Balzaretti: "Le lacrime al derby? Ne vado orgoglioso"

02.12.2016 18:12 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Balzaretti: "Le lacrime al derby? Ne vado orgoglioso"

L’ex giallorosso Federico Balzaretti ha parlato a Roma Radio in vista del derby di domenica. Ecco le sue parole:

Ti sei mai vergognato di quelle lacrime?
"Ne vado orgoglioso, un momento di liberazione. Le mie lacrime erano quelle di tutti. Ho vissuto emozioni intense, quelle lacrime riassumono i sentimenti dei romanisti".

A chi lo avresti dedicato?
"Compagni e società, a chi come me ha sofferto quella finale che è stata il momento di maggiore sofferenze. Passare dalla lacrime di 3-4 mesi prima a quel momento: tutti quelli che hanno vissuto quelle emozioni e la dedica è rivolta a tutti coloro che hanno vissuto quei momenti".

Conosci bene la sofferenza? Queste difficoltà caricano o preoccupano?
"Dipende sempre dal carattere della persona. Mi riconosco un pregio che è quello che vedo sempre il positivo. A una persona positiva caricano, ci sono magari ragazzi che somatizzano di più o vivono con negatività questi momenti. È una interpretazione personale. La Roma ha una squadra e una rosa che può fare a meno di assenze importanti. Se giochi nella Roma sei un giocatore di alto livello".

Chi sente di più il Derby?
Belle domande e belle storie. Credo uno che lo sente davvero in maniera particolare fosse Burdisso. Un giocatore che aveva carica agonistica e sentiva un po’ tutto. È una partita che si prepara in maniera diversa perché la vivi in maniera diversa. È un Derby: è bello sia così".

A quale giocatore della Lazio bisogna stare attenti?
"Credo davanti, se giocano Keita e Immobile, sopratutto loro. Un altro importante è Biglia".

Come vanno i ragazzi in giro per l’Italia?
"Abbiamo un bel patrimonio, questo ruolo è davvero molto bello e mi entusiasma in maniera particolare: 35 ragazzi. Ce ne sono di molto validi, la bravura nostra è non farli sentire abbandonati. Per loro deve essere una tappa di avvicinamento verso l’essere giocatori da Roma. È difficile tornarci perché il valore della squadra è veramente di altissimo livello. Ho seguito Gerson, Paredes, Iturbe che poi sono tornati. Mi auguro di poter essere d’aiuto, insegnare loro quella che è la professione"

Un messaggio per i tifosi?
"Non sono io a dirlo, la Curva e il tifo della Roma è unico in Italia. Noi tutti abbiamo bisogno di giocare con tanta gente vicino: ti fa fare un salto di qualità, ti fa rendere conto di far parte di un gruppo e di una famiglia. Giochiamo per i tifosi, per l’applauso e il calore della gente. Senza tifo il calcio non può esistere".