Roma-Samp, i top e flop

27.09.2012 08:10 di Greta Faccani Twitter:    vedi letture
Roma-Samp, i top e flop
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

La Roma torna davanti al proprio pubblico per la sfida contro la Samp, ma suo malgrado non va oltre l'1-1. Vocegiallorossa.it vi proprone i consueti top e flop del match!

TOP

216 - Sono i gol segnati in Serie A dal Capitano della Roma: Francesco Totti. Il numero 10 raggiunge Altafini e Meazza, medaglia di bronzo nella classifica dei migliori marcatori nella massima serie, e lo fa indossando la sua seconda pelle: la maglia giallorossa. Nella gara lo si trova ovunque: a destra, a sinistra, in attacco ed a centrocampo. Smista, allunga e lancia i compagni verso la porta finché non arriva a lui la palla giusta, e non si fa pregare. Nella ripresa cala e si sente. Unico.

LAMELA - Dopo un inizio di stagione tra alti e bassi, il talento argentino sembra aver ritrovato la sicurezza in sé. Il suo è un buon match e riesce a rendersi pericoloso in più di un'occasione. Buono il suo lavoro in fase offensiva, dove dialoga bene con Destro. Continua così. 

CASTAN - Salva il risultato in più di un'occasione: dà alla difesa personalità e concentrazione. Puntuale.

 

FLOP

IL SECONDO TEMPO - Ancora una volta la Roma subisce e lo fa nella ripresa: l'uomo in più rispetto all'avversario (rimasto in dieci dopo l'espulsione per doppia ammonizione di Maresca) non è sufficiente davanti ad una Samp che si è compattata in fase difensiva. La Roma però ci prova, non riuscendo suo malgrado a concretizzare, ma in gare come questa e soprattutto in superiorità numerica e con una gara giocata in meno bisogna essere più cinici e stringere i denti. Due punti persi.

DESTRO - Forse sente troppe pressioni, il giocatore protagonista del mercato estivo non ha ancora brillato nella Capitale, anche se schierato nella posizione in cui può esprimersi al meglio. A sua discolpa c'è il fatto che se ne vede l'impegno e la volontà, corre e cerca di avvicinarsi alla porta, ma manca di sangue freddo e concretezza. Coraggio!

TACHTSIDIS E DE ROSSI - La loro è una staffetta: inizia il greco e gli subentra il centrocampista di Ostia al 18' del secondo tempo. Se il primo, nonostante diversi errori, si propone in avanti, il secondo non riesce ad esprimersi al meglio, probabilmente anche a causa del recente stop per infortunio. Ma in quella posizione serve carattere e tecnica. Rimandati. 

Sarebbe troppo riduttivo mettere Stekelenburg tra i flop: il suo non è un errore tecnico ma una "papera", che purtroppo ha portato la Roma al pareggio, in concorso con Marquinho che perde letteralmente l'avversario sulla fascia e fa partire l'azione.