Palermo, Micciché: "La Roma concede parecchio alle squadre piccole. Uçan ci piaceva ma era infortunato"

19.02.2016 12:54 di Danilo Magnani Twitter:    vedi letture
Fonte: Tele Radio Stereo
Palermo, Micciché: "La Roma concede parecchio alle squadre piccole. Uçan ci piaceva ma era infortunato"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca

Il vice presidente del Palermo Guglielmo Micciché, è intervenuto ai microfoni dell'emittente radiofonica Tele Radio Stereo per parlare della sfida di domenica sera all'Olimpico. Queste le sue parole: "L'avvento di Spalletti ha restituito alla Roma ordine in campo e convinzione dei propri mezzi. Contro il Real Madrid hanno giocato alla pari per l'intera partita quindi è una squadra sicuramente in ripresa. Sarà una partita difficile per noi ma vogliamo portare via un risultato positivo. La Roma quest'anno ha concesso parecchio alle squadre medio-piccole e speriamo di poter sfruttare le occasioni che in campo potrebbero arrivare". Miccichè ha poi parlato del ritorno di Iachini: "Speriamo sia un percorso nuovo con l'allenatore vecchio. Per fortuna a settembre non abbiamo rescisso il contratto. Con Beppe c'è stata una nuova condivisione di intenti e di obiettivi. Con Schelotto e Ballardini forse c'è stata poco chiarezza sin dai loro arrivi. Ora vogliamo chiudere al meglio questa stagione facendo tesoro degli errori fatti finora. Ripartiamo con la convinzione di poter riportare il Palermo in posizioni migliori che la piazza merita. Quattro punti sul Frosinone ci lasciano preoccupati ma siamo un gruppo di squadre nella stessa situazione. Dalla Sampdoria al Genoa passando per l'Udinese, nessuno sta vivendo una stagione felice. Dobbiamo trovare unione e concentrazione all'interno della squadra e lottare fino alla fine cercando di inanellare qualche risultato positivo". Infine un pensiero anche su Salih Uçan, centrocampista giallorosso finito nelle mire del Palermo durante l'ultima sessione di calciomercato: “È un giocatore che ci piaceva. A gennaio non si è mosso a causa di un infortunio, è un centrocampista interessante, di qualità. Prendere un giocatore dalle grandi squadre è complicato perché il costo del lavoro non rientra nei nostri parametri. Emerson Palmieri a noi piaceva, soprattutto a Iachini e lo avevamo riportato a Palermo quest'anno a luglio. Poi ci sono stati dei disguidi burocratici ed è tornato indietro. Era cresciuto molto durante la scorsa stagione, peccato che quest'anno non stia trovando molto spazio".