COVID-19 - Il Premier Conte: "Domani mi aspetto RT a 1". Arcuri: "La curva dei contagi si sta raffreddando". Merkel: "Possibile vaccino prima di Natale". OMS: "Test rapidi non servono per screening di massa"

26.11.2020 22:56 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
COVID-19 - Il Premier Conte: "Domani mi aspetto RT a 1". Arcuri: "La curva dei contagi si sta raffreddando". Merkel: "Possibile vaccino prima di Natale". OMS: "Test rapidi non servono per screening di massa"
Vocegiallorossa.it

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Per quanto riguarda il nostro paese, nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 232.711 tamponi e individuati 29.003 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 795.845. Nell'ultimo giorno sono morte 822 persone affette da Coronavirus per un totale di 52.850 decessi dall'inizio dell'epidemia. Vocegiallorossa.it propone nuovamente ai nostri lettori tutti i principali aggiornamenti legati alla pandemia.

22:56 - Continua a non incidere l'app immuni, come testimoniano le parole di Domenica Arcuri, commissario per l'emergenza da coronavirus: "Immuni non ha per ora sortito i risultati che ci si poteva aspettare".

21:50 - Secondo quanto riportato da Sky TG24, la scuola non dovrebbe riaprire prima del nuovo anno. I presidenti di regione hanno chiesto di prolungare la didattica a distanza dei licei fino a gennaio.

20:40 - "Domani è una giornata importante: mi aspetto un RT che è arrivato all'1, sarebbe un segnale importante della riduzione del contagio. E mi aspetto anche che molte regioni che ora sono rosse diventino arancioni o gialle. Sarebbe un bel segnale". Lo ha detto il presidente del consiglio Giuseppe Conte al Tg5. "Sarà un Natale diverso o ci esponiamo a una terza ondata a gennaio, con il rischio di un alto numero di decessi", ha aggiunto.

20:03 - "La curva dei contagi si sta finalmente raffreddando se non congelando". Lo ha detto il Commissario straordinario per l'emergenza COVID-19, Domenico Arcuri, nel corso della conferenza stampa per fare il punto sulle attività per il contrasto e il contenimento dell'epidemia. 

17:18 - La Protezione Civile ha reso noti i dati del contagio da COVID-19 relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 232.711 tamponi e individuati 29.003 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 795.845, 4148 in più rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 822 persone affette da Coronavirus per un totale di 52.850 decessi dall'inizio dell'epidemia.

• Attualmente positivi: 795.845
• Deceduti: 52.850 (+822)
• Dimessi/Guariti: 661.180 (+24.031)
• Ricoverati: 37.884 (-277) di cui in Terapia Intensiva: 3.846 (-2)
• Tamponi: 21.188.898 (+232.711)

Totale casi: 1.509.875 (+29.003, +1,96%)

16:42 - Davanti a noi ci sono mesi invernali difficili, e questo vale fino a marzo", ha detto il ministro dell'Ufficio di Cancelleria tedesca, Helge Braun in un'intervista all'emittente Rtl a Berlino. "Questa moderazione che dobbiamo tenere noi tutti ogni giorno anche a gennaio, febbraio e marzo, sarà accompagnata da ulteriori misure di contenimento se il nostro comportamento non sarà sufficiente" ha aggiunto il ministro, molto vicino alla cancelliera Angela Merkel. Hotel e ristoranti non apriranno nemmeno a Natale, né vi saranno eccezioni per le visite parentali.

16:03 - Saranno oltre 200.000 i soggetti coinvolti nella prima fase di somministrazione del vaccino Covid 19 in Lombardia, tra operatori sanitari, sociosanitari e amministrativi degli ospedali pubblici, delle Rsa e ospiti di queste ultime. Lo rende noto la Direzione generale dell'Assessorato regionale al Welfare, spiegando che "la Regione lo ha già comunicato in seguito alla richiesta pervenuta dal commissario Arcuri nell'ambito della predisposizione del piano di fattibilità della campagna". 

15:07 - TGSky.it riporta le parole del viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, che ha dichiarato che non fara' il vaccino anti-Covid a gennaio. "Inizialmente le prime dosi dovranno essere riservate alla popolazione a rischio, io non sono piu' importante di un medico del pronto soccorso. Quando sara' il mio turno, certo che il vaccino lo faro'", ha detto Sileri. Quanti saranno i vaccini disponibili? "Dipendera' dal numero di dosi che verranno distribuite in Italia ed in Europa, fara' la differenza anche il tipo di vaccino che sarà utilizzato. Auspicabilmente se si iniziera' a fare vaccini a gennaio/febbraio sarebbe utile riuscire a vaccinare tra i 6 e 10 milioni di persone in tre mesi. Oltre alla vaccinazione iniziale ci sara' una seconda dose di richiamo", ha detto il viceministro. 

14:28 - Sono 1.351 i positivi in più rispetto a ieri in Toscana (779 identificati in corso di tracciamento e 572 da attività di screening) su un totale complessivo, da inizio epidemia, di 99.327 unità. I nuovi casi sono l’1,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 1.351 casi odierni è di 48 anni circa (il 12% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 36% tra 40 e 59 anni, il 20% tra 60 e 79 anni, il 9% ha 80 anni o più).

14:22 - L'Inghilterra resterà in gran parte in regime di allerta rossa - o almeno arancione - anche in seguito al lockdown nazionale bis anti coronavirus confermato dal governo Tory britannico di Boris Johnson per il 2 dicembre. Lo ha ufficializzato oggi alla Camera dei Comuni il ministro della Sanità, Matt Hancock, indicando che nella prima fase post confinamento - segnata da un ripristino in versione rafforzata del sistema di restrizioni locali graduate territorio per territorio a seconda dei dati sui contagi e sui ricoveri - l'area di Manchester e diverse altre contee saranno sottoposte a un regime di allerta rossa (rischio molto alto), che prevede limitazioni solo leggermente inferiori al lockdown. Lo riporta TGSky.it

13:00 - La Russia ha registrato un nuovo record di contagi di Covid-19 e di decessi legati al coronavirus. Secondo le autorità sanitarie, sono stati 25.487 i casi e 542 i morti nelle ultime 24. Il bilancio totale della pandemia nella Federazione sale così a 2.187.990 infezioni e 38.062 decessi.

12:20 - Il consulente del ministero della Salute Ricciardi ha spiegato come siano stati 27mila operatori sanitari infettati nell’ultimo mese, una situazione  che sta mettendo in difficoltà gli ospedali, che faticano a curare tutti i pazienti. Lo si legge su TGSky.it.

12:00 - Sono 3.980 i nuovi positivi al coronavirus in Veneto, numero che porta il totale degli infetti dall'inizio dell'epidemia a 134.056. Un numero di positivi importante legato anche al record di tamponi effettuati nelle 24 ore: 59.955 tra rapidi e molecolari. Cresce il numero dei ricoverati (2.579 in totale, +50 da ieri) mentre resta praticamente invariato il numero di letti occupai in terapia intensiva (323, -1). Si registrano 72 decessi nelle ultime 24 ore, 3.501 in totale dal 21 febbraio scorso ad oggi.

11:40 - La cancelliera tedesca, Angela Merkel: “Non c'è ancora inversione del trend, troppi contagi, se aspettassimo terapie intensive piene sarebbe troppo tardi. Possibile il vaccino prima di Natale". Questo il piano per le festività natalizie ok a incontri 10 persone ma divieto contatto inasprito per prossime settimane. Annunciato prolungamento del semi-lockdown fino al 20 dicembre. 

11:20 - "I test rapidi non devono essere usati per screening di massa". Lo dice chiaramente Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità e lo si legge anche su un documento dell’OMS. 

11:00 - Contagiata anche la famiglia reale in Svezia, il Paese scandinavo largamente più colpito dall'emergenza Covid. Lo riferisce la BBC, precisando che il principe Carlo Filippo, 41 anni, secondogenito del sovrano regnante, e la consorte, Sofia, 35, sono stati entrambi testati positivi in queste ore dopo aver avvertito sintomi dell'infezione fin da ieri. 

10:40 - Secondo alcune indiscrezioni riportate da Il Corriere della Sera, nel nuovo DPCM sarà specificato che chi passerà le vacanze di Natale all'estero dovrà osservare un periodo di quarantena di due settimane al ritorno.

10:25 - "Lotito adesso attacca: sono vittima di un complotto" scrive Il Messaggero sul caso tamponi. Lotito ascoltato per 3 ore dal PM, come persona informata sui fatti. Il patron della Lazio si è difeso ma teme un 'complotto' guidato dai suoi nemici in FIGC e Lega, guidato da Urbano Cairo - scrive il quotidiano. Sulla scelta del laboratorio di Avellino, Lotito ha spiegato: "Scelto perché nel Lazio non c'era un laboratorio privato convenzionato". Intanto il vero caso rimane Strakosha che dopo un mese tornerà tra i pali ma il suo allenamento pre-Zenit lo fa rimanere nel mirino della procura FIGC.