Gautieri: "Bisogna lasciar tempo al progetto"

11.04.2012 18:22 di Gianluca Fiume   vedi letture
Fonte: Radio IES
Gautieri: "Bisogna lasciar tempo al progetto"
Vocegiallorossa.it
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com

Carmine Gautieri è intervenuto quest'oggi alla trasmissione radiofonica "A Tutto Campo",  sulle frequenze di Radio IES, per commentare la stagione dei giallorossi. Ecco le dichiarazioni dell'ex giocatore della Roma:

Sul momento di difficoltà della Roma.
"C'è stata una crescita importante da parte della società puntando sui giovani, poi però c'è una mancanza di risultati che secondo me è conseguenza dell'inesperienza. Penso comunque che la Roma potrà dire la sua fino alla fine".

Sul comportamento di Luis Enrique durante Lecce-Roma.
"Secondo me lui già si aspettava che la squadra avrebbe fatto male, si è potuto capire dalle dichiarazioni del pre-partita. Naturalmente è rimasto molto deluso dall'atteggiamento in campo, ma penso che a fine partita si sia comunque fatto sentire. Ogni allenatore però ha un modo diverso di gestire la squadra; quando sento parlare di progetto penso sempre che bisogna lasciare del tempo per poi riuscirie a raccogliere i frutti".

Sulla gestione in generale della squadra.
"Non penso che Luis Enrique dica ai suoi giocatori di salire quando c'è una palla orizzontale o di avanzare a palla scoperta, è evidente che lì ci sia un errore di reparto; sarei curioso di vedere qualche allenamento di Luis Enrique per capire meglio la situazione. Se però vediamo il Barcellona, capiamo che la squadra cerca di difendere davanti agli attaccanti, è un tipo di gioco totalmente diverso dal nostro. Quando c'è una squadra così giovane che porta una cultura diversa è normale che serva del tempo, la Roma ha i migliori giocatori che ci sono in circolazione. Poi naturalmente Milan, Inter e Juve sono superiori adesso, ma tra pochi anni queste squadre dovranno mettere nuove pedine in organico perché l'età media è molto alta mentre la Roma sarà completa".

Sulla società.
"Mi piace il fatto che la società stia difendendo il suo allenatore, però in Italia è tutto sbagliato. Guardiamo Allegri oggi primo in classifica: è costantemente criticato e questo significa solo che il nostro calcio è totalmente pazzo. Se l'anno prossimo la Roma si ritroverà nella stessa situazione di oggi, allora sarà il caso di rivedere tutto il progetto. Per adesso però la società ha fatto bene a proteggere Luis Enrique, in fin dei conti è una creatura di Baldini e Sabatini".