Roma Radio, Iago Falque: "Dobbiamo continuare come nell'ultimo mese. Fiducia di Garcia grande soddisfazione"

13.11.2015 10:07 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Roma Radio
Roma Radio, Iago Falque: "Dobbiamo continuare come nell'ultimo mese. Fiducia di Garcia grande soddisfazione"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Iago Falque, attaccante giallorosso, è intervenuto ai microfoni di Roma Radio. Queste le sue dichiarazioni:

Sei un ragazzo normale, tranquillo?
“Si quello che hai detto è più o meno giusto, sono un ragazzo tranquillo che fa una vita normale. Questo è il mio lavoro poi dopo faccio una vita normale, porto a spasso il cane, faccio un giro per il centro. A casa comandano il cane e la mia ragazza (ride, ndr)".

Cucini?
"Faccio cose semplici tipo il risotto. A casa cucino io, poi pulisce la mia ragazza".

Nasci seconda punta, ma al derby hai giocato a centrocampo?
“Da piccolo ho giocato in quella posizione, più trequartista mentre domenica ho fatto più la mezz’ala. Mi piace perché partecipo di più nella manovra della squadra. Il mister mi aveva detto 4 giorni prima che avrei giocato lì per le assenze di Pjanic e De Rossi. Abbiamo lavorato un po’, per fortuna è andata molto bene. Tento di fare al meglio possibile quello che mi chiede il mister”.

Il tuo arrivo a Roma?
“Come quando sono arrivato a Genova, alla fine il calcio prima o poi, ti fa stare nel tuo posto. I conti li faccio alla fine. Avevo fiducia del Genoa perché pensavo fosse la squadra giusta per me e lo stesso alla Roma. Ho fatto una grande stagione lo scorso anno e questa è l’ultima opportunità di giocare in una grande squadra e per fortuna sto giocando molto e avendo tanta fiducia del mister. Questa è una grande soddisfazione personale”.

Tu nello spogliatoio?
"Mi trovo molto bene, parlo bene l’italiano. Ognuno è diverso ed è anche quella la cosa che fa gruppo. Serve un punto intermedio tra uno come me e uno come Nainggolan".

Ora il Bologna, poi il Barcellona?
“Sarà la prima volta in una gara ufficiale che tornerò a Barcellona da quando sono in Italia. L’ho già affrontata col Rayo, ma non andò bene”.

Tornare a Barcellona è sempre particolare?
“Sì soprattutto questi ultimi anni che è uscito questo tema dell’indipendentismo. Perché è un orgoglio tornare in Champions lì con la Roma. Ho giocato 8 anni lì. Una grande soddisfazione perché tutto quello che ho fatto da piccolo, lasciare la mia casa a 10 anni per andare al Barcellona e provare di raggiungere il mio sogno, vuol dire che ci sono riuscito.

Troverai tanti compagni di scuola...
“Sì Messi, Pedrito, Busquets, Sergi Roberto, Jordi Alba. Ne conosco tanti”.

Giocatori spagnoli in Italia?
“Siamo molto simili, stare qui è come stare in Spagna per me. Penso che prima facevamo fatica in Italia. Adesso, visti Llorente, Callejon, Marcos Alonso, Borja Valero, penso ci stiamo inserendo meglio di prima”.

Rapporto con Roma e i tifosi?
“Due volte a settimana giro per il centro di Roma perché alla mia ragazza piace tanto. Per il momento la gente con me ha molto rispetto e va molto bene. Speriamo di rimanere alla Roma tanti anni. Qui mi trovo benissimo e penso che sia il posto giusto dove fermarmi".

Obiettivo stagionale?
"Sappiamo le nostra forze, che abbiamo una rosa molto importante con giocatori top. La strada è continuare come in quest’ultimo mese per arrivare alla fine in alto in classifica e vincere qualcosa. Penso che questo alla fine sia l’obiettivo".