Sette Colli, Tonucci: "Lavoriamo per chiudere la trattativa". G.Rossi: "Derby? Lazio favorita", De Sisti: "Pizarro mi assomiglia" VIDEO!

Dagli inviati Alessandro Carducci ed Emanuele Melfi
11.03.2011 15:01 di Emanuele Melfi   vedi letture
Sette Colli, Tonucci: "Lavoriamo per chiudere la trattativa". G.Rossi: "Derby? Lazio favorita", De Sisti: "Pizarro mi assomiglia" VIDEO!
Vocegiallorossa.it

L’evento, ideato da Alessandro Milza e Fabrizio Pacifici e patrocinato dall'A.N.P.O.E. (Associazione Nazionale Produttori Organizzatori Eventi), giunto ormai alla IV edizione, si sta svolgendo presso l’Antica Biblioteca Valle, in via del Teatro Valle 7 (Corso Vittorio Emanuele). A ricevere il Pallone d'Oro e Porpora, riconoscimento promosso da OROEPORPORA.IT e conferito ad un calciatore della Roma che si è reso protagonista nei derby del passato, sarà questa volta Giancarlo De Sisti, autore di due reti messe a segno nella stracittadina. L'opera è stata ideate e realizzata da Lara Lazzari. Ad un'altra bandiera romanista, Pedro Manfredini, verrà invece assegnato il premio Sette Colli Giallorossi. Per Giorgio Rossi, storico massaggiatore della Roma da oltre 50 anni, è previsto un premio alla carriera.

 

 

Ore 20.45 - Arriva Giorgio Rossi che  rilascia alcune dichiarazioni sul momento romanista e sulla stracittadina di domenica: "Il quarto posto si può raggiungere ma bisogna giocare con il cuore ed essere uniti. Il derby? Loro partono favoriti e si sa che nel derby le squadre che stanno meglio fisicamente e moralmente possono incontrare qualche difficoltà".

21.00 - L'avvocato Tonucci sulla cessione dell'As Roma: "Stiamo lavorando bene per chiudere il prima possibile, questo è un gruppo serio, non posso entrare nei particolari. Abbiamo lavorato nell'ombra forti dell'esperienza precedente avuta con Soros quando poi si parlò di un'altra offerta e saltò tutto. Stavolta abbiamo evitato si parlasse troppo. Spero Di Benedetto possa arrivare a breve. Ora non dipende solo da noi, stiamo lavorando bene con l'altra parte ma non è escluso ci possa essere uno slittamento".

21.20 - Giancarlo De Sisti racconta un po' della sua esperienza romanista: "Ricevere questi premi fa sempre piacere, è importante e spero di averlo meritato. Dieci campionati con la Roma sono un buon traguardo, mi dispiace non aver giocato in giallorosso  nel momento migliore della mia carriera, cioè quello di Firenze. Sono orgoglioso di aver vestito questa maglia, anche con le giovanili mi sono preso molte soddisfazioni. Chi è più simile a me al giorno d'oggi? Pizarro, è molto bravo e ha la mia stessa statura". Poi l'ex centrocampista romanista parla del passaggio di società: "Gli americani? Non li conosco, spero possano venire a far bene. La Roma deve pensare in grande. Prima con Franco ma anche con Rosella la società ha lavorato benissimo, questa è un'annata storta. Senza soldi non si arriva da nessuna parte".

21.45 - L'Avv. Tonucci ritira il premio "Roma-Lazio": "Oggi gioco in trasferta ma vedo entusiasmo. Ho accettato questo invito per lo scopo della serata, unire le due tifoserie. C'è questa situazione in cui il nostro studio che sta rappresentando quello che dovrebbe essere la nuova società della Roma. Tirerete un sospiro di sollievo perché la trattativa la conduce l'Avv. Baldissoni che è un romanista sfegatato. Siete in buone mani, noi cerchiamo di fare il nostro seriamente lavoro, e proprio perché è fatto seriamente è sottratta da ogni altro tipo di stimolo".

22.20Giancarlo De Sisti ritira il Pallone d'Oro e Porpora: "Ringrazio tutti per questo premio che so essere di grande importanza. Vedo tanti giovani, molti di voi non sanno probabilmente chi sono. Quando sono arrivato io era appena arrivato Giorgio Rossi, ho esordito nel 1960/1961. Quello che ha caratterizzato la mia carriera non è stata solo la mia professionalità nel modo di vivere e di allenarmi ma anche il dare risalto ai valori che mi ha insegnato mio padre che sono il rispetto e la lealtà. Oggi sono ambasciatore scolastico del fair-paly: vado nelle scuole a parlare di sport e per me questo è motivo di grande orgoglio. Siamo alla vigilia di un derby ed io ho avuto la fortuna di caratterizzarne uno insieme ai miei compagni. Sono uno dei pochi romani e romanisti ad aver deciso un derby e non è da tutti. La mia cessione alla Fiorentina è servita a salvare le casse della Roma dopo la colletta del Sistina, in quel momento mi sono sentito importante perché ho capito che ho fatto davvero qualcosa di grande per la Roma. Non c'è stato modo di tornare a Roma anche dopo la carriera calcistica ma va bene così.

Giancarlo De Sisti a Vocegiallorossa: "E' difficile parlare di una squadra che quest'anno sta deludendo. Nello spogliatoio quest'anno non c'è amore; non so se la Roma riuscirà ad arrivare in Champions League ma deve assolutamente provarci. Buttare l'anno per questioni di spogliatoio sarebbe deleterio. Totti-Borriello? Lo abbiamo incoronato quando è arrivato per poi polemizzare alle prime partite senza gol...qui a Roma siamo belli anche per questo. Totti ha fatto una grandissima carriera ed è stato uno dei più grandi della storia del calcio italiano. Dopo i tanti infortuni che ha avuto, non riesce forse a dare continuità al suo campionato. Nulla può cambiare però il campione che è". 

 

Di seguito il video realizzato da LMR1.TV