Stadio - Urbanistica, Pacciani: "Entro il 30 giugno si esprimerà l'Assemblea"

20.04.2017 06:22 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Stadio - Urbanistica, Pacciani: "Entro il 30 giugno si esprimerà l'Assemblea"

Fabio Pacciani, direttore della direzione Pianificazione generale del dipartimento Urbanistica, ha parlato del nuovo stadio della Roma nel corso dell'odierna seduta della commissione capitolina Trasparenza:

"Con la delibera della Giunta Raggi è stata avviata una fase di revisione dell'intervento alla luce dei nuovi indirizzi dell'amministrazione, che dovranno concretizzarsi in un ulteriore passaggio fondamentale che è la delibera di interesse pubblico dell'Assemblea capitolina, che come la 132 dovrà ridefinire in termini qualitativi e quantitativi l'intervento nel suo complesso individuando le opere di interesse pubblico e le volumetrie assentite al privato. Il proponente Eurnova sta revisionando le sue progettazioni in accordo con le indicazioni date con la delibera di Giunta al fine poi di consentire le valutazioni dell'amministrazione che sfoceranno nella delibera di Assemblea. In questo frangente si è inserita la chiusura della conferenza dei servizi che era centrata invece sul progetto originario, quello con i grattacieli, con esito negativo rinviando alle controdeduzioni del proponente in merito al procedimento di istituzione del vincolo architettonico sull'ippodromo di Tor di Valle, che se confermato diventerà definitivo e vincolante per tutti e chiunque dovrà rispettarlo. I proponenti hanno 80 giorni da febbraio per le controdeduzioni e poi partiranno i 120 giorni da parte della Soprintendenza: fino ad allora, comunque, l'area va considerata vincolata. Il progetto che i proponenti stanno realizzando dovrebbero già starne tenendo conto. Entro il 30 giugno dovremmo arrivare alla conclusione dell'iter che consentirà all'Assemblea capitolina di esprimersi, dopo le consultazioni dei Municipi e delle commissioni capitoline interessate. In base al vincolo architettonico sull'ippodromo dovremmo anche vedere se la delibera dovrà avere valenza di variante urbanistica. La delibera di Giunta del 30 marzo ha fatto proprie le indicazioni dell'ordine del giorno dell'Assemblea formalizzando di fatto per la prima volta gli accordi scaturiti dalla richiesta dell'amministrazione capitolina di ridurre le volumetrie della superficie utile lorda dell'intervento privato e introdurre criteri di progettazione edilizia volti ai massimi standard qualitativi per la parte dell'edificazione privata, quindi terziario e commerciale, nonché estendere gli interventi di riqualificazione della viabilità con l'unificazione di due strade, Ostiense e via del Mare, per portarle al nodo Marconi, unendole dall'intersezione con il Grande raccordo anulare a Marconi e non fino all'altezza di Tor di Valle come proponeva Eurnova".