Ranieri: "La Roma per me è tutto. Totti? Nessun caso. Contro il Cesena ci vuole determinazione"

15.01.2011 12:34 di Eleonora Ciampichetti   vedi letture
Ranieri: "La Roma per me è tutto. Totti? Nessun caso. Contro il Cesena ci vuole determinazione"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Alle 12.30 è prevista la consueta conferenza stampa pre-match di mister Ranieri. Seguila in diretta su Vocegiallorossa.it

Come è stata questa settimana in merito alla vicenda Totti?

Non c’è mai stato un caso, per me bisogna lottare fino al 90°; io continuo a cercare di vincere se sto vincendo, provo a pareggiare se sto pareggiando. Non c'è stata mancanza di rispetto da parte mia, ma è stata una dimostrazione di grande stima per un giocatore che poteva risolvermi la partita con una punizione, un tiro. La dimostrazione di una grande considerazione del mio Capitano.

 

Cosa le ha detto Totti?

Sono cose normali,abbiamo parlato, riso,scherzato.

 

C'è chi dice che lei abbia logorato i rapporti nello spogliatoio. È tutto falso?

Da parte mia non credo e nemmeno da parte dei giocatori. Il rapporto è buono per  tutti, è un rapporto normale e professionale, tutti vogliono cercare di dare il massimo per il Campionato.
 

Sul suo futuro? Sensazioni?

Potevo andare via a giugno e non sono andato via, per  me la Roma è tutto, sono determinato e sereno.

 

Perchè la Roma ha un rendimento così diverso in casa e in trasferta?

Non riusciamo a trovare un perché, siamo sempre gli stessi, un conto è avere sempre i nostri tifosi al fianco, un conto è non averli. Domani ne arriveranno tanti a Cesena, lì nn abbiamo mai vinto, è una gara molto importante e difficile. Vogliamo cominciare bene il girone di ritorno.


Totti negli ultimi 6 mesi ha segnato solo una volta. Cosa manca a Francesco per tornare quello che conosciamo?

Totti sta bene, è in forma e non si tira mai indietro negli allenamenti. Poi ci possono essere momenti così; mi sembra quando ha vinto la Scarpa d’oro per i primi due-tre mesi non aveva segnato molto. Mi aspetto i suoi gol, aspetto che Borriello continui a farne, così vale anche per Vucinic, Adriano e Menez. Dobbiamo anche cercare di mantenere la porta inviolata.

 

È tornato Pizarro, che giocatore ha ritrovato?

Lui è molto sereno, ha questo problema che si porta dietro da tre – quattro anni. Sta facendo quello che gli è stato prescritto in Cile, speriamo continui a migliorare perché è importante per la Roma.

 

Domani che Cesena si aspetta?

Sta attraversando un buon periodo di forma, viene da 7 punti nelle ultime tre partite e sono sempre pronti a ripartire, come all’andata. Ci troveremo un muro di dieci uomini più il portiere. Sarà una gara particolare, dobbiamo stare attenti soprattutto alle loro ripartenze.

 

Totti dovrebbe tornare a giocare come prima punta, ci potrebbero essere novità tattiche?

Novità? Da quando ci sono io no. Decido stasera.

 

Chi giocherà in porta? Doni o Lobont?

Ho deciso ma lo saprete domani.

 

Come ha visto Juan dopo Genova?

Sereno è sereno, è un campione per cui tutti quanti lo abbiamo rincuorato. E’ un campione e gli errori fanno parte della vita. Bisogna metterli alle spalle e andare avanti. Il primo a dispiacersi è stato lui ma si è ripreso, mi aspetto il solito campione.

 

Si dice che lei abbia problemi nel gestire grandi giocatori, come risponde?

Io ho sempre fatto il massimo dei punti che poteva fare la squadra che allenavo.

 

Quando vedremo la vera Roma?

La state vedendo. Questa è la vera Roma, quando bella e quando brutta. Abbiamo bisogno di tutti, del supporto del nostro pubblico.

 

Allegri vede l’Inter come principale rivale per lo scudetto.

Io vedo l’Inter come principale candidata per lo scudetto, ma Allegri ha detto che anche la Roma può dire la sua.

 

Rosi può tornare utile domani?

Certo, certo. Aleandro è un ragazzo che sta facendo dei grossi progressi, negli ultimi dieci giorni abbiamo parlato molto e credo molto in lui e a quello che può dare alla Roma nel suo futuro.

 

Mister, da gestore di un gruppo, se potesse tornare indietro rifarebbe giocare quei 4 minuti a Totti?

Rifarei la stessa scelta anche domani.

 

L’idea di giocare con due esterni larghi è offensiva o più di copertura?

Se avessimo giocatori con caratteristiche idonee a coprire tutta la fascia sarebbe sia offensiva che difensiva. I giocatori che abbiamo sono offensivi, quindi offensiva.

 

Si recuperano 8 punti a questo Milan?

Se cambiamo il trend e prendiamo punti anche fuori casa si, perché in campionato ci sono alti e bassi da parte di tutti.

 

Secondo lei, domani è l’ultimo treno per lo scudetto?

Dobbiamo fare la nostra gara come a Genova, dove ho visto una bella Roma. Mettiamoci la solita determinazione e poi accettiamo il risultato come abbiamo sempre fatto.