Mali, Keita: "Orgoglioso della qualificazione alla Coppa d'Africa e di essere il miglior marcatore della storia della Nazionale"

20.11.2014 22:39 di Claudio Lollobrigida Twitter:    vedi letture
Fonte: malifootball.com
Mali, Keita: "Orgoglioso della qualificazione alla Coppa d'Africa e di essere il miglior marcatore della storia della Nazionale"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Per celebrare la qualificazione del Mali alla prossima Coppa D'Africa, malifootball.com ha intervistato Seydou Keita, capitano della nazionale. Ecco le sue parole.

Congratulazioni, Seydou. Il Mali, infine, ha staccato il biglietto per la prossima Coppa D'Africa...
"Siamo molto orgogliosi di questa qualificazione soprattutto perché non era scontato. Siamo felici per una nuova partecipazione del Mali alla grande manifestazione del calcio africano. Siamo orgogliosi della nostra scommessa vinta con successo".

Abbiamo visto un nuovo volto delle Aquile contro l'Algeria, qual è stata la ricetta di questo revival?
"Siamo stati tutti massacrati dopo la sconfitta in Malawi. L'allenatore voleva che parlassimo, ma ho suggerito di aspettare qualche tempo in modo che i miei compagni di squadra e potessero digerire questa sconfitta. Non è necessario aggiungere altro alla delusione e alla rabbia che abbiamo avuto dopo la sconfitta perché eravamo in stato di shock.
Oggi (mercoledì, ndr) abbiamo davvero parlato e ci ha detto quello che aveva da dire. Mi sono preso le mie responsabilità come capitano e anche come giocatore più esperto del gruppo con Fousseni Diawara, per stimolare e rassicurare i miei compagni di squadra più giovani. Inoltre, eravamo con le spalle al muro, l'unica opzione che avevamo era vincere! Dobbiamo riconoscere che la squadra è rimasta unita".

A che punto hai compito che la qualificazione era acquisita?
"Non ci siamo arresi fino alla fine! Siamo stati concentrati e ci siamo applicati fino alla fine e non abbiamo lasciato nulla.
Ogni reparto della squadra ha fatto il suo lavoro, abbiamo giocato come una squadra, con una forte determinazione per qualificarci. Complimenti alla squadra e, con questa mentalità, faremo ancora meglio in futuro".

Basta battere record, ora sei il capocannoniere nella storia delle Aquile del Mali (24 gol, ndr)...
"Sono molto orgoglioso, davvero. Ciò dimostra che ho dato tutto per il mio Paese e che, pur essendo centrocampista, sono stato spesso decisivo per aiutare il Mali. Molto spesso questo tipo di cose sono di grande importanza in altri Paesi, ma sento che passa inosservato in Mali... Sono il miglior marcatore nella storia delle Aquile del Mali che ha prodotto un grande numero di grandi giocatori, non vorrei nascondere il mio orgoglio. Si tratta di qualcosa di grande! Non era il mio obiettivo, ma la realtà è lì e non posso che essere orgoglioso di questo record".

Anche tu sei in procinto di giocare la settima Coppa D'Africa con il Mali, che longevità...
"Questo dimostra la coerenza che ho avuto durante la mia carriera, quello che ho messo nella mia professione. A 34 anni, ho lavorato in uno dei più grandi club d'Europa e continuo a difendere il mio Paese. Mi sono unito alla selezione nel 1998 e nel 2014 sono ancora qui  e in grado di difendere questa selezione, nonostante la mia età. Questo è qualcosa di enorme!"

Che possiamo aspettarci in termini di miglioramento, in vista della prossima Coppa d'Africa che si svolge in due mesi?
"Eravamo in buone condizioni per la preparazione di questa partita e siamo riusciti a fare una grande gara. Quando accadono le cose buone si deve sottolineare e continuare su questa strada e soprattutto evitare di ripetere le cose peggiori. Per ora, non ho avuto discussioni con la Federazione su come ci prepareremo per la Coppa d'Africa. Ci piace la nostra qualificazione e al momento adatto ci sarà un corso sulle modalità per la buona partecipazione alla Coppa d'Africa. Il nostro allenatore ha un sacco di esperienza con la Federazione e  metterà in atto quello che ci vuole".

Tu sei il più famoso in Nazionale, un messaggio ai tifosi?
E' vero che i nostri tifosi sono stati molto contenti questa sera (mercoledì sera, ndr), siamo stati in grado di portare loro gioia. So che erano delusi e allo stadio non erano molti, ma il loro sostegno ci ha aiutato molto e questa qualificazione è per loro! Abbiamo sempre bisogno del loro sostegno positivo. Ci sono un sacco di giovani giocatori in questa selezione che sta cominciando a prendere forma. La squadra dovrebbe essere incoraggiata senza mettere pressione. Hanno il potenziale per consentire al Mali di rimanere ancora una grande squadra di calcio!".

MALIFOOTBALL.COM - KEITA PARLA DELLA QUALIFICAZIONE ALLA COPPA D'AFRICA