SPAL, Semplici: "Diamo merito alla Roma, abbiamo pagato le tre partite in una settimana"

21.04.2018 17:20 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
SPAL, Semplici: "Diamo merito alla Roma, abbiamo pagato le tre partite in una settimana"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Semplici a Premium Sport

“La Roma ha fatto una grande partita, sapevamo di affrontare una squadra in salute, abbiamo pagato il fatto di giocare 3 partite in una settimana. Meret ci ha tenuto in partita con qualche parata, ma sul gol di Nainggolan abbiamo accusato moralmente il fatto. La Roma ha qualità diverse da noi, non siamo stati all’altezza della situazione e questo deve darci lo spunto per capire la nostra strada fino a fine campionato. Noi crediamo alla salvezza, siamo in piena lotta e in questo momento saremmo anche salvi, abbiamo le qualità per arrivare all’obiettivo finale. A parte oggi, abbiamo sempre dimostrato una buona identità. Noi abbiamo fermato la Juventus, ma non sempre si riesce a fare lo stesso tipo di partite, diamo merito alla Roma. Meret? Sono convinto che tra un paio d'anni sarà nel giro della Nazionale".

Semplici a Sky Sport

“Siamo partiti non male, poi purtroppo abbiamo commesso errori in fase d'uscita. Dopo il primo gol ci siamo un po' disuniti. Non eravamo proprio in giornata ma la Roma ha fatto una grande partita. Ha dimostrato di essere in salute, ha una condizione fisica e mentale che ci ha messo in difficoltà. È mancata lucidità, coraggio e siamo apparsi un po' stanchi. Abbiamo pagato le tre gare in una settimana, anche il primo caldo. Questo vale anche per loro ma la differenza tecnica si è fatta sentire. Rimaniamo in corsa per il nostro obiettivo, cercheremo di recuperare le forze e prepararci al meglio per il finale di campionato. Dobbiamo recuperare i giocatori nelle migliori condizioni, per noi è determinante. Noi siamo motivatissimi per la salvezza, purtroppo oggi non è andata bene. Però abbiamo sempre dato filo da torcere a tutti, da martedì ci prepareremo al meglio per il finale. Basta la fase difensiva per salvarsi? Abbiamo raggiunto un'identità difensiva buona, allo stesso tempo serve produrre qualcosa in più in attacco. A parte oggi, mi auguro che escano fuori i valori dei miei attaccanti, soprattutto negli scontri diretti”.

Semplici in conferenza stampa

“Faremo degli accertamenti su chi è uscito acciaccato. Oggi abbiamo trovato una squadra forte e in buona condizione fisica, sapevamo che avremmo dovuto fare una gara perfetta ma il primo gol glielo abbiamo fatto noi, non eravamo così lucidi perché abbiamo sentito le 3 partite in una settimana, abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità ma avevamo di fronte una grande squadra, potevamo mascherare in un’altra maniera certe cose, ma purtroppo non abbiamo fatto la partita che volevamo fare. Meret? Ha un dolore alla spalla, una contusione. Vicari anche ha una contusione. In 3-4 giorni non abbiamo perso la nostra identità, però Fiorentina, Chievo e Roma ci hanno tolto molto sull’aspetto mentale e fisico, quando s’incontrano queste squadre che ti prendono alte non è facile, c’è differenza tra squadra di prima fascia o chi lotta per la salvezza. In altre circostanze abbiamo fatto meglio, ci sono molti meriti da parte della Roma. Mancano altre quattro partite prima dei responsi, se fossimo riusciti a non perdere oggi avremmo avuto una risposta eccellente sotto l’aspetto mentale ma sapevamo che affrontavamo una squadra forte. Queste sono partite che devono darci la consapevolezza che nonostante una giornata non felice, possiamo vedere delle cose dove possiamo migliorare, a questo punto della stagione dobbiamo recuperare tutti i calciatori e far sì che io e loro possiamo sbagliare il meno possibile. I giocatori devono dimostrare le loro qualità, non incide nel morale un ko contro la Roma. Rigore su Antenucci? Avete visto meglio noi, mi dicono che qualcosa c’era ma dalla panchina non si vede bene. Noi dobbiamo stare sul pezzo e migliorarci. Verona? Se tu pareggi e gli altri vincono, è ovvio che tu debba vincere. Io voglio conquistare più punti possibili, se riusciamo a fare una prestazione importante e vincere a Verona, può essere un buon auspicio, se pareggiamo la classifica rimane immutata. Schiattarella? L’ho messo per la gestione della palla, ha qualcosa in più rispetto ad altri interpreti, ha avuto questo infortunio e domenica prossima a Verona avremo una rosa più competitiva. Modulo? Conta fino a un certo punto, con il 4-4-2 siamo andati in difficoltà e quindi siamo tornati al 3-5-2”.