COVID-19 - Lazio, cala l'indice rt. 8.085 nuovi contagi. 651 positivi in Toscana nelle ultime 24 ore. La Valle d'Aosta chiede la zona gialla. Brescia, al via il test salivare nelle scuole

13.05.2021 22:47 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Come di consueto, il Ministero della Salute ha condiviso il bollettino contenente gli aggiornamenti relativi alla diffusione del COVID-19 in Italia. Sono 8.085 i nuovi contagi su 287.026 tamponi processati. Le vittime nelle ultime 24 ore sono 201, in totale 123.745. Il tasso di positività registrato è del 2,8%. Vocegiallorossa.it vi aggiornerà LIVE con tutte le principali notizie.

22:47 - Attesa per il prossimo monitoraggio ISS. Quasi tutto il Paese dovrebbe essere in fascia gialla, mentre la Valle d'Aosta rimarrebbe in arancione. Ma il governatore Lavevaz in una lettera a Speranza chiede l'alleggerimento. Intanto però le Regioni insistono per rivedere i parametri utilizzati per calcolare l'indice RT, che a loro parere fornisce una visione distorta e non aggiornata dell'epidemia. Su questo è allo studio, da parte di un gruppo di lavoro di cui fanno parte CTS e ISS, l’individuazione di nuovi criteri.

22:05 - "Già dalla prossima settimana un'ora di slittamento del coprifuoco è una scelta possibile, nella consapevolezza che un'ora non risolve il problema ma dà una aspettativa, una speranza". Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, intervenendo alla trasmissione televisiva 'Porta a Porta' in onda su Rai1. "Siamo di fronte - ha proseguito - a un quadro diverso rispetto a un anno fa. È chiaro che nel momento in cui il piano vaccinale prosegue e riusciamo a mettere in sicurezza le fasce che rischiano di più non possiamo continuare a considerare l'indice di contagio come unico parametro per stabilire le aperture. Dobbiamo considerare gli ospedalizzati, chi occupa le terapie intensive ma anche il grado di vaccinazione sul territorio". 

21:00 - "Noi dobbiamo incrementare ulteriormente il nostro piano vaccinale, che peraltro sta dando già grandi risultati. Oggi siamo a 500mila dosi giornaliere, ma possiamo incrementare perché oggi sul territorio abbiamo tanti vaccinatori, tanti punti vaccinali. C'è una struttura preparata". Lo ha detto durante la registrazione di Porta a Porta che andrà in onda questa sera Andrea Costa, sottosegretario di Stato alla Salute. "È chiaro - ha aggiunto - che posticipare la seconda dose, scelta che la politica ha fatto sulla base dei giudizi e delle posizioni che ha preso il CTS, è una opportunità per velocizzare ulteriormente e raggiungere nuovi obiettivi".

20:30 - La Toscana ha superato oggi il numero di 1 milione e 600 mila somministrazioni del vaccino anti Covid-19. Il dato è stato reso noto durante il periodico appuntamento di aggiornamento sulla campagna di vaccinazione in commissione Sanità, presieduta da Enrico Sostegni (PD). Per l'esattezza, ha spiegato l'assessore alla Sanità Simone Bezzini, stamani alle ore 9 le dosi inoculate erano 1.567.000: oltre 1 milione le prime somministrazioni, 536 mila i richiami.

20:00 - "Il coprifuoco è una mannaia sul turismo. Finché lo avremo alle 22 o alle 23 i turisti preferiranno andare dove non c'è. È solo un modo per dire 'non mi sono sbagliato prima' e non voler tornare indietro". Lo ha detto la leader di FDL Giorgia Meloni a Dritto e rovescio stasera su Rete 4.

19:44 - Sono 25.606.730 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate in Italia, l'86,6% del totale di quelle consegnate.

19:07 - "Oggi il totale dei vaccini somministrati raggiungerà la quota di 2,5 milioni con una percentuale di prime dosi pari al 35% dell'intera popolazione  target". Lo annuncia l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato. 

18:37 - "Rt in calo a 0,88". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. 

18:02 - Nel Lazio nelle ultime 24 ore si sono registrati 654 nuovi positivi al Covid-19 (ieri 633) e 21 decessi (ieri erano 22). Questo quanto emerge dal bollettino quotidiano di Salute Lazio. I ricoverati nelle terapie intensive sono 233 (-11 rispetto a ieri). I ricoverati in area medica sono 1.589 (-143 rispetto alla giornata di ieri). 

17:34 - Stando al bollettino odierno, i contagi nelle ultime 24 ore sono 8.085, a fronte di 287.026 tamponi. I decessi sono 201, mentre il tasso di positività è al 2,8%. I ricoveri ordinari calano di 672 unità, mentre  le terapie intensive diminuiscono di 99 unità.

16:48 - La Valle d'Aosta chiede di essere inserita in 'zona gialla' a partire da lunedì prossimo. In tal senso il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha inviato una lettera al ministro della Sanità, Roberto Speranza. Alla base della richiesta ci sono: "l'indice Rt della Valle d'Aosta che è sotto la soglia dell'1 da oltre un mese; l'incidenza dei nuovi casi positivi che è intorno a 150 su 100.000 abitanti; gli indici ospedalieri che sono molto buoni".

16:33 - Sono 1.110 i nuovi casi di Covid in Campania, di cui 387 sintomatici, su 18.701 test molecolari esaminati. Il tasso di incidenza, calcolato senza tenere conto dei tamponi antigenici, è del 5,93%, sostanzialmente stabile rispetto al 6,18 di ieri. Il bollettino dell'Unità di crisi segnala 24 nuove vittime e ben 2.054 guariti. Continua ad alleggerirsi la pressione sugli ospedali: i posti letto di terapia intensiva occupati sono 105 (-11), quelli di degenza 1.285 (-22).

16:02 - Novantuno dei 1.214 tamponi esaminati in Basilicata nelle ultime 24 ore sono risultati positivi: è il dato fornito dalla task force regionale. In regione sono morte altre due persone a causa del covid, portando il totale a 540, mentre sono 19.016 coloro che hanno superato la malattia (215 di loro da ieri). I lucani "attualmente positivi" sono 5.162, dei quali 5.031 sono in isolamento domiciliare. Le persone ricoverate negli ospedali di Potenza e di Matera sono 131: dieci sono nei reparti di terapia intensiva. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria, in Basilicata sono stati analizzati 339.555 tamponi, 311.643 dei quali sono risultati negativi.

15:52 - I vaccini Covid sono sicuri in gravidanza e non danneggiano la placenta, che è un po' come la 'scatola nera' di un aeroplano, un indicatore dell'andamento della gestazione. A rassicurare è uno studio della Northwestern University, pubblicato su Obstetrics & Gynecology. In particolare, si vuole smentire una credenza che perlomeno negli Usa si è diffusa attraverso i social, secondo cui il vaccino può potenzialmente innescare una risposta immunologica che induce la madre a rifiutare il feto.

15:16 - Oggi in Puglia sono stati registrati 9.160 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e 554 casi positivi: 141 in provincia di Bari, 45 in provincia di Brindisi, 74 nella provincia BAT, 101 in provincia di Foggia, 105 in provincia di Lecce, 89 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota sono stati riclassificati e attribuiti. Sono stati inoltre registrati 31 decessi: 6 in provincia di Bari, uno in provincia di Brindisi, 5 in provincia BAT, 5 in provincia di Foggia, 9 in provincia di Lecce, 5 in provincia di Taranto. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 2.354.067 test, 198.273 sono i pazienti guariti e 40.295 sono i casi attualmente positivi. 

14:56 - Con il Governo "c'e' un'interlocuzione attiva. Cercheremo di far valere le decisioni che sono state prese da tutte le Regioni italiane". Lo ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, nel corso di una conferenza stampa a Trieste. A seguito della richiesta della Conferenza di superare e modificare i parametri, "la futura interlocuzione con il Governo" verterà sul capire "quali restrizioni o aperture" sono previste per le diverse aree a rischio. 

14:29 - In Toscana sono 235.243 i casi di positività al coronavirus, 651 in più rispetto a ieri (628 confermati con tampone molecolare e 23 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,3% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 213.331 (90,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 12.942 tamponi molecolari e 10.329 tamponi antigenici rapidi, di questi il 2,8% è risultato positivo. Sono invece 8.505 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 7,7% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 15.430, -3,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.165 (37 in meno rispetto a ieri), di cui 187 in terapia intensiva (1 in meno). Sono 21 i nuovi decessi: 10 uomini e 11 donne con un'età media di 75,9 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

14:14 - "Con le prenotazioni degli over 50 abbiamo riempito l'agenda delle vaccinazioni sino a metà giugno, ma speriamo presto di poter avviare la campagna vaccinale anche per i 40enni": a fornire il quadro in Lombardia è stato il presidente della Regione Attilio Fontana, a margine dell'incontro avuto a Pavia con gli amministratori locali e i rappresentanti del mondo economico ed imprenditoriale per illustrare il "Piano Lombardia, interventi per la ripresa economica". "La campagna vaccinale sta procedendo bene - ha aggiunto -: stiamo attuando rigorosamente le indicazioni del generale Figliuolo. 

14:00 - Ecco come funziona il vaccino di Pfizer-BioNtech: viene somministrato in due iniezioni, a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra, e non oltre i 42 giorni. Ogni dose somministrata contiene 0,3 ml di prodotto. Quanto all'efficacia, i risultati degli studi clinici di settore, condotti su un campione composto da 36.000 persone, hanno dimostrato che due dosi del vaccino Comirnaty, somministrate a distanza di 21 giorni l’una dall’altra, possono impedire al 95% degli adulti dai 16 anni in poi di sviluppare la malattia Covid-19 con risultati sostanzialmente omogenei per classi di età. L'efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose

13:30 - Nell'ultimo anno oltre una persona su quattro si è rivolta a uno psicologo. È quanto emerso dal 33esimo Rapporto Italia Eurispes 2021 che ha indagato sul consumo di psicofarmaci da parte dei cittadini e sul ricorso al sostegno psicologico in questo ultimo anno. 

13:00 - La Germania apre ai viaggi: entra in vigore oggi la nuova ordinanza varata dal governo tedesco riguardo alle norme che regolano l'ingresso nel Paese. In particolare, cade l'obbligo di quarantena per chi rientra in Germania da oltre 100 Paesi: tra questi figura anche l'Italia, così la Spagna, la Grecia e l'Austria, nazioni dalle quali per entrare in Germania d'ora in poi basta un tampone negativo, comunque obbligatorio per chi viene in aereo. Gli allentamenti sono ancora più larghi nei confronti di persone completamente vaccinate e per i guariti dal coronavirus, che devono sottostare a quarantena solo ed esclusivamente se provengono da zone in cui siano dominanti le nuove varianti del virus, per esempio se vengono dall'India, dal Brasile o dal Sudafrica. 

12:30 - L'Ente regolatore del farmaco indiano, il Drugs Controller General of India (DCGI), ha accordato il permesso di avviare la Fase 3 del vaccino anticoronavirus Covaxin sviluppato dal laboratorio indiano Bharat Biotech, nella fascia d'età da 2 a 18 anni. Il test sarà condotto su 525 volontari in buona salute, con due dosi somministrate con iniezioni intramuscolari a distanza di 28 giorni. Il Covaxin viene già somministrato in India nell'ambito della campagna nazionale, dopo essere stato approvato a gennaio dalla stessa autorità del farmaco indiana, assieme al Covishield, il vaccino della AstraZeneca prodotto dal Serum Institute of India. Al momento dell'approvazione, Krishna Ella, presidente della Bharat Biotech, aveva detto che secondo le analisi del National Institute of Virology il Covaxin ha una efficacia dell'81 per cento nella prevenzione del COVID-19. Il Premier Modi ha scelto questo preparato per se stesso. I test appena autorizzati serviranno a valutare la possibilità di estendere la campagna di immunizzazione anche ai minori.

12:00 - Al via a Brescia il test salivare rapido che sarà effettuato a scuola. È la clinica Poliambulanza a dare inizio all'attività di sorveglianza nei bambini. "Se ne venisse confermata l'efficacia, si potrebbe adottare per lo screening di massa; la rapidità, la facilità di esecuzione e la sicurezza lo rendono idoneo in tutti i contesti" spiega Angelo Meloni, Direttore medico di presidio e Responsabile Laboratorio Analisi di Fondazione Poliambulanza. Il test viene eseguito attraverso una piccola spugnetta che il paziente tiene in bocca per un minuto, imbevendola di saliva. Domani circa 100 bambini di 5 classi della scuola primaria di Travagliato nel Bresciano saranno sottoposti a test salivare molecolare.

11:30 - Sale l'allarme nel Regno Unito per la variante cosiddetta indiana del Covid che l'isola, dove si compiono più controlli sul genoma di qualunque altro Paese al mondo, ha tracciato nelle ultime settimane in numero crescente: fino a circa 900 casi in contagi, con uno specifico focolaio nella contea inglese del Derbyshire dove adesso tale ceppo appare prevalente stando al Daily Telegraph. Gli specialisti sottolineano "l'attenzione" su questo sviluppo, pur sottolineando come la percentuale dei casi sia calcolata su un totale di contagi che resta al momento molto basso nel Regno, ai minimi in Europa. E non senza citare i primi studi americani che sembrano attestare una buona efficacia dei vaccini esistenti contro il ceppo di variante indiana ad oggi più diffusa in Occidente. Un componente del Sage, il comitato scientifico britannico che assiste il governo di Boris Johnson in materia di pandemia e che si è riunito oggi per fare il punto sulle 'varianti indiane', non ha comunque escluso che l'organismo possa raccomandare nel prossimo futuro un rinvio dell'ultima tappa di riaperture verso l'uscita definitiva dell'isola dal lockdown (al momento prevista per il 21 giugno) a seconda degli sviluppi. 

10:55 - Dopo due giorni di rallentamento riparte di slancio la campagna di vaccinazione in Sardegna: nelle ultime 24 ore sono state somministrate 13.736 dosi negli 88 hub e punti allestiti da Ats in tutta l'Isola. Secondo il report del Governo si è passati, infatti, dalle 612.722 inoculazioni di martedì alle 626.458 di ieri, cioè il 77,5% delle 808.440 dosi consegnate dalla struttura commissariale. La Sardegna, come conferma anche la Fondazione Gimbe nel suo monitoraggio settimanale, si avvicina così alla soglia del 40% della popolazione residente che ha avuto almeno una dose (il 38,42%), mentre si arriva all'11,2% per chi ha completato il ciclo vaccinale.

10:39 - In un mese si sono quasi dimezzati i ricoveri per COVID-19 in Italia e si è allentata ulteriormente la pressione sugli ospedali: in 35 giorni i ricoveri con sintomi nei reparti COVID-19 si sono ridotti del 49,1% ricoveri con sintomi e del 45,1% quelle nelle terapie intensive. Lo indica la Fondazione Gimbe, che nel suo monitoraggio rileva che nella settimana dal 5 all'11 maggio i ricoverati con sintomi sono diminuiti di 3.239, pari al 17,8%, e i ricoveri nelle terapie intensive sono diminuiti di 371, pari al 5,1%. Nella stessa settimana i nuovi casi si sono ridotti del 19%, a 63.409 contro i 78.309 di quella  precedente e i decessi sono diminuiti del 15,4%, a 1.544 da 1.826.

10:20 - "Inizio promettente" per il pass sanitario COVID-19 europeo: "I team nazionali e dell'Ue sono pienamente impegnati" nel testare l'infrastruttura digitale e "il certificato è sulla buona strada per il lancio a giugno". Lo scrive su Twitter il commissario europeo per la Giustizia, Didier Reynders, riferendo che i primi test sono stati effettuati in Francia, Austria, Svezia, Lussemburgo e Croazia. "Altri Paesi seguiranno questa settimana e la prossima", aggiunge. 

10:01 - Sulla ridistribuzione delle dosi di AstraZeneca dalle Regioni dove c'è un alto tasso di rifiuto, il commissario Figiuliolo "ci ha detto che stanno facendo le valutazioni del caso. Noi lombardi abbiamo il grande merito che li utilizziamo tutti senza alcun problema, stiamo utilizzando anche AstraZeneca. Anche io mi sono vaccinato con AstraZeneca ed è stata un'ottima scelta". Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo a Radio 24. 

09:37 - Prosegue l'emergenza COVID-19 in Giappone, dove continua a salire il numero dei pazienti nelle terapie intensive, a quota 1.214, un livello mai così alto da inizio pandemia. Il dato comunicato dal ministero della Salute nipponico aggiorna quello di ieri, a 1.189. Nel frattempo uno studio dell'Istituto nazionale per le malattie infettive rivela che la variante N501Y del virus, originata in Gran Bretagna e responsabile per circa il 90% dei casi nel Paese del Sol Levante, è soggetta a causare sintomi più gravi alla salute rispetto alle mutazioni precedenti, in particolare nella fascia tra 40 e i 64 anni di età. La ricerca si basa su un'analisi si 207.000 persone in Giappone risultate positive all'agente patogeno negli ultimi 3 mesi.

09:17 - Ha superato quota 160 milioni il numero di contagi da COVID-19 registrati in tutto il mondo da inizio pandemia, secondo i dati dell'università americana Johns Hopkins. I decessi sono stati oltre 3,32 milioni. Il Paese più colpito al mondo in termini assoluti dal nuovo Coronavirus restano gli Stati Uniti, con 32,8 milioni di casi e 583.650 morti. Seguono l'India e il Brasile.

09:00 - "Nei prossimi tempi avremo meno ricoverati e meno morti per COVID-19, ma rischiamo di avere molti infetti se non ci comportiamo bene. Soprattutto tra i giovani". Lo ha detto ad Agorà su Rai 3 l'ex direttore esecutivo dell'Agenzia europea del farmaco, Guido Rasi. "Sull'abolizione del coprifuoco sarei cauto, mentre spostarlo dalle 22 alle 23 o alle 24 credo possa essere positivo anche per evitare la congestione. Non mi sembra che comunque sia lì la partita", ha aggiunto.

08:40 - Sono 25.404.855 le dosi di vaccino contro il COVID-19 somministrate in Italia, l'85,9% del totale di quelle consegnate, che sono finora 29.559.660: nel dettaglio 19.964.880 Pfizer/BioNTech, 2.583.100 Moderna, 6.668.880 Vaxzevria (AstraZeneca) e 342.800 Janssen (J&J). Sono state vaccinate 14.300.975 donne e 11.103.880 uomini. È quanto si legge nel report online del commissario straordinario per l'emergenza sanitaria aggiornato alle 6.12 di oggi. Le persone immunizzate con entrambe le dosi sono 7.888.023 (13,31 % della popolazione).