Brevi calcio (e mercato)

22.07.2019 23:30 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Brevi calcio (e mercato)

Con l'arrivo dell'estate, inevitabilmente il calciomercato diventa argomento quotidiano, che accompagnerà tifosi, giocatori e società sino all'inizio dei campionati. 

Vocegiallorossa.it propone ai nostri lettori un appuntamento fisso con le principali notizie riguardanti le restanti 19 partecipanti alla Serie A oltre la Roma, non limitandosi alle consuete voci di mercato, ma aggiungendo anche curiosità e dichiarazioni dei protagonisti.

ATALANTA - Il Crystal Palace pronto a effettuare un rilancio per Castagne. Il portiere classe '98 Santopadre piace a tre club di Lega Pro: Pistoiese, Sicula Leonzio e Alma Juventus Fano. Chiesto al Benfica il prestito di Cervi

BOLOGNA - In attesa del ritorno di Sinisa Mihajlovic, a guidare la squadra in sua vece ci sarà Emilio De Leo. Telenovela finita per Skov Olsen: domani il giocatore sarà in città. Si segue Hendrix. Eccoq quanto si legge sul sito ufficiale:

Il Bologna Fc 1909 comunica che a partire da questa stagione Marco Di Vaio sarà il nuovo responsabile scouting. Di Vaio lavorerà al fianco di Walter Sabatini e si occuperà anche dell’individuazione a livello internazionale di giocatori per i Montreal Impact.

BRESCIA - Si segue il trequartista classe '96 Lage, di proprietà del Clermont, club dal quale il Brescia ha acquistato Ayé. Parla Gastaldello dopo il 5-1 alla selezione locale di Darfo Boario Terme: "Bisogna affrontare senza paura il massimo campionato; se dovessi vedere qualcuno dei miei compagni preoccupato di marcare un giocatore tipo Cristiano Ronaldo, mi arrabbierei moltissimo. Ci vorranno entusiasmo e sfrontatezza, come nella scorsa stagione: dobbiamo migliorarci, serve un gruppo forte ed unito, anche perché i momenti difficili saranno molti di più. Al momento, però, è tutto nella norma: siamo carichi e ansiosi di cominciare".

CAGLIARI - Questa sera si dovrebbe chiudere per Nandez, poi si passerà all'attaccante: Eder, Defrel e Dragomir nel mirino. Il presidente Giulini sul nuovo acquisto Rog: "È stata una trattativa molto lunga, alla quale il nostro direttore ha lavorato per due settimane. La volontà del giocatore era quella di venire da noi e l'abbiamo accontentata. È un calciatore importantissimo a cui Carli ha pensato subito per sostituire Barella. Anche Pavoletti ne ha parlato bene. Ci aspettiamo tantissimo da lui che è uno dei talenti più importanti in circolazione". Parla Birsa in conferenza stampa: "Riscattare la scorsa stagione? Lo stimolo c'è, anche perché non essere riuscito a dimostrare quello che valgo e che possso fare è qualcosa che mi è pesato lo scorso anno".

FIORENTINA - Continua a rilasciare dichiarazioni Rocco Commisso: "Mercato? Non so quando arriveranno i primi colpi, ma so che Pradè e Barone stanno lavorando per creare una squadra molto competitiva e che possa far bene. Ho bisogno di tempo anche io, devo imparare molte cose da tante persone, l’ho detto sin dall’inizio". La Viola resta alla finestra per Medel, che nel frattempo ha rifiutato il Marsiglia. Montella svela un aneddoto su Chiesa: "Ho scoperto che per contratto deve giocare perciò avrà modo di scendere in campo contro il Benfica. Quanto allo sguardo posso dire che io l'ho sempre visto come al solito e sono convinto che anche voi lo vedete tutto sommato normale. Anche durante la stagione aveva questo tipo di sguardo, non ci vedo nulla di strano".

GENOA - Il Grifone è vicinissimo all'acquisto di Kevin Agudelo, centrocampista classe '98 dell'Atletico Huila. Il colombiano è reduce da una stagione fatta di 16 presenze, 2 gol e 1 assist e su di lui c'era anche il Boca Juniors. Il club ligure pare aver dato l'accelerata decisiva e nelle prossime ore il colombiano può diventare un nuovo rinforzo rossoblù. Al via la trattativa con il Siviglia per Roque Mesa

HELLAS VERONA - Ceduto in prestito il classe '98 Casale al Venezia. Bearzotti passa al Modena. 

INTER - Roberto Gagliardini dopo il ko contro il Manchester United in International Champions Cup: "Sono a disposizione del tecnico e cercherò sempre di farmi trovare pronto. Contro il Manchester abbiamo un po’ sofferto, ma è normale quando di fronte hai un’avversaria del genere. L’impressione che mi ha lasciato questa gara è positiva: siamo stati sconfitti solo sugli sviluppi di un calcio piazzato, ma siamo stati ordinati anche se non siamo stati bravi ad andarli a prendere. Cosa c’è da migliorare? Parleremo di queste difficoltà e di quello che dobbiamo fare meglio. Con il tempo cresceremo e vedrete che già contro la Juventus (24 luglio, ndr) faremo meglio e ci riscatteremo". Sbarca Godin dopo le vacanze post Copa America. Questa l'accoglienza da parte di Handanovic: "Ha esperienza e qualità e può darci sicuramente una mano a raggiungere i nostri obiettivi". Idea Kostic dell'Eintracht Francoforte in caso di addio con Perisic. Il commento di Marotta dopo l'incontro di mercato con Conte: "Un incontro proficuo, nel quale è emerso una volta di più che la società e il tecnico Conte sono in simbiosi: presto avrà la rosa vera completa per lavorare sui dettagli come vuole e sa fare".

JUVENTUS - Adrien Rabiot svela i motivi che lo hanno portato a scegliere la Vecchia Signora: "Quando ero a Parigi ho parlato del mio futuro con Gigi (Buffon, ndr). Lui sapeva che me ne sarei andato dal Paris Saint-Germain e mi ha consigliato la Juventus spiegandomi che per me sarebbe stato l'ideale. Alla Juventus posso portare la mia esperienza e il mio calcio. Giocare con Ronaldo è un onore, lui ti fa vincere dei titoli e la sua presenza mi ha convinto ancora di più a scegliere Torino". Harry Kane dopo il capolavoro contro i bianconeri: "È stato probabilmente uno dei migliori gol della mia carriera. Ho notato in alcuni momenti della gara che il portiere era fuori dai pali. Ho pensato che, se avessi avuto la possibilità di tirare in porta, lo avrei fatto subito e per fortuna la mia conclusione nel finale è entrata".

LAZIO - Intervista all'ex portiere della Primavera Kristjan Matosevic, oggi alla Triestina: “Inzaghi? Me lo aspettavo potesse fare così bene. È un bravissimo allenatore e sono molto contento per lui. Cosa ci siamo detti? L’ho visto soltanto per un saluto veloce, abbiamo scambiato giusto un paio di parole. Porto con me tanti bei ricordi. A Roma sono stato soltanto un anno, ma la Lazio mi è rimasta nel cuore. Tra l’altro in quella stagione ebbi anche la fortuna di ottenere tante convocazioni in prima squadra”. Marco Parolo dal ritiro di Auronzo di Cadore: "Tutto fa parte di un percorso di crescita, la vittoria della Coppa Italia ha dimostrato che quando vogliamo centrare un obiettivo non sbagliamo quasi mai, anche in gara secca. Dobbiamo portare questa mentalità in ogni partita e in ogni allenamento, se ci riusciremo avremo buone possibilità di ottenere risultati importanti. La settimana è stata affrontata con lo spirito giusto, la vittoria dell’ultimo trofeo ci ha dato la giusta consapevolezza, speriamo di andare avanti con questo spirito perché ci stiamo divertendo. I tifosi sono fantastici e si meritano queste occasioni, ci impegneremo al massimo. Ci piace stare con i tifosi e siamo sempre a loro disposizione, siamo qui per ripartire insieme in una nuova stagione”.

LECCE - Brevi dichiarazioni del ds Mauro Meluso: "Per Yilmaz aspetto, ma ci sono le alternative". Il giovane Gallo verso il Venezia. 

MILAN - Attraverso il proprio profilo Instagram, Krunic ha risposto alle domande dei tifosi: "Il primo giorno a Milanello è stato meraviglioso. È bellissimo allenarsi lì, non vedo l'ora di tornarci. Tre leggende rossonere preferite? Kakà per la sua classe, Maldini perché è stato un campione enorme e Pirlo per la sua qualità. Sono molto carico e non vedo l'ora che inizi il campionato. Il mio momento migliore? Deve ancora arrivare il prossimo anno: giocare la Champions con il Milan". Parla Reina: "Dobbiamo imparare in fretta e abituarci alle idee di Giampaolo. Mi sembra un ottimo allenatore con idee precise. Questo è molto importante, l'identità della squadra sarà molto chiara. Gruppo? Bisogna essere un grande spogliatoio, serve la mentalità giusta, non bisogna mettere l'ego di ognuno davanti alla squadra. Il nuovo progetto parte da un gruppo unito che scenderà in campo onorando sempre la maglia".

NAPOLI - Ancelotti pensa che sia il momento per il club di alzare un trofeo: "Penso di sì, c'è grande motivazione da parte di tutti. Tutti lo vogliamo, a Madrid da 12 anni non vincevano la Champions e dicevano che era un'ossessione. La vittoria però non deve essere un ossessione, altrimenti diventa un'utopia, ma un grande sogno che cerchiamo di realizzare tutti insieme". Al via la campagna abbonamenti, ecco alcune variazioni descritte da Alessandro Formisano, head of operations del club azzurro: "Abbiamo una forte riduzione nella tribuna Posillipo che scende da 1500 euro a 999 euro più la prevendita. La tribuna Nisida scende a 800 a 750, riduzione bassa perché si perdono posti per il restyling. Il settore Distinti scende da 750 a 499 euro e il prezzo delle Curve scende da 350 a 269 euro. La media del risparmio è del 25%, anche se i costi di Distinti e Posillipo sono diminuiti di oltre il 30% e sono in assoluto i prezzi più bassi da 9 anni. I tifosi sapranno già da ora che alcuni big-match costeranno 40 euro in curva, 70 distinti e quindi sanno già della convenienza dell'abbonamento. Il prezzo medio di un abbonamento è circa 14 euro, chi le acquista singolarmente 25, quindi abbonarsi porta a risparmiare addirittura il 40% rispetto ai biglietti".

PARMA - Si avvicina Giuseppe Pezzella: da stabilire con il Genoa la formula del prestito, se con diritto o con obbligo di riscatto. Sabato 10 agosto fissata un'amichevole contro la Sampdoria. 

SAMPDORIA - Marco Sau si appresta a svolgere le visite mediche con il Benevento, che saranno più accurate del solito a causa di alcuni dubbi circa le sue condizioni fisiche: qualora il giocatore risultasse idoneo, firmerà senz'altro per le Streghe. Intervista a Thorsby: "Ambientamento? È andata molto bene la prima settimana. I ritmi di allenamento sono duri, ci sono molte sedute. Ci alleniamo, mangiamo e dormiamo. Il posto però è molto bello, ieri abbiamo avuto una giornata libera e abbiamo visto le montagne qua intorno. Cosa ci chiede mister Di Francesco? È un metodo di giocare nuovo per me, è una nuova cultura di calcio. Devo imparare tutti i principi che i nuovi giocatori devono apprendere. Sono concentrato a imparare il nuovo sistema di gioco focalizzandomi sul mio ruolo".

SASSUOLO - Una notizia buona e una meno in casa neroverde: praticamente fatta per Obiang (resta da prenotare solo il volo dall'Inghilterra), mentre Farias è ancora piuttosto lontano. 

SPAL - Cremonesi a un passo dal Venezia: pronto un biennale. Per il centrocampo spunta Giaccherini

TORINO - Il club granata prova a stringere e tenta il sorpasso sulla Sampdoria per Simone Verdi. Il Napoli continua a valutare il cartellino del trequartista non meno di 25 milioni di euro, cifra a cui i piemontesi si sono avvicinati con l'ultimo rilancio delle scorse ore: 20 milioni di euro subito più 5 di bonus. Uno sforzo importante verso le richieste azzurre che potrebbe lasciare indietro la Sampdoria. Resta da capire come reagirà il Napoli alla nuova offerta di Urbano Cairo. Proprio il presidente in vista dell'impegno in Europa League contro il Debrecen: "Affronteremo il turno di qualificazione con la stessa squadra che ha totalizzato 63 punti nella scorsa stagione, conquistandone 1 in meno della Juve e 5 in meno rispetto all'Atalanta nel girone di ritorno. È un gruppo di qualità, mancherà solo Rincon. Al mercato ci penseremo dopo: non dobbiamo rivoluzionare, serve solo qualche ritocco intelligente". Sarà Jens Maae, danese, il direttore di gara di Torino-Debrecen, in programma giovedì alle ore 21. Gli Assistenti saranno i signori Dahl e Skytte, quarto ufficiale il sig. Krogh.

UDINESE - Viene accostato lo svincolato Padoin, ma il giocatore sembra avere la testa all'Hellas Verona: "Io all'Hellas? Un'ipotesi che mi interessa sicuramente. La piazza è importantissima. E con il Pazzo poi ho un bellissimo rapporto. Sono cresciuto praticamente con lui (all'Atalanta, ndr). Juric è un allenatore che ha già dimostrato le sue qualità, ma qui mi devo fermare".