CSKA Sofia, Mladenov: "Non siamo riusciti a contrapporre nulla alla Roma"

16.09.2021 23:32 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
CSKA Sofia, Mladenov: "Non siamo riusciti a contrapporre nulla alla Roma"
© foto di Vocegiallorossa.it

Nel postpartita di Roma-CSKA Sofia, ha parlato il tecnico dei bulgari Stojco Mladenov.

Mladenov in conferenza stampa (a cura dell'inviato all'Olimpico Gabriele Chiocchio)

È stato un buon inizio, poi ci sono stati dei problemi. È dovuto alla forza della Roma o a errori? L'espulsione ha posto fine alla gara?
"Credo che all'inizio abbiamo avuto la possibilità di segnare ancora, poi ci sono state delle situazioni ma è difficile mantenere lo stesso livello per 90 minuti. Dopo l'espulsione la Roma ha preso sopravvento, possiede grande classe e non siamo riusciti a contrapporre nulla".

All'inizio si è visto che la squadra ha mantenuto un certo livello. Crede che quando qualcuno torna da un infortunio ci possa essere un turnover migliore?
"Abbiamo questo problema da quando ho iniziato a guidare la squadra, abbiamo giocatori che sono infortunati contemporaneamente. La Roma ha speso 100 milioni sul mercato per acquistare nuovi calciatori, sono sicuro che se rientrano gli infortunati possiamo fare molto meglio. Lo stesso Mourinho ha detto che il risultato non corrisponde alla realtà. Siamo riusciti a fare bene ma non abbiamo potuto comunque fare niente. Capiremo qualcosa nelle prossime partite".

Pensa che il risultato sia arrivato a causa degli attacchi sul lato destro difensivo? C'è una certa insicurezza nella squadra, ci sono stati errori strategici?
"Non posso indicare, parlando di errori individuali, un colpevole, una pecora nera. Il calcio è un gioco collettivo, per arrivare alla situazione da gol c'è una serie di errori. Sono convinto che sia stata una partita positiva per noi, potremo presentarci in modo migliore, sono convinto di questo. Il risultato di stasera ha più ragioni, una di queste è non aver potuto fare un turnover più profondo. Perciò questa partita potrebbe dare un'immagine sbagliata, i giovani da ora potranno fare soltanto bene".