La settimana dell'avversario - Torino

05.12.2015 11:00 di Alfonso Cerani   vedi letture
La settimana dell'avversario - Torino
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

È vero che, allo stato attuale delle cose, qualunque squadra incontri la Roma risulterebbe scomoda, ma il Torino in particolare è l'avversario sbagliato al momento sbagliato. Dopo la sosta per le Nazionali la compagine granata ha vinto tutte e tre le partite giocate, compresa l'abbuffata di gol in Tim Cup contro il Cesena. Ventura, che contro i giallorossi diventerà l’allenatore con più panchine consecutive nella storia del Torino, ha fatto riposare i big, ma senza aver sentito la loro mancanza. Il divario di categoria contro la squadra che occupa la quarta posizione in Serie B è sembrato netto e la pratica qualificazione agli ottavi di Coppa Italia è stata sbrigata in 13 minuti. Autori dei gol nel primo quarto d'ora del match due giocatori non proprio avvezzi alla conclusione in porta come Gazzi e Moretti. Nella ripresa hanno poi completato l'opera Maxi Lopez e Benassi, per un 4-1 che non ha ammesso repliche. Il Toro ora affilerà le corna per caricare a testa bassa la Juventus, avversaria agli ottavi in un derby senza domani.

Ma la settimana granata è stata importante anche per altri motivi che non riguardano il campo. Il presidente Cairo infatti sta provvedendo a blindare, uno dopo l'altro, i suoi gioielli. Dopo il turno, tra gli altri, di Moretti, Maxi Lopez e Bruno Peres (quest'ultimo in passato cercato anche dalla Roma) è stata la volta di Nikola Maksimovic. Il difensore serbo, ex pallino del Napoli ma autentica meteora in questa stagione, ha prolungato fino al 2020 allontanando così possibili pretendenti. Ora l'ultimo passo è il rinnovo di Kamil Glik, attesissimo dai tifosi. “Nei prossimi giorni ci incontreremo per il rinnovo del capitano", è stata la promessa solenne fatta da Cairo ai tifosi.

Nei giorni antecedenti alla sfida contro la Roma, Giampiero Ventura ha avuto la possibilità di lavorare col gruppo pressoché al completo, se si escludono gli infortunati di lungo corso. A destare qualche preoccupazione è stato l'attaccante di riferimento Fabio Quagliarella, escluso dai convocati per la partita di Tim Cup a causa di un affaticamento. Tuttavia, dopo la sfida di Coppa, Quagliarella è tornato ad allenarsi regolarmente con il gruppo, a differenza di Gaston Silva, il quale invece ha svolto lavoro personalizzato ed è stato escluso dalla lista anti-Roma. Infine, una nota romantica per gli amanti del Grande Torino. La raccolta fondi per la ricostruzione del mitico stadio Filadelfia procede a gonfie vele e ha raggiunto quota 200 mila euro. Per Natale sono state inoltre lanciate iniziative come quella dei seggiolini personali venduti a 1000 Euro, iniziativa alla quale ha aderito anche il presidente del CONI Malagò. Un processo di rivalutazione che farà invidia a chi, da anni, pensa di fare lo stesso con Campo Testaccio, casa originaria dell'AS Roma.