Pastore: "Ci ricorderemo a lungo di questo periodo ma l'Italia si rialzerà"

28.04.2020 10:30 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Pastore: "Ci ricorderemo a lungo di questo periodo ma l'Italia si rialzerà"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Javier Pastore ha scritto una lunga lettera all'agenzia di stampa argentina Agencia Córdoba Deportes: "Oggi ci rendiamo conto che le cose importanti della vita non sono il lusso o altro, ma essere in buona salute e poter parlare con la propria famiglia, sapere che stanno tutti bene. Questo riempie la nostra anima e il nostro cuore, non le cose materiali quindi, ma i sentimenti. Un fattore positivo è l'aver molto più tempo per i miei figli e per la mia famiglia. Un calciatore è sempre in viaggio esto assaporando il fatto di rimanere a casa. C'è però una paura, un pensiero negativo che ho quasi ogni giorno ed è l'incertezza di sapere quando tutto questo terminerà e potremo condurre una vita normale. Ho alcune persone che lavorano con me che mi aiutano a essere sempre positivo, ed è per questo che allenarsi ogni giorno, fare un lavoro mentale o fisico, ti dà la forza di pensare che tutto andrà bene, che saremo in grado di andare avanti. 
All'inizio conducevamo una vita normale. Abbiamo assistito a ciò che stava accadendo in Cina con un po di paura. Abbiamo guardato la TV e le notizie sul virus in Cina, sulle infezioni quotidiane. Quando abbiamo visto che stavano iniziando a costruire ospedali in pochi giorni, questo ha attirato la nostra attenzione. Abbiamo tutti temuto che il contagio potesse espandersi in altri Paesi perché dalla Cina molte persone viaggiano verso le capitali europee. Roma è costantemente piena di turisti e abbiamo iniziato a pensare di dover stare molto attenti.
Quando hanno iniziato a eseguire i test, abbiamo visto che in Italia c'erano molte persone infette. Ci siamo spaventati, abbiamo smesso di uscire e di andare in luoghi pubblici. È successo tutto rapidamente, soprattutto nel nord Italia. Nel momento in cui abbiamo visto le persone morire molto velocemente, ci siamo resi conto della gravità della situazione.
La situazione al momento è la stessa di quando è iniziata la quarantena: cerchiamo di essere il più attivi possibile a casa, allenandoci. Cerchiamo di stare con la mente lucida, sto molto con i miei figli e la mia famiglia. Facciamo acquisti online, compriamo il cibo dai supermercati e, con i guanti, li puliamo il più possibile prima di riporli. Non usciamo per niente. È una situazione difficile, penso che non sia normale per nessuno. Sarà sicuramente un brutto aneddoto che racconteremo a lungo nel futuro.
La mattina mi alzo la mattina e faccio l'allenamento che il club mi manda, avendo tutto il necessario per farlo a casa. Due o tre giorni alla settimana ci colleghiamo con FaceTime in gruppi di 10 o 15 per fare cyclette, correre o qualunque cosa dobbiamo fare. Pranzo con la mia famiglia e nel pomeriggio sto con i ragazzi, li facciamo giocare, facciamo i compiti che la scuola ha inviato via web, guardiamo le serie Tv, passiamo il tempo. In alcuni giorni andiamo in terrazza terrazza per respirare un po 'd'aria. Tutti i giorni sono  più o meno simili: ho due-re allenamenti giornalieri e nel resto del tempo posso stare con i miei figli, mangiare, dormire e iniziare il giorno successivo.
L'Italia soffre molto, come tantissimi altri Paesi, sia sotto il profilo sanitario che economico però avrà la forza per rialzarsi perché la gente è allegra e forte. Non so quanto ci vorrà. L'essere umano è fatto per soffrire e inciampare ma è sempre stato capace di risorgere e sicuramente, anche dopo questo periodo, si rialzerà. Sarà difficile, saranno alcuni anni difficili, ma penso che insieme avremo la forza di andare avanti e affrontare tutte le diversità".