nuovamente De Prà. I rossoblu hanno ormai abbandonato mentalmente il campo e la Roma colpisce ancora. Il tempo di rimettere la palla a centrocampo, azione personale di Chini, traversone al centro per Fasanelli che firma la quinta rete giallorossa, realizzando una doppietta. Al 35° chiude il conto Volk, la sua sciabolata da fuori area si infila alla destra di De Prà che si è mosso con lieve ritardo, doppietta anche per "Sigghefrido" Volk. Arriva il segnale di chiusura, il risultato finale è 6-0.