Sampdoria, Torreira: "La Roma la squadra giusta per me? È una prospettiva importante. Spero che Schick non giochi sabato, seguo De Rossi per imparare"

07.09.2017 13:48 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Sampdoria, Torreira: "La Roma la squadra giusta per me? È una prospettiva importante. Spero che Schick non giochi sabato, seguo De Rossi per imparare"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Accostato in passato anche alla Roma, Lucas Torreira è il perno del centrocampo della Sampdoria. Il giocatore è stato intervistato da Il Messaggero.

Sabato sera arriva la Roma. È una prova di maturità?
"Partita molto dura, ma importante per il nostro futuro. Esattamente un anno fa, ci presentavamo all’ Olimpico dopo aver vinto le prime due partite. A quella sconfitta, rocambolesca, ne seguirono altre tre e poi fu difficile uscire da periodo complicato".

Al ritorno, però, vi prendeste la rivincita…
"Ci credemmo sino all’ultimo, rimontando due volte e, alla fine, difendendo il vantaggio nonostante una grandissima stanchezza".

Il momentaneo 2-2 lo firmò Schick. Sabato lo rivedrà con la maglia giallorossa…
"Sicuramente lo abbraccerò, ho un bel rapporto con lui. Non so se giocherà, spero di no (ride, ndc). In ogni caso ci saluteremo con affetto".

Qual è il suo giudizio sulla squadra di Di Francesco?
"È sempre tra le più forti d’Italia, non la ritengo inferiore a Juventus e Napoli. Giocano sempre per vincere ma, in vista di sabato, noi ci stiamo preparando per fare altrettanto. Possiamo contare su un gruppo dove tutti, dai titolari alle riserve, hanno carattere e mentalità".

C’è un avversario che stima particolarmente?
"De Rossi. È un grande giocatore che seguo sempre con attenzione per poter imparare qualcosa".

Come ha vissuto durante il mercato l’attenzione della Roma nei suoi confronti?
"Con tranquillità, perché ero in Uruguay con la mia famiglia. Sentivo che si parlava di Roma ma anche di altre società. La mia priorità era il rinnovo con la Samp e sono molto contento di esser rimasto qui".

La Roma può esser la squadra giusta per il grande salto?
"Sicuramente è una prospettiva importante per un ragazzo di 21 anni come me. Il discorso vale anche per altri grandi club che ci sono in Italia o anche in Europa. Comunque, adesso la mia testa è solo alla Sampdoria".