Atalanta – Roma 1998: 0-1, Di Francesco il match – winner

20.08.2017 10:00 di Massimiliano Spalluto   Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Atalanta – Roma 1998: 0-1, Di Francesco il match – winner

Primo anno sulla sponda giallorossa del Tevere per Zdenek Zeman, l'allenatore boemo capace di creare, anni prima, una squadra infallibile come il “Foggia dei miracoli”. Il suo gioco spregiudicato si basava molto sulla velocità e, arrivato a Roma, tra i primi acquisti puntò proprio su Di Francesco, proveniente dal Piacenza. Molto veloce e, quindi, adattissimo al gioco del mister, il centrocampista nei suoi quattro anni nella Capitale, culminati con la vittoria tricolore del 2001, mise a segno in campionato 14 reti; la gara di Bergamo dell'aprile 1998 la risolse lui, unico marcatore del match, con un'avvincente cavalcata verso la porta avversaria.

Un'Atalanta in pessime acque in classifica ospita una Roma decisa a conquistare un posto per la Coppa UEFA dell'anno seguente. Il match si mette subito in salita per i padroni di casa, visto che bastano due minuti ad Eusebio Di Francesco per affondare nella sbadata difesa lombarda ed infilare quello che si rivelerà il gol – partita. La squadra di Mondonico non riesce a creare grossi problemi ai giallorossi, che amministrano sfiorando più volte il raddoppio. La Roma proseguirà il suo torneo centrando il quarto posto finale, miglior piazzamento dal 1988 fino allo scudetto del 2001. Gli orobici, invece, termineranno la loro stagione al terzultimo posto retrocedendo in serie B insieme a Brescia, Lecce e Napoli, fanalino di coda.

Schierato da Emiliano Mondonico troviamo tra i nerazzurri l'ex giallorosso Giovanni Piacentini. Arrivato alla Roma nell'estate 1989, conquisterà la Coppa Italia nel 1990 – 91; in giallorosso disputò sei stagioni, realizzando una sola rete nel derby dell'ottobre 1993, concluso in parità. Nel 1995 approderà alla Fiorentina di Claudio Ranieri.

Si giocava il 28° turno della stagione 1997 – '98, era il 5 aprile 1998.

 

LA GARA Atalanta in campo con: Fontana, Sottil, Carrera, Dundjerski, Mirkovic, Foglio, Gallo, Sgrò, Piacentini, Zenoni, Lucarelli. Risponde la Roma con: Konsel, Cafu, Aldair, Petruzzi, Candela, Di Francesco, Helguera, Tommasi, Paulo Sergio, Balbo, Delvecchio. Arbitra il signor Ceccarini di Livorno. Solo due minuti ed il match si sblocca. Recupera palla a centrocampo Aldair, la cede a Candela che lancia in profondità Di Francesco. Il centrocampista elude l'intervento di Carrera e s'invola tutto solo verso l'area. Fontana gli va incontro e Di Francesco, con un tocco di esterno destro, lo mette fuori causa infilando il vantaggio romanista. I padroni di casa non hanno la lucidità necessaria per impensierire Konsel, la Roma controlla. Sgrò impegna Konsel al 25°. Al 40° Mondonico corre ai ripari con un doppio cambio: dentro Magallanes e Rustico rispettivamente per Foglio e Dundjerski, ma l'inerzia non cambia. Delvecchio cerca più volte la via del raddoppio, facendo impazzire la difesa lombarda. Nella ripresa stesso copione. Ultimo avvicendamento tra i nerazzurri: al 16° Rossini prende il posto di Lucarelli. Al 34° cambio forzato nella Roma: Konsel in un intervento si procura la lussazione del medio della mano sinistra, al suo posto Chimenti. La Roma amministra il vantaggio, punteggio finale 0-1.