Balzaretti: "Per quanto riguarda la classifica, la Roma esce bene dal match"

05.11.2014 22:40 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: Sky Sport
Balzaretti: "Per quanto riguarda la classifica, la Roma esce bene dal match"
Vocegiallorossa.it
© foto di Image Sport

Federico Balzaretti ha parlato ai microfoni di Sky Sport, ospite dello studio di Champions League: “Stiamo facendo un nuovo tipo di allenamento, stiamo dandoci dentro otto ore al giorno, se non son pronto per il calcio lo sarò per il triathlon (ride, ndr). I portieri? Skorupski è più silenzioso, è un portiere alla Neuer, para in modo differente. De Sanctis è una certezza, indiscutibile. Alternanza? Non lo so, credo che il titolare sia Morgan, le gerarchie sono chiare. Il 7-1? Sono stati giorni difficili, l’aspettativa all’andata era diversa. La società è forte, il progetto è valido, questi risultati fanno parte di un percorso, all’andata è venuta a mancare la prestazione, c’è fiducia. Per me ha preferito mettere tre mediani per raddoppiare maggiormente, Garcia vuole fare delle ripartenze che possano fare bene e tanti cross per Mattia Destro. Noi non siamo ancora pronti per il doppio impegno, è anche normale qualche sconfitta in un progresso di crescita, in fondo alla Champions arrivano sempre le stesse. Da noi si usa spesso il turnover, l’altra volta parlavo con Keita e diceva che a Barcellona giocavano sempre gli stessi e non sentivano la fatica, altrove questi ragionamenti non si fanno. Per oggi l’idea è quella di non lasciare spazi, bisogna lasciare la squadra in 30 metri massimi, raddoppi e ripartenze. Guardiola? È un allenatore estremamente credibile, i suoi giocatori lo seguono appassionatamente e fanno ciò che dice".

Al termine della partita, Balzaretti ha aggiunto:

“La Roma, soprattutto per quanto riguarda la classifica, ne esce molto bene, ma adesso bisogna vincere la partita con il CSKA e quella contro il City. Il Bayern Monaco è una squadra di livello superiore, ora giocheremo contro il CSKA Mosca e City che sono maggiormente alla nostra portata e lì dovremo dimostrare il nostro valore. Oggi abbiamo preso coscienza che il Bayern Monaco è di un altro pianeta. La Roma ha avuto molti infortuni ed ha risentito psicologicamente del risultato dell'andata, parte tutto dalla testa. Non sono queste sconfitte a decretare la fine della Roma, l'anno scorso venivamo da una stagione disastrosa ed il mister ci ha rialzato alla grande, lo farà anche stavolta".