COVID-19 - Locatelli: "Il 16 dicembre si inizia a vaccinare i bambini". 15.021 nuovi contagi. Vaia: "Necessario un richiamo annuale". Italia, i numeri dei vaccinati. Crisanti: "Siamo in ritardo sulla terza dose"

05.12.2021 22:27 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
COVID-19 - Locatelli: "Il 16 dicembre si inizia a vaccinare i bambini". 15.021 nuovi contagi. Vaia: "Necessario un richiamo annuale". Italia, i numeri dei vaccinati. Crisanti: "Siamo in ritardo sulla terza dose"
Vocegiallorossa.it

La Protezione Civile ha reso noti i dati del 5 dicembre. Sono stati effettuati 525.108 tamponi e individuati 15.021 nuovi positivi al COVID-19. Nelle ultime 24 ore sono morte 43 persone affette da Coronavirus per un totale di 134.195 decessi dall'inizio dell'epidemia. Come di consueto, Vocegiallorossa.it vi fornisce le ultime notizie LIVE riguardo la situazione del Coronavirus.

22:27 - "Farò vaccinare mio figlio": lo annuncia il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a Che tempo che fa, su Rai Tre. Il presidente della Conferenza delle Regioni è padre di un bambino di 7 anni. "Ho più paura che contragga il Covid", ha aggiunto Fedriga. 

21:41 - ''Il 16 dicembre si inizia a vaccinare i bambini. Credo sia un bel regalo di Natale per i bambini.''. Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, intervenuto a Che tempo che fa. Ci saranno ''dei percorsi dedicati all'interno degli hub vaccinali soprattutto per i più piccoli che vanno rassicurati'' e per la prenotazione ci sarà un sistema ''simile a quella degli adulti, sarà fondamentale il coinvolgimento di pediatri e famiglie''. 

20:40 - Nuove proteste nella capitale belga, dove circa 8mila persone si sono riunite per criticare le scelte del governo per contenere la pandemia. Come scrive il quotidiano Le Soir, alta tensione tra gli agenti e un gruppo di manifestanti dopo che alcuni di loro hanno cercato di sfondare la barriera a protezione delle sedi delle istituzioni dell'Unione Europea. Azionati gli idranti. Alcune persone sarebbero state arrestate.

19:54 - La variante Omicron era già presente a New York e negli Usa prima ancora di ricevere il suo nome. Lo rivela il New York Times, riferendo il caso di un analista sanitario di Minneapolis che dal 19 al 21 novembre ha partecipato con altre 53 mila persone ad una convention a Manhattan risultando positivo il 23 novembre: un giorno prima che gli scienziati venissero a conoscenza della nuova variante nell'Africa australe, cui l'Oms non aveva ancora dato un nome. Gli esami di laboratorio hanno confermato ora la presenza delle mutazioni della Omicron.

18:49 - Il vista dell'entrata in vigore del decreto che introduce il green pass rafforzato, il governo ha pubblicato le Faq per chiarire i punti ancora in sospeso. Il documento, 8 pagine, indica quali sono le attività consentite senza green pass, con pass "base" e con il certificato "rafforzato" in 13 ambiti: spostamenti, impianti di sci, lavoro, accesso a esercizi e uffici, scuola e università, strutture socio-sanitarie, bar e ristoranti (esclusi quelli nelle strutture ricettive), strutture ricettive, attività sportive in strutture pubbliche e private, attività ed eventi culturali, eventi sportivi, attività ricreative, concorsi pubblici.

17:41 - Stando al bollettino odierno, sono 15.021 i nuovi casi di coronavirus in Italia, con 43 morti e tasso di positività al 2,9%. Sono stati processati 525.108 tamponi. Aumentano i ricoveri ordinari (+169, 5.597) e in terapia intensiva (+4, 736).

16:40 - Israele considererà la somministrazione di una quarta dose del vaccino anti-Covid alle persone immunodepresse. Lo riferisce Canale 12 secondo cui esperti della sanità discuteranno, in presenza della variante Omicron, l'eventualità di un'ulteriore dose alle fasce di popolazione a rischio maggiore. La terza dose in Israele, il booster, e' stata somministrata a luglio scorso  subito ai pazienti con sistema immunitario compromesso, inclusi quelli sotto trattamento anti tumore.

13:48 - Sono 474 i positivi al COVID-19 rilevati nell'ultima giornata nelle Marche, con un tasso di incidenza cumulativo che risale a 193,48, su 100mila abitanti. Secondo i dati dell'Osservatorio Epidemiologico regionale, attualmente nelle terapie intensive il 74% dei pazienti non è vaccinato, il 26 dei degenti è vaccinato, nell'area media il 59% dei pazienti non è vaccinato, il 41% lo è anche con 2 o 3 dosi. Il contagio si diffonde maggiormente nella fascia di età 45-59 anni (113 casi), seguita da quella 25-44 con 105. 

13:19 - Il Veneto registra 2.219 nuovi contagi COVID-19 nelle ultime 24 ore per un totale da inizio pandemia di 530.582 casi. Le nuove vittime sono 3, che portano a 12.003 il numero dei decessi dall'inizio della pandemia, nel febbraio 2020. Lo riferisce il bollettino della Regione. Crescono ancora i ricoveri negli ospedali. I posti letto occupati da malati Covid nei reparti medici è di 656 (+24), 123 (+1) nelle terapie intensive. 

12:50 - Il bambino di 11 anni, ricoverato all'ospedale Santobono di Napoli con una severa polmonite da Covid e successivamente intubato presso la terapia intensiva diretta dal dottor Geremia Zito Marinosci, è stato estubato, respira spontaneamente ed è considerato fuori pericolo. Lo rende noto la direzione generale dell"Azienda ospedaliera Santobono-Pausilipon. Domani festeggerà, insieme al personale del reparto che lo ha assistito in questi giorni difficili, il compleanno che non ha potuto festeggiare proprio a causa del COVID-19. Nei prossimi giorni, il piccolo paziente sarà trasferito presso l'Unità operativa complessa di Fisiopatologia respiratoria dell'ospedale Monaldi, diretta dal dottor Giuseppe Fiorentino, che ha supportato l'equipe del Santobono nell'assistenza, per proseguire con un percorso di riabilitazione respiratoria.

12:23 - "Stiamo monitorando in maniera molto attenta la situazione. Ma se la campagna vaccinale procede con la velocità di ultimi giorni siamo nelle condizioni di evitare il ritorno alla didattica a distanza". Lo ha assicurato la ministra per gli Affari Regionali Maria Stella Gelmini, intervistata da Sky Tg 24. "Il nostro compito è rendere possibile l' accelerazione delle terze dosi, ma anche le vaccinazioni dei più piccoli. I dati dipendono però anche dai nostri comportamenti. Io vedo da parte degli italiani grande senso di responsabilità e pazienza. E resto fiduciosa che il Paese resti aperto e che la scuola posso svolgersi anche nei prossimi mesi in presenza". 

11:51 - "Il green pass rafforzato è la nostra sicurezza. La stragrande maggioranza degli italiani ha scelto di vaccinarsi e gli ultimi giapponesi rimasti a manifestare in qualche angolo di piazza italiana sono inseguiti dal vituperio delle genti, dal freddo e dalla solitudine". A dirlo, in un'intervista a Il Corriere della Sera, il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. Per Brunetta,  "la strategia è andare sopra il 90% di vaccinati con due dosi, limitare il più possibile il numero dei non vaccinati e, per chi non si immunizza, introdurre le restrizioni del nuovo decreto".  E alla domanda "Risolverete il problema degli studenti sopra i 12 anni costretti a pagarsi i tamponi per andare a scuola?" risponde: "Per i più giovani si sta studiando il tampone gratuito. Ma intanto aver introdotto l'obbligo di green pass per il trasporto pubblico locale, completando la catena della sicurezza senza interrompere la mobilità, è un fatto importante". 

11:26 - Questo il bollettino della Russia nelle ultime 24 ore: 32.606 nuovi contagi e 1.206.

11:05 - "Per ridurre il ricorso alla Dad l'esercito e il generale Figliuolo dovranno essere subito operativi e risolvere due questioni su cui, finora, moltissime Asl hanno fallito, o non sono riuscite fino in fondo. Primo: garantire un testing tempestivo. Secondo: in caso di contagio, far partire all'istante il tracciamento che permette l'individuazione dei contatti del positivo". Lo sottolinea Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi, in un'intervista a Il Sole 24 Ore.

10:49 - Rinviati i concerti di Raf e Umberto Tozzi che si sarebbero dovuti tenere oggi al Teatro Colosseo di Torino e l'8 e 9 dicembre al Teatro degli Arcimboldi di Milano. Gli artisti - informano gli organizzatori - sono venuti a contatto con una persona che si è poi rivelata positiva al Covid. In via precauzionale Raf, Umberto Tozzi e l'intero staff si sottoporranno a quarantena cautelativa. Entrambi gli artisti stanno bene e sono risultati negativi al tampone per diagnosi COVID 19. I concerti sono stati riprogrammati il 17 e 18 a Milano (entrambi sono sold out), il 14 febbraio a Torino (pure sold out), negli stessi teatri. I biglietti già acquistati in prevendita per questi concerti restano validi per le nuove date.

10:20 - La nuova versione del Green Pass presenta un'unica modifica: la possibilità di selezionare il tipo di verifica che si vuole effettuare. Se si seleziona la “base”, l’applicazione riconoscerà tutti i tipi di Green Pass, se si sceglie “rafforzato” solo le certificazioni dei vaccinati o di chi è guarito dal COVID-19 da meno di 6 mesi.

09:52 - "Sarà necessario un richiamo annuale con vaccini aggiornati alle varianti, esattamente come per l'anti-influenzale": a spiegarlo è il direttore generale e irettore sanitario dell'ospedale Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, in un'intervista a Il Fatto Quotidiano. Quindi non una vera e propria quarta dose: "Resto convinto che dobbiamo immaginare di superare l'emergenza. E, come per l'influenza, fare un richiamo annuale con vaccini che siano però aggiornati alle varianti". Per quanto riguarda Omicron "i dati che arrivano dal Sudafrica non giustificano allarmismi", ha spiegato Vaia. La vaccinazione annuale "non deve essere un dramma e dobbiamo adottare misure che facciano delle famiglie le nostre alleate, non spaventarle", ha sottolineato, "con il sorriso e con il buon senso. Ne usciremo, ci siamo".

09:28 - Da martedì prossimo tutti i viaggiatori diretti nel Regno Unito dovranno mostrare alla partenza un test anti COVID-19 negativo: la decisione del governo di Londra, annunciata ieri, ha subito scatenato le ire delle compagnie aeree, che l'hanno definita una "duro colpo" per il settore. Lo riporta la Bbc. Il tampone, ha spiegato l'esecutivo in un comunicato, dovrà essere effettuato fino a un massimo di 48 ore prima di partire. La nuova misura, introdotta alla luce della diffusione della variante Omicron del coronavirus, vale per tutte le persone di età superiore ai 12 anni.

09:00 - In particolare, sono state somministrate 8.409.731 dosi addizionali/richiamo (booster) al 40,93% della popolazione potenzialmente oggetto di tali somministrazioni che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi. Le persone che hanno avuto almeno una prima dose sono 47.366.068, l'87,70% della popolazione over 12 mentre quelle che hanno completato il ciclo vaccinale sono 45.771.130, pari all'84,75% della popolazione over 12. I guariti in totale sono 363.595, lo 0,67% della popolazione over 12 guarita da al massimo 6 mesi. In totale la somma di chi ha avuto almeno una dose e di chi è guarito da almeno sei mesi è pari a 47.729.663, ossia l'88,37% della popolazione over 12. 

08:40 - "Già da ottobre sappiamo che dal quinto mese cala l'efficacia dei vaccini. Per questo siamo in ritardo sulla terza dose". Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia all'Università di Padova in un'intervista a La Stampa afferma che per completare i richiami "ci vorrà quasi un anno e nel frattempo si creerà un problema dovuto alla scadenza del Green Pass, ridotto giustamente a 9 mesi. Molti andranno in giro con il certificato scaduto". Sulla durata della terza dose, Crisanti dice che "i dati israeliani dicono che ripristinerebbe totalmente la vaccinazione, come minimo per sei mesi ma si spera di più". Nel frattempo il contagio "cresce, ma la questione più importante è che trovi un equilibrio. L'Inghilterra ci è riuscita, anche se a un livello alto, grazie a vaccino, tracciamento e quarantene efficaci. L'Italia può farcela sui 20-30mila contagi al giorno, anche grazie a certificato, mascherina e distanziamento". Giusto le mascherine all'aperto mentre il green Pass sui mezzi, secondo Crisanti è "irrealistico. Sui trasporti - spiega - basterebbe rendere obbligatorie le Ffp2".