COVID-19 - I dati di oggi. Il bollettino del Lazio. Pregliasco: "Giusto approccio con la convivenza del virus". Zaia: "Test solo ai sintomatici, siamo nella fase endemica". Crisanti: "Omicron 2 contagiosissima e seria in fragili e non vaccinati"

22.03.2022 19:33 di Marco Campanella Twitter:    vedi letture
COVID-19 - I dati di oggi. Il bollettino del Lazio. Pregliasco: "Giusto approccio con la convivenza del virus". Zaia: "Test solo ai sintomatici, siamo nella fase endemica". Crisanti: "Omicron 2 contagiosissima e seria in fragili e non vaccinati"
Vocegiallorossa.it

La Protezione Civile e il Ministero della Salute hanno reso noti i dati relativi all'andamento del contagio da Coronavirus al 22 marzo. Sono stati effettuati 641.896 tamponi e individuati 96.365 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 1.200.607. Sono morte 197 persone affette da Coronavirus per un totale di 158.101 decessi dall'inizio dell'epidemia. Il tasso di positività è del 15%. Come di consueto, Vocegiallorossa.it vi fornirà le notizie LIVE riguardo la situazione del Coronavirus.

19:33 - Sono 2262 i nuovi casi di positività al coronavirus registrati nell'ultimo bollettino diffuso da Regione Liguria, a fronte di 3490 tamponi molecolari e 13257 antigenici rapidi effettuati nelle ultime 24 ore. Sul fronte ricoveri, negli ospedali liguri ci sono 259 pazienti covid, 16 in più di ieri. 

18:59 - Tornano verso quota centomila i contagi per il Covid nell'arco di 24 ore: il bollettino di oggi registra 96.365 nuovi positivi. L'ultimo dato piu' alto si era verificato lo scorso 8 febbraio, quando si erano contati 101.864 contagi in un giorno.

18:10 - IL BOLLETTINO ODIERNO.

17:47  - “Continua a scendere il numero di persone contagiate dal covid-19 nel nostro Comune: secondo i dati della Asl Rm 3 i positivi oggi sono 378, a fronte di 22 nuovi casi e 35 guariti”. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino Esterino Montino.

17:05 - Sono 2904 (di eta' compresa tra 3 mesi e 103 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza - al netto dei riallineamenti - a 295233. Dei positivi odierni, 2277 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 5 nuovi casi.

16:24 - Sono 108.949 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 1.081 ricoverati, 72 in terapia intensiva e 107.796 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 1.091.029 e i morti 10.671 su un totale di 1.210.649 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio

15:50 - In Austria è attesa nelle prossime ore una nuova ordinanza che, dopo una primavera durata meno di tre settimane, reintroduce l'obbligo di Ffp2 al chiuso, dopo il netto aumento di casi Covid nei giorni scorsi. Secondo anticipazioni della stampa, in molti ambienti i gestori potranno scegliere tra l'obbligo di Ffp2 e quello di Super Green pass. La libera scelta sarà prevista per il commercio, gli alberghi, gli impianti sportivi e del tempo libero, come anche le funivie, le strutture culturali e la ristorazione (per chi non è seduto al tavolo). Cade la distinzione tra supermercati e altri negozi. Anche per iniziative con più di 25 partecipanti la mascherina va indossata, salvo che tutti siano immunizzati. La scelta tra Ffp2 e Super Green pass spetta al gestore e non al cliente. La maschera resta invece un must negli edifici pubblici, per i taxi e il trasporto pubblico. 

14:58 - Ieri in Cina continentale sono state segnalate 2.281 infezioni da Covid-19 a trasmissione locale, come mostrato dal bollettino odierno della Commissione Sanitaria Nazionale. 

13:48 - "Sui social passo per menagramo perché ho sempre cercato di mantenere una posizione prudente. Credo che, in questa fase, sia stato giusto chiudere la stagione dell'emergenza e partire con un approccio della convivenza con il virus". Lo ha detto il direttore dell'Ircss Galeazzi di Milano, Fabrizio Pregliasco, intervenuto su Cusano Italia tv. "La pandemia  - ha osservato il virologo - non è finita. La fase più difficile, che ci ha colto più impreparati, è alle spalle ma il virus continua a muoversi con delle varianti meno cattive, ma non troppo. Si è esagerato nel ritenerle più deboli, nella speranza di arrivare alla fine. Però è vero che Omicron è meno violenta, ma è molto contagiosa". Sulle riaperture in Italia, Pregliasco ha poi sottolineato: "l'Inghilterra ha pagato un po' la scelta di riaprire tutto indiscriminatamente. Io sono per una linea più prudente, magari anche con delle dichiarazioni che prevedano l'esigenza di eventuali provvedimenti restrittivi futuri. È chiaro che non esiste un manuale di gestione".

13:30 - "C'è una crescita dei nuovi casi COVID-19, ma per ora la situazione è controllabile e non c'è una grossa pressione sugli ospedali. Però occorre aspettare 1-2 settimane per capire l'impatto di questo incremento di contagi". Cosi Claudio Mastroianni, presidente della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e ordinario di Malattie infettive all'Università Sapienza di Roma, commenta la situazione epidemiologica. 

13:11 - Sono oltre 41.000 le infezioni locali di COVID-19 segnalate in 28 suddivisioni a livello provinciale in Cina tra il 1° e il 21 marzo, secondo quanto dichiarato oggi da Lei Zhenglong, funzionario della Commissione Sanitaria Nazionale, durante una conferenza stampa. Oltre la metà di queste infezioni, ovvero circa 22.000, si sono verificate nella provincia di Jilin, nel nord-est della Cina, dove l'epidemia è ancora in espansione.

12:47 - "Se le cose continuano così, dovremmo vaccinare" contro il COVID-19 "i fragili a settembre-ottobre e dare loro un'immunità, con la stessa politica che abbiamo seguito per l'influenza. Quindi un approccio stagionale che prevede la copertura dei fragili e di chi ha comorbidità, e degli over 50-60". È la visione di come dovrebbe essere impostata da ora in poi la campagna vaccinale anti-Covid secondo Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell'università Vita-Salute San Raffaele di Milano. 

12:26 - Sono 8.355 i nuovi casi registrati in Veneto nelle ultime 24 ore, il 9,36% dei tamponi effettuati. Cresce il numero totale degli attualmente positivi che supera i 68 mila. Diciassette i decessi. 

12:05 - "Resto ancora convinto che la fase endemica sia iniziata ma noi non abbassiamo la guardia. Dovremo sempre più abituarci a convivere con il virus. La vera sfida a questo punto è rappresentata dagli anziani e dai fragili quindi si va sempre più nell'ottica di proteggere quelli a rischio e puntare alla convivenza per tutto il resto della popolazione". L'ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, commentando i dati sulla diffusione del COVID-19 nel corso di un punto stampa organizzato a Venezia. "Sara' inevitabile che in un futuro abbastanza prossimo i test li faremo solo ai sintomatici e non ci sarà più la fase di test "a tappeto" ha infine aggiunto.

11:40 - Continua nelle Marche la fase di crescita del tasso cumulativo di incidenza, arrivato a 1.178,82 su 100mila abitanti (ieri era 1.162,71), con 3.513 positivi rilevati nelle 24 ore. Le fasce di età tra 25-59 anni rappresentano circa la metà dei nuovi casi positivi; 953 per 25-44 e 872 per 45-59 anni, seguite da 60-69 anni con 388, e 70-79 anni con 257, 6-10 anni con 245. La provincia di Ancona da sola totalizza 1.001 contagi, seguita da  Macerata con 695, Pesaro Urbino con 585, Ascoli Piceno con 582, Fermo con 525, oltre a 125 casi di fuori regione.  I 3.513 nuovi casi rappresentano il 44,1% dei 7.968 tamponi del percorso diagnostico su 9.953 tamponi totali 

11:17 - L'occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di "area non critica" da parte di pazienti COVID-19, un anno fa saliva ancora al 42%, mentre attualmente è ferma al 13% in Italia, ma in 24 ore cresce in 14 regioni, raggiungendo valori superiori al 20% in Calabria (al 34%), Umbria (30%), Basilicata (28%), Sicilia (24%), Sardegna e Marche (21%). L'occupazione delle terapie intensive, invece, a fronte del 38% raggiunto esattamente un anno fa, e' ora stabile al 5% in Italia e sotto il 10% in tutte le regioni, eccetto la Sardegna (11%). Lo indicano i dati (Agenas) del 21 marzo 2022.

10:55 - L'occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di 'area non critica' da parte di pazienti Covid, un anno fa saliva ancora al 42%, mentre attualmente e' ferma al 13% in Italia, ma in 24 ore cresce in 14 regioni, raggiungendo valori superiori al 20% in Calabria (al 34%), Umbria (30%), Basilicata (28%), Sicilia (24%), Sardegna e Marche (21%). L'occupazione delle terapie intensive, invece, a fronte del 38% raggiunto esattamente un anno fa, e' ora stabile al 5% in Italia e sotto il 10% in tutte le regioni, eccetto la Sardegna (11%). Lo indicano i dati (Agenas) del 21 marzo 2022.

10:00 - Finito agli arresti domiciliari un medico di base per falsi vaccini e green pass. La misura cautelare è stata eseguita in provincia di Firenze dai carabinieri del Nas del capoluogo toscano. Il provvedimento restrittivo è stato disposto nei confronti del medico di medicina generale perchè ritenuto responsabile dei reati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti e documenti informatici pubblici in concorso con 35 indagati nonché di peculato, corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio, rifiuto d’atti d’ufficio, violenza privata. 

09:10 -"Omicron 2 contagiosissima e seria in fragili e non vaccinati": lo ha dichiarato Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'Università di Padova. "Non si può fare nulla contro un virus con questi livelli di trasmissione, non funziona nessuna misura parziale. Quindi proseguiamo con le riaperture, ma proteggendo i vulnerabili", ha aggiunto.