Matic e Svilar: acquisti opposti, ma con la stessa filosofia di fondo

07.06.2022 10:30 di Marco Campanella Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Campanella
Matic e Svilar: acquisti opposti, ma con la stessa filosofia di fondo
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Nella puntata di oggi parleremo dei due colpi in arrivo della Roma. In attesa delle ufficialità, saranno Mile Svilar e Nemanja Matic i primi rinforzi che avrà a disposizione José Mourinho in vista della prossima stagione. Se vogliamo, questi due colpi sono agli opposti, ma entrambi hanno la stessa filosofia di fondo. 
Matic arriverà nella Capitale prossimo ai 34 anni dopo una carriera in cui ha vestito maglie blasonate come quella del Benfica, Chelsea e Manchester United vincendo anche molto. Il serbo darà alla mediana giallorossa tanta sostanza e tanta esperienza, ritrovando José Mourinho che lo ha già allenato a Londra e ai Red Devils. Il mediano è un fedelissimo dello Special One, che tempo fa ha dichiarato: "Tutti conoscono qual è il mio rapporto con Matic, è uno dei ragazzi che ha la mia fiducia. Insieme abbiamo vinto e abbiamo combattuto nello United. È un giocatore fantastico". Perciò, è uno di quei profili che Mourinho sta cercando di portare a Roma già da un anno, uno di quei calciatori dotati di carattere e personalità, che il tecnico richiedeva già dall'acquisto di Sergio Oliveira. 
Svilar, invece, è un classe 1999 con ancora tutto un futuro scrivere davanti a sé. Tempo fa era considerato uno dei portieri più promettenti del panorama calcistico mondiale, tanto impressionare Mourinho quando, ai tempi del Machester United, lo ha affrontato in una sfida di Champions League contro il Benfica, dichiarando: "Questo è un ragazzo bestiale. Un fenomeno assoluto". L'estremo difensore belga arriverà alla Roma a fare, almeno inizialmente, la riserva di Rui Patricio, per puntare alla titolarità negli anni a venire.
Tutto e subito e uno sguardo al futuro. Questi sono i ragionamenti opposti fatti da Tiago Pinto e José Mourinho prima di chiudere per Matic e Svilar, continuando nel progetto di creare un team con mix tra giocatori esperti e giovani di belle speranze. Alla base di queste trattative rimane sempre lo stesso filo logico, ovvero la sostenibilità: entrambi infatti, arrivano a parametro zero con ingaggi non esorbitanti per le casse del club, aiutate anche dal Decreto Crescita. Oltre a ciò ci sarebbero anche la riservatezza e la tempestività, altri due tratti tipici dell'operato della società capitolina.