Cambio Campo - Petiziol: "Mi aspetto una prova d'orgoglio dall'Udinese. La Roma fa paura, ai giallorossi toglierei Pellegrini"

03.10.2020 17:15 di Danilo Budite Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Danilo Budite
Cambio Campo - Petiziol: "Mi aspetto una prova d'orgoglio dall'Udinese. La Roma fa paura, ai giallorossi toglierei Pellegrini"
Vocegiallorossa.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Torna l'appuntamento con "Cambio Campo", la rubrica di Vocegiallorossa.it nella quale, prima di ogni partita della Roma, vi proponiamo un'intervista ad un giornalista che segue la squadra avversaria.

L'ospite di oggi è Lorenzo Petiziol, giornalista di Tuttoudinese.it, con il quale abbiamo parlato di Roma-Udinese.

Come sta l’Udinese? Cosa non è andato nei primi due match di campionato?
"L'Udinese ha fatto due partite controverse. Una a Verona dove non ha meritato di perdere e ha giocato una buona partita ma sbagliando troppi gol. Contro lo Spezia invece l'Udinese ha fatto una partita inesistente, senza uno stralcio di gioco. Sicuramente mancavano parecchi giocatori, l'infermeria è più ampia della rosa, ma è stato l'atteggiamento ad essere stato completamente sbagliato e l'Udinese ha meritatamente perso con lo Spezia. Ora c'è la Roma e nei giocatori si smuoverà un certo orgolgio. Inoltre dovrebbe tornare Pereyra, anche Arslan dovrebbe rivedersi che è un centrocampista che ricorda Allan. Potrebbe recuperare Nuytinck dietro e magari davanti potrebbe alternare uno spentissimo Okaka con Nestorovski al fianco di Lasagna".

Come può l’Udinese mettere in difficoltà tatticamente la Roma? Che partita si aspetta dai friulani?
"L'Udinese principalmente gioca in ripartenza, con Lasagna che è velocissimo e attacca gli spazi in maniera devastante, però sbaglia un po' troppi gol. I friulani giocheranno in ripartenza, con un de Paul che rimarrà a Udine e l'arrivo di Pereyra che alza il livello di qualità. Sarà una partita molto orgogliosa dell'Udinese, che dovrà cancellare l'ultima prestazione. La Roma comunque all'Udinese fa paura, è una squadra che sulla carta è sicuramente più forte".

La Roma invece come può mettere in difficoltà l’Udinese?
"L'Udinese ha parecchi punti deboli. La difesa ogni tanto ha delle amnesie pazzesche, gli attaccanti faticano a segnare. La speranza è che il rientro di Nuytinck appiattisca queste amnesie".

Considerando che siamo a inizio anno, peserà il fatto che l’Udinese sarà alla terza partita in una settimana?
"Non credo molto a queste cose, anche perché dire che l'Udinese abbia giocato mercoledì è un eufemismo. Non credo che la squadra sia così stanca da lasciare qualcosa sul terreno da gioco, ma mi aspetto una partita tonica dai friulani".

Come avrebbe visto de Paul a Roma visto che il suo nome è stato accostato ai giallorossi?
"Parliamo di un nazionale argentino, è un giocatore che vogliono in tanti ma alla fine è rimasto anche perché il suo costo è alto. De Paul è un giocatore da tenere in grande considerazone".

Un giocatore che toglierebbe alla Roma?
"Ce ne sono tanti, ma direi Pellegrini".