L'Almanacco della Città Eterna - 18 giugno

Nato a Roma nel 1966. Ingegnere, docente in materia di Sicurezza nei luoghi di Lavoro, Romano ed appassionato della storia di Roma, scrittore per amore della sua città
18.06.2017 05:30 di Stefano Crivelli   vedi letture
L'Almanacco della Città Eterna - 18 giugno

Dal 21 aprile del 753 a.C. ai giorni nostri.

Il 18 Giugno del 1869 muore Giovanni Battista Bugatti, detto Mastro Titta, noto anche come “er Boja de Roma”, famoso esecutore di condanne a morte dello Stato Pontificio.

Nella sua “carriera” (se così si può definire), iniziata nel 1796 e conclusasi nel 1864, annota nel suo nefasto taccuino ben 516 esecuzioni.

 

Accadde il 18 Giugno

1155 Federico Barbarossa entra a Roma e viene incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero. Nel pomeriggio i romani insorgono ma la rivolta viene repressa nel sangue. È forse in questa circostanza che i legati pontifici fanno impiccare Arnaldo da Brescia.

1656 All’Ospedale Fatebenefratelli muore un uomo con sospetto di peste. Le porte del Ghetto vengono serrate, lasciando aperta solo la Piazza Giudea con il permesso di entrata e uscita riservato a soli 14 giudei per provvedere alle primarie necessità.

1909 Il Consiglio Comunale di Roma approva il Regolamento Edilizio relativo al Piano Regolatore Edilizio redatto da Edmondo Sanjust di Teulada.

1939 Papa Pio XII proclama Caterina da Siena e Francesco di Assisi patroni d’Italia.

1952 Nasce l’attrice Isabella Rossellini.

Per avere maggiori info 
www.almanaccodiroma.it
Facebook
Twitter
App (Free)
App (a pagamento)

 

Mastro Titta