Inter, Nainggolan: "Via da Roma non solo per colpa mia, sono rimasto deluso. Pallotta dovrebbe essere più presente"

17.10.2018 10:21 di Andrea Cioccio Twitter:    vedi letture
Inter, Nainggolan: "Via da Roma non solo per colpa mia, sono rimasto deluso. Pallotta dovrebbe essere più presente"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Radja Nainggolan, ex centrocampista della Roma ora in forza all'Inter, ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport, in cui ha parlato dei suoi ex compagni e della stagione attuale. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni: 

“Tra dieci anni non vorrò più sapere nulla del calcio. C’è troppa gente che non è diretta, non è un mondo adatto per me. Adesso sì, mi diverto, mi emoziono ancora e va bene così”.

Differenze col derby di Roma?
“Qui qualche tifoso mi ferma: “Oh, mi raccomando domenica”. Però è tutto più tranquillo. Lì c’erano compagni romani che mi caricavano di continuo. E se perdevi, te lo ricordavano pure due mesi dopo… Ora Spalletti mi ripete di continuo che le due gare con il Milan valgono un campionato a parte. E sono sicuro che allo stadio il boato sarà impressionante”.

Giochiamo: Spalletti sabato le anticipa che andrà in panchina. Lei cosa risponde?
“Va bene mister, non c’è problema… (ride, ndr ). Che dire, io gare così di solito non le salto”.

Spalletti sostiene: «Da Nainggolan ho 3-4 strappi a partita, di solito ne fa 20-30».
“So cosa vuole da me. Ho pagato l’infortunio, ma sto arrivando al massimo, manca poco”.

Come andò in quelle notti insieme a Trigoria?
“Un giorno mi prese da parte e mi disse: “Qui c’è da cambiare qualcosa. Ti voglio proteggere, ora dormi 4-5 giorni nel centro sportivo”. E io: “Va bene, accetto”. Arrivai in ritiro e lui era presente. Rimasi colpito, mi fece piacere: aveva rinunciato al suo tempo libero per stare con me. Lui sa come prendermi. Sì, ho i miei lati negativi, faccio ragionamenti particolari dovuti al mio passato. Ma mi piace vivere sempre al massimo”.

Filosofia forse un po’ rischiosa.
“Le faccio un esempio: dopo la partita l’adrenalina è a mille, impossibile dormire. E allora, piuttosto che stare a casa davanti alla tv fino alle 5, perché non posso uscire con gli amici? Mi rilasso molto di più, tanto a casa non dormirei comunque”.

La fine del rapporto con la Roma, però, è stata forzata.
“È finita non per colpa mia, almeno non del tutto. Sono rimasto deluso da alcuni comportamenti che come uomo non posso accettare. Io ho sbagliato, di sicuro, come quel video di Capodanno…però loro hanno fatto le cose senza dirmi niente. E invece da uomini veri ci si parla in faccia. La Roma voleva incassare soldi dalla mia cessione. Ho scoperto dopo che erano d’accordo con club stranieri che non avrei mai accettato, mi sono sentito trattato come un giocatore non importante, hanno fatto le cose alle mie spalle. A quel punto mi ha chiamato Spalletti e non ci ho pensato un attimo. All’inizio avevo rimpianti, ma qui sono stato accolto benissimo”.

Qual è la differenza tra i due club?
“Qui ho trovato una società molto preparata, ci sanno fare, sono tutti presenti. Steven Zhang è sempre qua. A Roma il presidente viene una volta all’anno…e io penso che una persona dovrebbe essere presente alla guida di una sua azienda. Sarebbe importante anche per i tifosi: ogni anno cambiano 3-4 giocatori importanti. Magari se ci fosse il presidente potrebbe spiegare meglio il perché di alcune scelte”.

Dove si immagina tra 10 anni?
“A Roma, è il posto dove voglio far crescere le mie figlie”.

Come vive Milano?
“È molto più comoda: a Roma per andare da Casalpalocco al centro ci mettevo un’ora e un quarto, qui in 20 minuti sei ovunque. È tutto più organizzato, il traffico… i semafori (ride, ndr ). C’è stata la fashion week poco tempo fa: mi sono molto divertito”.

Chi è il calciatore più forte con cui ha giocato?
“Scontato dire Totti. Penso a Pjanic, la Juve senza di lui non è la Juve. E poi Maicon: lo guardavi e pensavi “ma questo come c… fa?”.