Roma-Raja Club Athletic 5-0 - Top & Flop

15.08.2021 19:15 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Roma-Raja Club Athletic 5-0 - Top & Flop
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

TOP 

OPPORTUNISMO - Nella prima gara della Roma senza Dzeko, con Abraham in arrivo, Eldor Shomurodov continua a dimostrare il proprio valore. Contro il Raja Club Athletic segna un gol in allungo, serve buoni assist per i compagni, fino alla sponda di testa per la rete di Mkhitaryan. In gol anche l'altro attaccante giallorosso, quello meno blasonato di tutti, che continua a segnare quando viene chiamato in causa: Borja Majoral. 

COLPI DE TESTA DA FA INCANTA' - Cristante la spizza di testa per la capocciata di Mancini nel 2-0, Shomurodov fa la torre per la frustata di Mkhitaryan che di fatto chiude il match. La Roma fa valere tutti i propri centimetri in un'arma importante a propria disposizione. 

BUONA LA PRIMA - Matias Vina gioca e interpreta al meglio il ruolo. L'uruguaiano, una volta trovate le misure sulla fascia si lascia andare a buoni lanci, incursioni e anche a un colpo di tacco che libera a porta vuota Mkhitaryan che fallisce clamorosamente. 

RAPPORTI - Quelli gestiti da Mourinho coi suoi giocatori. Ora, si trattava di un'amichevole e quindi è stata anche una situazione più facile da gestire, però si è visto come il tecnico, una volta richiamato in panchina Carles Perez (dopo aver segnato un gol ed esser entrato nel secondo tempo), lo Special One si è coccolato l'esterno spagnolo, amareggiato/sorpreso di essere stato sostituito. 

FLOP 

VIZIO DA PERDERE - Quello della squadra che entra disattenta in campo. Dopo essere stati in svantaggio contro Debreces, Belenses e Real Betis, la Roma ha rischiato anche contro il Raja Club Atheltic di partire dallo 0-1. A salvare un'uscita bassa di Rui Patricio a deviare in calcio d'angolo. 

CAMPO DI PATATE - Dopo le notti magiche di Euro 2020, con l'Olimpico tirato a lucido che ha ospitato 4 gare della competizione, il prato su cui si è  giocata la partita è, usando un'espressione alla Perotti "un campo di patate". La fascia di fronte l'area tecnica è quasi completamente priva d'erba e molte zolle si sono staccate durante i 90 minuti di gioco.