CESSIONE AS ROMA - Domani probabile conferenza stampa alle ore 18. Zimatore è atterrato a Boston, Camiglieri: "Si chiude nelle prossime 48 ore" AUDIO! FOTO!

dagli inviati a Boston Alessandro Carducci ed Emiliano Di Nardo
14.04.2011 23:22 di Greta Faccani   vedi letture
CESSIONE AS ROMA -  Domani probabile conferenza stampa alle ore 18. Zimatore è atterrato a Boston, Camiglieri: "Si chiude nelle prossime 48 ore" AUDIO! FOTO!
© foto di Alberto Fornasari

Vocegiallorossa.it segue live tutte le notizie sulla cessione della Roma:

23.15 - Domani ci sarà probabilmente una conferenza stampa tra le ore 18 e 19 ore italiane in cui verrà ratificato il passaggio di proprietà e quindi la fumata bianca che porterà la Roma in mani americane. Successivamente a Roma, ci sarà la firma vera e propria. Questi tempi sono dovuti alla procedura legata all'Antitrust e Consob. Non ci sono nessun tipo di problemi a livello di garanzie, mentre il clima è completamente disteso. Alla conferenza stampa, non ancora confermata, ci saranno tutti i soci appartenenti alla cordata. Questo è quanto riferito da Emiliano Di Nardo, inviato di Radio Ies a Boston.

21.30 - Attilio Zimatore è atterrato a Boston.

15.20 -  I vertici di Unicredit e i legali di DiBenedetto&soci sono a Boston, e già oggi Paolo Fiorentino, numero due di Unicredit, incontrerà James Pallotta. Domani dovrebbe invece essere in agenda la riunione finale, per la definizione degli ultimi particolari.

15.00 - La firma sulla cessione della Roma potrebbe arrivare il 1° maggio: è quanto sostiene Carlo Zampa intervenuto a Radio IES.

12.20 - "Non ho notizie fresche: speriamo bene". Le parole del sindaco Gianni Alemanno sulla vendita della Roma rispondendo ai cronisti a margine della firma di un Protocollo d'Intesa con l'Enel e La Sapienza.

11.30 - Le parole di Tullio Camiglieri, portavoce di Thomas DiBenedetto tramite la Open Gate, a Radio Ies, poco prima dell'imbarco sull'aereo che lo porterà a Boston: "Chiariamo subito che l'incontro di oggi viene dopo lunghi mesi di contrattazione. Siamo abbastanza ottimisti, penso che nelle prossime 48 ore si possa chiudere. E' un momento importante non solo per la Roma ma per tutto il calcio italiano, ci si confronterà con un modo diverso e più avanzato di fare sport. Sicuramente era più difficile all'epoca dell'entrata di Murdoch sul mercato televisivo italiano. All'epoca ci furono atteggiamenti ostili da parte del mondo politico; questa pure è una partita complicata ma ci sono diversi punti fondamentali. Nel calcio italiano non ci sono fonti di guadagno certe negli anni, il futuro passerà dalla costruzione degli stadi e dalla valorizzazione del marchio "Roma" nel mondo. Credo che l'arrivo di aria nuova sia importante. Porteremo la Roma fuori dal Grande Raccordo Anulare. Dobbiamo essere cauti, parliamo di una società quotata in borsa. Sono trattative molto complesse e fino all'ultimo c'è il rischio che la chiusura possa slittare di qualche giorno. Ripeto, siamo ottimisti; in questi mesi è stato fatto un lavoto molto accurato che sicuramente darà i suoi frutti nel prossimo futuro. Sicuramente la nuova Roma sarà forte del proprio nome e della propria storia, raccogliendo consensi in tutto il mondo. Non credo che vengano fatti i nomi subito dopo le firme, siamo ancora nella fase che precede le trattative di questo tipo. Ci sono tante regole da rispettare e questi processi è normale che siano lunghi. Da noi per gli stranieri è difficile investire in qualunque campo. Il nostro è un mercato che da alcuni punti di vista spaventa gli investitori. Un esempio può essere la lentezza della giustizia civile nel nostro paese. Spero che questo possa cambiare nel corso dei prossimi anni, dando la possibilità anche ad altri gruppi di investitori di approdare in Italia. Sono rimasto stupito della risposta di Petrucci. DiBenedetto ha solo detto che all'Olimpico la partita non si vede bene, mi sembra che questo sia un dato di fatto. Capisco che lo Stadio Olimpico ha bisogno di Roma e Lazio ma si deve anche pensare a un processo di cambiamento che coinvolga tutto il paese. Sono della Lazio? Questa è sempre una problematica da Raccordo Anulare. Non lo dicono solo di me, purtroppo, ma anche di altri collaboratori. Noi siamo professionisti e abbiamo la voglia di metterci a disposizione di un gruppo con professionalità e, soprattutto, buona fede".

 

Camiglieri Radio Ies 14.4.11 by Vocegiallorossa.it


10.45 - Secondo Retesport, nella giornata di domani alle ore 18,30 italiane sarebbe prevista una conferenza stampa a seguito dell'apposizione delle firme che porteranno la Roma in mani americane.

09.10 - Come anticipato da Vocegiallorossa.it nei giorni scorsi (LEGGI QUI LA NOTIZIA), Attilio Zimatore si trova in questo momento in areoporto nell'attesa di partire per Boston in tarda mattinata. La sua è una presenza rilevante che potrebbe indurre a pensare al buon esito della trattativa poiché, essendo il presidente del Consiglio di Amministrazione di Roma 2000, la sua firma dovrebbe servire a ratificare l'effettivo passaggio di proprietà della As Roma. Sullo stesso volo, che subirà un'ora di ritardo, presenti anche Tullio Camiglieri e Franco Spicciariello della Open Gate Italia, la società di consulenza del gruppo americano capitanato da DiBenedetto.

Uploaded with ImageShack.us