Pellegrini come Milinkovic-Savic e Zielinski in versione assist-man. Senza Dybala deve trascinare la Roma anche con i suoi gol

12.10.2022 08:00 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Pellegrini come Milinkovic-Savic e Zielinski in versione assist-man. Senza Dybala deve trascinare la Roma anche con i suoi gol
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Pellegrini è pronto a tornare il punto di riferimento della Roma. Non che non lo sia stato, ma con la presenza di uno come Dybala è chiaro che tante attenzioni siano state rivolte all’attaccante argentino.

Il suo infortunio, però, complica sì i piani di Mourinho ma al tempo stesso permetterà a Pellegrini di giocare più avanzato, in una posizione dove l’anno scorso ha fatto la differenza con 9 gol e 5 assist in Serie A.

In questo inizio di stagione, mancano i gol del capitano dal momento che l’unico sigillo è arrivato contro l’HJK Helsinki. Discorso opposto, invece, quando Pellegrini veste i panni di rifinitore, con quattro assist in campionato nelle prime 9 giornate. Un dato che lo accomuna ad altri grandi centrocampisti come Milinkovic-Savic e Zielinski, gli unici insieme a Pellegrini a fornire quattro assist nelle ultime quattro stagioni di Serie A.

Il numero 7 deve ripartire da qui per trascinare la sua Roma, attesa come tutte le big, da un tour de force che si concluderà il 13 novembre con il Torino. Egli è stato uno degli uomini chiave nella passata stagione, rivelandosi anche un’arma piuttosto efficace sui calci piazzati, basti pensare per esempio alle punizioni contro Cagliari, Juventus e Lazio. In questo inizio è risultato più impreciso sotto porta, anche perché è un calciatore che non si risparmia mai e spesso arriva alla conclusione con poca lucidità.

Inoltre, c’è da ricordare come il capitano abbia anche stretto i denti in alcune circostanze quando non era al meglio fisicamente. Un fastidio al flessore sinistro che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca negli ultimi impegni di Nations League con l’Italia, per poi vederlo in campo alla ripresa con l’Inter e poi di nuovo out, per precauzione, contro il Real Betis.

Mourinho lo ha spesso elogiato dicendo come vorrebbe non uno ma tre Pellegrini in squadra e adesso lo Special One avrà bisogno non solo della sua versione assist man, ma anche di quella goleador per sopperire alla pesante assenza del capocannoniere Dybala.