Un 2022 "Da Tirana a Tirana", ma nel 2023 Zaniolo è chiamato a numeri importanti quanto il suo talento e alla consacrazione

18.11.2022 11:15 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Il podcast di Luca d'Alessandro
Un 2022 "Da Tirana a Tirana", ma nel 2023 Zaniolo è chiamato a numeri importanti quanto il suo talento e alla consacrazione
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Il 2022 di Zaniolo può essere considerato l'anno che ha fatto mettere alle spalle, al calciatore, il doppio infortunio ai legamenti che ne ha limitato, per ora la sua piena crescita. Da Tirana a Tirana, questo potrebbe essere il titolo di uno speciale sull'anno solare del numero 22 giallorosso. Inutile stare a ricordare come sia suo il gol che ha permesso alla Roma di vincere la UEFA Conference Leauge, mentre ieri si è ripreso una Nazionale che gli mancava da Italia-Turchia del 29 marzo, ma che di fatto, ha vissuto principalmente da spettatore, nella gioia degli europei e nel dolore legato alla non qualificazione per gli imminenti mondiali in Qatar. 

I numeri non sono stati dei migliori: 2 gol e 4 assist in Serie A, 5 gol e 4 assist tra Conference ed Europa League. Non dei migliori per uno dalle sue qualità si intende. Negli ultimi giorni più di un allenatore che ha avuto Zaniolo, da Di Francesco che lo ha lanciato in Champions, passando per Mourinho, fino al CT Mancini ha detto la propria tra la collocazione tattica e quello in cui ancora deve migliorare. 

Al di là delle continue ammonizioni che continua a prendere, quello in cui più o meno sono concordi tutti è che nel 2023, almeno calcisticamente, perché poi c'è l'aspetto del rinnovo contrattuale che è un argomento a parte, è che Zaniolo deve riuscire a far coesistere la propria potenza fisica a un aspetto mentale, in termine di decisioni da prendere durante le partite. Nella storia dei film sportivi ne è pieno di protagonisti simil Zaniolo, dotati di estremo talento che va controllato e raffinato, senza scomodare il motto "La potenza è nulla senza il controllo". 

Se dovesse riuscirci nel 2023 c'è da metterci la mano sul fuoco che i numeri individuali di Zaniolo aumenteranno notevolmente e di conseguenza anche i risultati della Roma. Il calciatore dal canto suo ha iniziato un processo sul proprio fisico che lo aveva portato a essere più asciutto, brillante e devastante in estate. Adesso manca l'ultimo step.