Roma-Hellas Verona 1-0 - Top & Flop

20.02.2023 22:20 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Roma-Hellas Verona 1-0 - Top & Flop
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

TOP 

TUTTI PER UNO - La Roma è terza e Mourinho chiama a raccolta la squadra a fine partita. Un discorso di quelli motivazionali in cui il mister ne é maestro. Un qualcosa avvenuto per la prima volta in due anni, dopo una gara vinta con molte riserve, prima della gara da dentro o fuori di giovedì. 

GOLBAKKEN - Si può dire che l'Olimpico è il suo stadio e per fortuna, adesso, gioca con la Roma. Dopo il gol segnato proprio ai giallorossi in Conference League, arriva il primo graffio dell'attaccante norvegese. Un sinistro a incrociare che lascia poco scampo a Montipò e regala 3 punti importantissimi alla squadra. 

SPI-TACCO-LA - Se il gol di Solbakken è bello, per taglio, controllo e conclusione, l'assist lo rende bellissimo. Leonardo Spinazzola, torna dopo la gara di Napoli con una voglia matta di fare la fascia sinistra avanti e indietro. In più regala la perla della serata: un colpo di tacco che smarca il compagno. 

WHO LET THE DOGS OUT - Bove-Cristante tengono le redini della squadra per tutta la gara. Ognuno con le proprie caratteristiche. Se per Mourinho, i tifosi della Roma dovrebbero portare in braccio un giocatore-tifoso romanista come Bove, magari qualche giudizio su BC4, anche, potrebbe essere rivisito. 

FLOP 

IL RAMMARICO DELLA SERATA - Una grande prestazione di Belotti che viene buttato a freddo nella mischia, meritava essere premiata con un gol. La frustrata di testa, era di quelle che se la facesse una persona normale, starebbe a casa con la cervicale bloccata per una settimana, tutto giusto, tranne la parata di Montipò. In attesa di capire come sta Abraham, il gallo, eventualmente è pronto per giovedì. 

MOUNIVERSE - Mourinho parla contro alcuni fischi e silenzi dei tifosi. Probabilmente non ha percepito che oltre a Roma-Hellas Verona, in curva si giocava un'altra partita, probabilmente più importante per l'orgoglio dei tifosi.