Roma-SPAL 3-1 - La moviola: il VAR sconfessa Abisso, per Felipe è rosso. Generoso il rigore per gli ospiti

02.12.2017 10:40 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:   articolo letto 26509 volte
© foto di Federico Gaetano
Roma-SPAL 3-1 - La moviola: il VAR sconfessa Abisso, per Felipe è rosso. Generoso il rigore per gli ospiti

Vocegiallorossa.it vi propone la lettura di alcuni episodi del match. A partire da questa stagione, l'arbitro potrà avvalersi del VAR (video assistant referee) e del suo assistente per quattro tipologie di casi: controllo della regolarità dei gol, possibili falli da calcio di rigore, possibili cartellini rossi diretti e scambi di identità di destinatari di provvedimenti disciplinari.

SECONDO TEMPO

83' - Giallo per Schiavon per un fallo su Gerson che era andato via: decisione corretta.

65' - Ammonito Grassi per una dura entrata a forbice su Gerson: poteva starci il cartellino rosso.

55' - Generoso il rigore assegnato alla SPAL per una trattenuta di Manolas su Paloschi: il numero 43 ospite finisce per terra nonostante un contatto non certo duro. Il rigore viene anche ripetuto per l'ingresso in area di Luca Mora, proprio davanti all'arbitro.

PRIMO TEMPO

32' - Il VAR decide di non intervenire sul possibile fuorigioco di Stephan El Shaarawy sulla conclusione di Pellegrini in occasione del gol del 2-0. Il dubbio è sulla posizione di Lazzari, il cui piede sinistro potrebbe tenere in gioco il Faraone: non trattandosi di chiaro errore, non c'è ribaltamento della decisione.

22' - Gonalons entra duro su Grassi e viene ammonito: decisione corretta.

20' - Dzeko è in posizione regolare sull'assist di El Shaarawy, nessun dubbio sul gol dell'1-0.

10' - Il VAR Pairetto sconfessa una decisione di Abisso. Dzeko scappa via a Felipe, che lo trattiene da dietro poco prima dell'ingresso in area di rigore con poco campo da percorrere e nessun altro avversario davanti. L'arbitro opta per il cartellino giallo, ma viene richiamato dalla sala video all'on-field review, a seguito del quale la decisione cambia, così come il colore del cartellino che diventa rosso.