Roma Femminile, Spugna: "La Serie A ci deve servire ad alzare l'asticella. Siamo riuscite a gestire bene le forze". VIDEO!

26.11.2023 15:30 di Marco Campanella Twitter:    vedi letture
Roma Femminile, Spugna: "La Serie A ci deve servire ad alzare l'asticella. Siamo riuscite a gestire bene le forze". VIDEO!
© foto di Gabriele Chiocchio

Al termine di Roma-Fiorentina, ha parlato Alessandro Spugna

Alessandro Spugna in mixed zone

(Domanda di Vocegiallorossa.it) Anche in condizioni non ottimali, la Roma è nettamente più forte della terza in classifica. 
"I numeri sono quelli. Nel calcio non devi mai distrarti, devi alzare sempre l'asticella perché le altre sono lì. La Serie A ci deve servire per alzarla, così come la Champions. Dobbiamo lavorare sempre per migliorarci e lo stiamo facendo. Dobbiamo goderci questo momento, stiamo vivendo qualcosa di unico: 9 vittore in campionato, 14 risultati utili sono tanti. La squdra ha lavorato benissimo, lo staff anche. Stiamo sulla strada giusta". 

(Domanda di Vocegiallorossa.it) Ha ruotato poco, come mai? 
"Spero ruotino in Nazionale (ride, ndr). Abbiamo calcolato di poter giocare con alcune calciatrici, altre le dovevamo gestire. Lucia ha preso una botta a Monaco ed era in staffetta con Elisa che anche lei andava gestita. Viens era indisponibile. Non avevamo grandi possibilità di alternare, però c'era Giada fresca. Siamo riusciti a gestire bene le forze. Anche le subentranti hanno fatto bene, come Valdezate: non è facile entrare a due minuti più recupero, ma avevamo necessità di lei e ha fatto benissimo". 

C'era stanchezza?
"Normale. La stanchezza fisica per forza, in neanche 48 ore hai rigiocato contro una squadra che sta facendo bene in campionato. Sarebbe stato difficili anche in condizioni normali, naturalmente abbiamo perso un po' di lucidità. Faccio i complimento alle ragazze e allo staff: riuscire a fare una prestazione così, dopo quella di giovedì non era facile. Tra il primo e il secondo tempo ho chiesto di giocare più vicine e lo abbiamo fatto. Abbiamo dominato più nel secondo tempo, ciò vuoldire che mentalmente la squadra ha fatto una partita importante". 

Nel primo tempo si è visto qualcosa di migliorabile?
"Sì, siamo partite bene nei primi 25 minuti, senza i soliti ritmi ma era impossibile averli. Siamo andate in vantaggio con un gran gol di Giada, poi abbiamo preso gol da una ripartenza in cui non eravamo posizionate bene. Dopo abbiamo perso un po' di lucidità. Poi nel secondo tempo, abbiamo ripreso a giocare come sappiamo e ci ha permesso di condurre la partita. Abbiamo fatto il secondo gol, ma potevamo fare anche il terzo. La partita è andata in crescendo". 

Ti aspettevi 14 risultati utili consecutivi in 14 gare?
"Sono tanti, abbiamo iniziato dicendo di provarci. La Champions ti toglie energie, ma le ragazze e lo staff sono stati straordinari a gestire tutto questo. Ci siamo, dobbiamo sforzarci a fare altrettante partite così, con il sogno della Champions di mezzo. Vediamo". 

Alessandro Spugna ai canali ufficiali del club 

Una vittoria che significa tanto: la Roma è in testa alla classifica, a punteggio pieno.
“Questa vittoria significa tantissimo. Tantissimo per la prestazione fatta perché fare una partita così, e calcolare tutto, dopo lo sforzo di giovedì, significa tantissimo. E voglio ringraziare le ragazze, lo staff, tutti. Poi, aggiungere il fatto che siamo a punteggio pieno alla fine del girone di andata, dà merito al lavoro che si sta facendo. È qualcosa di incredibile, se aggiungiamo le gare di Champions League giocate in mezzo alla settimana, siamo assolutamente contenti. Ora prendiamo questo riposo, anche se sarà per poche calciatrici perché tante saranno impegnate in nazionale, ma questo è il calendario, dice questo. Siamo contente, dobbiamo goderci questo momento”.

La Roma si è gestita in campo. Dopo il pareggio della Fiorentina, ha aspettato con calma e consapevolezza il momento giusto per andarsi a riprendere il vantaggio.
“Oggi era inevitabile, eravamo meno brillanti del solito, ma era naturale che fosse così. Nell’intervallo ho chiesto alle ragazze di non buttarsi in avanti all’arma bianca, ma di cercare di giocare corti, vicine, di avere la forza di palleggiare con passaggi brevi, veloci, ma vicini. Quello ci poteva portare ad isolare dei duelli e a trovare la possibilità di fare gol. Ci siamo riusciti, abbiamo trovato il 2-1, abbiamo avuto altre occasioni importanti: Manuela ha fatto un qualcosa di incredibile, Baldi ha fatto una grande parata. La traversa di Kumagai, insomma diverse situazioni favorevoli. Ripeto, una prestazione da applausi perché oggi era impossibile fare meglio”.

La Roma gioca bene e trova anche dei bellissimi gol, come quelli di Greggi e Glionna, due perle dalla distanza.
“Due bellissimi gol. Sono contento per loro, se lo meritano, stanno lavorando bene. È stata una vittoria davvero importante. Fa gol Giadina, fa gol Benny, ma è la vittoria di un gruppo speciale”.