Hellas Verona-Roma 0-0 - Top & Flop

20.09.2020 19:30 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Hellas Verona-Roma 0-0 - Top & Flop
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

TOP 

UN PUNTO È MEGLIO CHE ZERO - La Roma inizia la nuova stagione con un punto sofferto contro l'Hellas Verona. Se nella prima parte del match la squadra di Fonseca aveva espresso un discreto calcio, dopo i 90' si può dire che i giallorossi si portano a casa un punto... che è meglio di niente. 

SANTI PALI E TRAVERSE - La traversa di Trameze nel primo tempo, la traversa-palo interno di Dimarco nel secondo tempo. La fortuna, al netto dei pali è dalla parte dei giallorossi al Bentegodi. 

SPINA INSERITA - Corre per tutta la partita. È il padrone indiscusso della fascia sinistra del campo. Serve assist per i compagni e quando capisce di averne più di tutti prova a risolverla lui. Il risultato è tiro d'esterno destro da fuori area che si stampa sulla traversa, per quello che sarebbe stato uno dei gol più belli della sua carriera. 

GIALLOROSSO DA SEMPRE - Buon impatto per Pedro. Lanciato fin dal primo minuto da Fonseca, il campione di tutto (trovate voi un trofeo che non abbia vinto), gioca da protagonista, come se fosse giallorosso da sempre. Molto reattivo, sfiora anche il gol. Non è un caso che il tecnico quando deve richiamare qualcuno in panchina al posto di Kluivert, non fa uscire lui. 

FINCHÉ I MUSCOLI HANNO RETTO - C'è anche Karsdorp e la sua prova da sottolineare. Spinazzola gioca nettamente meglio, ma lui non sfigura nella sua nuova avventura romanista. Dà tutto, soprattutto quando i muscoli sono pieni di acido lattico. Si arrende per crampi dopo uno scatto per effettuare dopo un'ottima chiusura difensiva. 

DAN & RYAN - Prima gara ufficiale per la nuova proprietà e partita vista live, dopo una settimana al fianco della squadra a Trigoria. Magari potrà servire per capire meglio cosa sia necessario per migliorare la squadra. 

FLOP 

IL MIGLIORE VG - Tra i tre scelti dalla redazione c'è Mirante. Quando il portiere è spesso tra i migliori in campo vuol dire che qualcosa non va. Bravo e fortunato l'estremo difensore giallorosso. 

SERVE UN BOMBER - Dzeko, Milik o chi volete voi. Mkhitaryan falso nueve ha avuto le occasioni, ma ha dimostrato di non avere la stessa presenza in area di rigore e di non permettere alla squadra di appoggiarsi a lui, con qualche lancio lungo. Contro la Juve, molto probabilmente la Roma ne avrà uno in campo per lei e l'altro contro. 

UN TEMPO - Finché i fraseggi Pedro-Pellegrini-Mkhitaryan c'erano la Roma era pericolosa e riusciva ad avere una manovra. Questo modo di giocare però è molto dispendioso e, alla prima giornata, senza dei veri cambi disponibili per colpa del COVID-19, ha fatto sì che nel secondo tempo i giallorossi siano calati. 

IL PESO DEL CALCIOMERCATO - Un po' come accaduto la scorsa stagione, anche se lì furono più gli errori individuali di Jesus che costarono i tre punti contro il Genoa, mentre con l'Hellas è stata un altro tipo di match. La Roma è in pieno work in progress e in campo si vede.