Graziani: "Fa rabbia che Dzeko abbia segnato meno di Joao Pedro o Caputo"

26.04.2020 09:34 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Graziani: "Fa rabbia che Dzeko abbia segnato meno di Joao Pedro o Caputo"
Vocegiallorossa.it

Francesco Ciccio Graziani, ex calciatore della Roma, ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport. Eccone uno stralcio.

La Roma le è rimasta nel cuore.
«Con la Roma sento di avere un debito di riconoscenza, perché ho più ricevuto che dato e mi dispiace essere arrivato solo a 30 anni. Mi sarebbe piaciuto cominciare a finire lì. Quei tre anni sono stati fantastici, per i rapporti con la città e i tifosi».

Trovò Liedholm nella Capitale.
«Con lui ho un rapporto conflittuale e di grande affetto. Quando arrivai mi disse: “Sono molto felice di poterti allenare, mi sei sempre piaciuto, sei un grande calciatore“. Io cercavo il dialogo, lui lo evitava, all’inizio facevo fatica, poi mi sono adattato. Era difficile da accettare quando ti lasciava fuori senza dirti niente, ma alla fine dell’anno mi è dispiaciuto quando se n’è andato»

Quando andò via era finito un ciclo
«Ho un grande rammarico, quella squadra doveva vincere tre scudetti, credo di aver giocato nella squadra più forte in assoluto, con potenzialità incredibili e forse non ce ne eravamo accorti neanche noi. Avremmo dovuto raggiungere traguardi maggiori, ho vinto due Coppe Italia ed è come se non fosse nulla, che rabbia».

Se si tornerà a giocare la Roma ripartirà dal sesto (quinto, ndr) posto.
«Troppi alti e bassi. Fonseca è un grande allenatore, ha le idee giuste ed è innovativo. Ha avuto tanti infortuni, ma è mancata continuità, troppe sconfitte contro avversari modesti. La Roma meriterebbe il quarto posto come qualità. Dzeko può e deve fare molto di più, lo vorrei vedere più cattivo, mi fa inc***are che uno con le sue qualità abbia fatto meno gol di Joao Pedro o di Caputo».