Roma-Udinese 1-0 - La moviola: Walace-Mkhitaryan, ci stava il rigore per i giallorossi. Inesistente l'espulsione di Pellegrini

24.09.2021 07:54 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Roma-Udinese 1-0 - La moviola: Walace-Mkhitaryan, ci stava il rigore per i giallorossi. Inesistente l'espulsione di Pellegrini
Vocegiallorossa.it
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com

Vocegiallorossa.it vi propone la lettura di alcuni episodi del match. L'arbitro si può avvalere del VAR (video assistant referee) e del suo assistente per quattro tipologie di casi: controllo della regolarità dei gol, possibili falli da calcio di rigore, possibili cartellini rossi diretti e scambi di identità di destinatari di provvedimenti disciplinari.

SECONDO TEMPO

90' - Pellegrini salta col braccio largo, ma per darsi lo slancio, non certo per colpire Samardzic, che finisce a terra. Può starci il fallo, assolutamente non la seconda ammonizione per il 7 giallorosso, che salterà così il derby.

85' - Deulofeu prova a far rimpallare il pallone sul braccio di Mkhitaryan, ma colpisce prima il corpo dell'armeno. Non c'è calcio di rigore.

82' - Mkhitaryan va giù in area dopo un contrasto di Walace, che lo porta lontano dal pallone e lo spinge, appunto, a terra. Poteva starci il rigore per i giallorossi.

66' - Altra ammonizione, stavolta per Calafiori che abbatte Soppy. Anche in questo caso la decisione è giusta.

65' - Cristante entra in scivolata da dietro su Makengo, anche qui ammonizione chiara.

56' - Pellegrini interrompe un contropiede guidato da Pussetto con un fallo: inevitabile l'ammonizione.

PRIMO TEMPO

45' - Su un lancio lungo di Rui Patricio, viene fischiato un fuorigioco a Zaniolo, nel frattempo rientrato nella sua metà campo. La punizione si batte, appunto, nella metà campo della Roma, scatenando le proteste dei calciatori giallorossi e anche di Mourinho, che va a chiedere spiegazioni al quarto uomo. La decisione è però corretta, perché la regola, dopo il recente aggiornamento, impone che la punizione indiretta che segue una segnalazione di fuorigioco venga battuta nel punto in cui si trova il calciatore colpevole al momento della sua infrazione, che può configurarsi anche nella propria metà campo. Partire in posizione di fuorigioco non è di per sé un'infrazione, lo diventa nel momento in cui il calciatore entra nel gioco o influenza il suo avversario.

32' - Walace butta via il pallone dopo un fallo fischiato a suo indirizzo. sacrosanta l'ammonizione a suo carico.

23' - Viene fischiato fuorigioco a Pussetto, ma solo dopo il tentativo dell'attaccante dell'Udinese che finisce fuori. Il tutto, come ormai diconsueto, per far sì che il VAR potesse correggere la decisione in caso di rete del 23 bianconero.

7' - Su un tiro di Pellegrini, Nuytinck devia col gomito, ma col braccio aderente al tronco. Giusto non dare il rigore alla Roma.