Roma – Inter 1982: 2-1, capolavoro di Falcao su punizione, raddoppia Iorio. La Roma vola sempre più in alto

30.11.2014 10:00 di Massimiliano Spalluto   vedi letture
Roma – Inter 1982: 2-1, capolavoro di Falcao su punizione, raddoppia Iorio. La Roma vola sempre più in alto
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

La Roma supera lo scoglio nerazzurro e mantiene il primato in classifica. A firmare la vittoria la premiata ditta Falcao – Iorio che già quattro giorni prima nel ritorno degli ottavi di finale di Coppa UEFA aveva provveduto ad estromettere dalla competizione i tedeschi del Colonia. In quella festa dell'Immacolata la squadra di Liedholm ribaltò lo 0-1 subito in Germania (allora Ovest) segnando nel secondo tempo con Iorio di testa e con Falcao al 90° a seguito di un perfetto controllo di petto e tiro al volo. Nel match con i nerazzurri l'ordine delle marcature è stato invertito. Al 34° Paulo Roberto Falcao, direttamente su punizione, con una stupenda conclusione da oltre trenta metri porta in vantaggio la Roma. Dopo la gara afferma di essersi allenato tantissimo per ottenere quell'effetto. Ivano Bordon, portiere dell'Inter, raccoglie la palla nella rete, stupito da quell'autentica opera d'arte creata dall'asso brasiliano. Nella ripresa al 22° Maurizio Iorio, servito da Sebino Nela, mette in rete il punto del 2-0. Nei minuti finali sarà Alessandro Altobelli per gli ospiti a fissare il punteggio sul definitivo 2-1. Si avvicina il giro di boa del torneo; a tre giornate dalla conclusione del girone di andata la Roma del presidente Dino Viola e del tecnico Nils Liedholm si conferma in testa alla classifica, dove resterà fino al termine di quell'annata straordinaria.

Nell'Inter allenata da Rino Marchesi quel giorno era schierato Fulvio Collovati. Campione del mondo nella spedizione azzurra guidata da Enzo Bearzot pochi mesi prima in Spagna, Collovati approderà nella capitale nell'estate del 1987. In giallorosso disputerà due stagioni segnando una rete.

Si giocava il 12° turno dell'indimenticabile stagione 1982 – '83, era il 12 dicembre 1982.

 

LA GARA La Roma in campo con: Tancredi, Nela, Vierchowod, Ancelotti, Falcao, Maldera, Iorio, Prohaska, Pruzzo, Di Bartolomei, Conti. Si oppone l'Inter con: Bordon, Bergomi, Baresi G., Oriali, Collovati, Bini, Bagni, Muller, Altobelli, Beccalossi, Marini. Arbitro designato il signor Bergamo di Livorno. Ospiti pericolosi nel primo quarto d'ora. All'11° un cross di Bagni trova pronto alla deviazione in scivolata Altobelli; la palla sfila davanti alla linea e termina fuori. La Roma si scuote ed al 34° il capolavoro di Falcao. Oriali commette fallo su Ancelotti, punizione a circa 30 metri dalla porta difesa da Bordon. Batte Falcao e con una conclusione da antologia infila la rete nell'angolo basso destro con un Bordon incredulo, Roma in vantaggio. Punizione di Muller che dal limite dell'area centra il palo alla destra di Tancredi. Inizia la ripresa, Bergamaschi prende il posto di Beccalossi tra i nerazzurri. La Roma sale in cattedra e l'Inter svanisce. I giallorossi sfiorano più volte il raddoppio con Iorio e Pruzzo, ma al 22° per i lombardi non c'è scampo. Avvia l'azione Conti che passa a Nela. Galoppata del terzino romanista che vede libero Iorio in area. Gli cede la palla e l'attaccante calcia potentemente verso la porta. Bordon fuori dai pali tocca ma non può evitare il gol. A nove minuti dal termine cambi sui due fronti: Pellegrini rileva Bini mentre nella Roma dentro Nappi fuori Maldera. La Roma sfiora il 3-0 con Conti e Iorio. 89° Muller s'invola sulla fascia, cross al centro per la testa di Altobelli che mette dentro il gol della bandiera. Il match termina qui, 2-1 il risultato finale.