BAKU - Di Francesco: "Kolarov e Dzeko saranno titolari. Non mi aspettavo un El Shaarawy subito pronto. Non credo che la Serie A sia poco allenante"

27.09.2017 08:41 di Danilo Magnani Twitter:    vedi letture
BAKU - Di Francesco: "Kolarov e Dzeko saranno titolari. Non mi aspettavo un El Shaarawy subito pronto. Non credo che la Serie A sia poco allenante"
© foto di Vocegiallorossa.it

Eusebio Di Francesco alle 17 di ieri è intervenuto in conferenza stampa a Baku in vista della sfida Champions tra Qarabağ e Roma. Insieme a lui ha parlato anche il brasiliano Juan JesusVocegiallorossa.it vi ha riportato come sempre in diretta le parole dei protagonisti nella sala stampa dello stadio Olimpico della capitale azera.

Queste le parole di Di Francesco

il turnover significa che non esistono gerarchie nella Roma?
“Ovviamente ci sono giocatori con uno spessore diverso o che hanno più esperienza. Io alleno tutti allo stesso modo, con tante partite ravvicinante c’è necessità di far giocare tutti. Questa gara è delicata e non voglio che venga sottovalutata, vi assicuro che non sarà facile, voglio giocatori pronti”.

El Shaarawy ha avuto un’estate difficile, se lo aspettava già pronto al rientro?
“Non mi aspettavo da subito questo suo percorso di crescita. Nell’ultimo periodo l’ho visto molto bene, il suo ruolo è come quello di Perotti, Ünder o Defrel: è molto dispendioso, ci sarà possibilità di giocare per tutti e Stephan interpreta bene quel ruolo. Può farlo anche Florenzi”.

Lo scorso anno Capello diceva che le nostre squadre in Champions trovano difficoltà, secondo lei questa Serie A è troppo poco allenante ?
“Non condivido il fatto che sia poco allenante. Anche in altri campionati c’è il divario, sia in Spagna che in Inghliterra, sono sempre le solite squadre che dominano a parte qualche caso sporadico come il Leicester. Noi dobbiamo alzare il livello ma non credo sia questo il motivo per il quale abbiamo difficoltà in Champions".

Dzeko e Kolarov hanno giocato di più fino ad ora, c’è l’intenzione di farli riposare se la partita di domani si mettesse bene?
“Io dico che tutte le partite sono insidiose. Qui il nostro livello tecnico è superiore ma bisogna mettere in campo determinati giocatori, cattivi, e con determinate caratteristiche. Per quello entrambi i giocatori nominati saranno titolari”.

Nella storia recente della Roma difficilmente ci sono centravanti di qualità, chi preferisci tra Immobile e Dzeko? La regola del 5 del turnover sarà rispettata anche questa volta?
“Non mi sono nemmeno reso conto che ne cambio 5. Bisogna sempre cambiare e succederà anche in questo caso come a Milano. Io tra i due preferisco ovviamente Dzeko, hanno comunque caratteristiche diverse. Ad Immobile piace girare per tutto il fronte d’attacco, è bravo ad attaccare anche in profondità. Edin ha una presenza maggiore in area, ha qualità tecniche importanti, ti dà alternative differenti. Sono giocatori di spessore ma io mi tengo Edin!”.

Il vostro ad Gandini ha detto che questa partita è importante anche da altri punti di vista... cosa pensa di Madatov?
“Sono curioso di vederlo, ha un gran piede e un gran tiro dalla distanza. Ha fatto due gol calciando molto bene ma io sono qui principalmente per vincere. Ci sono diversi giocatori interessanti che sanno far male".

Defrel ha fatto un turnover particolare, vuole usarlo solo come vice-Dzeko?
“Può rigiocare esterno, ho fatto delle scelte in base alle gare affrontate. Devo valutare diversi giocatori vedendoli in allenamento. Valuto anche in base alle sensazioni. Potrebbe tranquillamente rigiocare esterno a destra”.