Piris: "Mi dispiace non essere stato all'altezza della Roma"

01.07.2020 15:36 di Alessandro Paoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: GianlucaDiMarzio.com
© foto di Insidefoto/Image Sport
Piris: "Mi dispiace non essere stato all'altezza della Roma"

Il difensore paraguaiano, classe '89, Iván Piris, attualmente al Club Libertad, ha rilasciato una lunga intervista a GianlucaDiMarzio.com alla vigilia di Roma-Udinese, in programma giovedì 3 luglio alle ore 21:45, in qualità di doppio ex (AS Roma 2012/2013 ed Udinese Calcio dal 2014 al 2016):

"Per noi sudamericani arrivare in Europa è il massimo. Mi sono ritrovato in uno spogliatoio con Totti, De Rossi, Burdisso, Stekelemburg, Lamela. C’era anche Pjanić, anche se ha iniziato a giocare l’anno dopo dimostrando di essere un grande giocatore, ma ogni allenatore ha i suoi gusti. Nella mia prima stagione ho giocato 32 partite, alternando momenti positivi e negativi, ma credo di aver pagato l’inesperienza e l’adattamento a un calcio più tattico".

Su Zdeněk Zeman: "Correvamo tanto e giocavamo bene, ma non vincevamo. Voleva che i terzini spingessero tanto e io nelle mie esperienze precedenti non ero abituato, però in quella stagione feci cinque assist. Il giorno successivo commentava le partita. Dopo il pareggio all’esordio contro il Catania ero in fondo al gruppo, non avevo capito niente di quello che aveva detto. L’italiano per me era difficile, se poi uno parla piano e con un tono basso allora apriti cielo. Per fortuna Lamela e Burdisso mi traducevano tutto quello che diceva. Zeman comunque è un grande allenatore, ha fatto bene in tante squadre. Quell’anno non abbiamo ottenuto buoni risultati ma mi ha dato tanta fiducia".

Sul suo errore nel derby (SS Lazio vs AS Roma 3-2, 11 novembre 2012): "Fu molto doloroso, non lo feci apposta. Avevo poca esperienza".

Sul fatto di non essere stato all'altezza: "Mi è dispiaciuto non essere stato all’altezza del club, dei tifosi e della dirigenza. Mi sarebbe piaciuto rimanere, ma l’anno successivo arrivò Maicon. Roma è una piazza difficile, aveva bisogno di un giocatore già affermato".

Su Antonio Di Natale e Francesco Totti: "Aggiungo anche De Rossi. In ogni allenamento sapevi che potevi imparare tanto da loro. Il giorno della firma iniziai a pensare subito a come sarebbe andata nello spogliatoio con loro, quali sarebbero potute essere le prime parole da rivolgerli. Nella prima partitella del ritiro in Austria rimasi sorpreso dal fatto che Totti giocasse sempre di prima, con un tocco metteva il pallone sotto l’incrocio. Non gliel’ho rivisto fare a nessuno. Mentre a Udine ho trovato Totò, che anche se era a fine carriera riusciva ancora a segnare in tutti i modi e dovevate vedere in allenamento di cosa era capace. Sono grato al calcio perché mi ha fatto giocare con due giocatori incredibili e non potrei chiedere nient’altro. Con Totti non parlavo molto ma lui era sempre vicino a tutti. Faceva spesso degli scherzi ed era il suo modo di dare forza a tutta la squadra. La prima volta che entrai nello spogliatoio mi presentai vestito in camicia, molto elegante, e lui mi disse ‘Questo non è un ufficio!’. Io rimasi sorpreso, quasi imbarazzato. Feci tre passi e lui scoppiò a ridere".