Inter-Roma 2-0 - La moviola: eccessiva l'ammonizione a Zaniolo, ne mancano due a Brozovic. VAR ancora una volta non uniforme

09.02.2022 00:00 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Inter-Roma 2-0 - La moviola: eccessiva l'ammonizione a Zaniolo, ne mancano due a Brozovic. VAR ancora una volta non uniforme
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Vocegiallorossa.it vi propone la lettura di alcuni episodi del match. L'arbitro si può avvalere del VAR (video assistant referee) e del suo assistente per quattro tipologie di casi: controllo della regolarità dei gol, possibili falli da calcio di rigore, possibili cartellini rossi diretti e scambi di identità di destinatari di provvedimenti disciplinari.

SECONDO TEMPO

68' - Sergio Oliveira difende il pallone, girandosi verso sinistra per anticipare l'intervento di Vidal che lo sbilancia facendolo cadere a terra. Di Bello non fischia fallo, il pallone arriva a Sanchez che segna il gol del 2-0. Dal VAR non arrivano segnali di possibile on-field review: ancora una volta c'è discrezionalità nell'uso dello strumento.

52' - Brozovic commette fallo su Mkhitaryan nel tentativo di fermare una ripartenza della Roma, non riuscendoci perché i giallorossi continuano l'azione e viene applicato il vantaggio come nel caso del 39'. Il gioco si ferma per la prima volta tre minuti dopo e Di Bello tiene ancora una volta il cartellino in tasca. Altro errore incredibile del direttore di gara.

PRIMO TEMPO

45'+2' - Ammonito Mourinho in panchina per aver gesticolato contro l'arbitro. Provvedimento pittoresco.

39' - Giusto concedere il vantaggio per una trattenuta di Brozovic su Zaniolo, ma a fine azione non arriva il sacrosanto giallo per il centrocampista dell'Inter. Altro errore di Di Bello.

38' - Corretta invece l'ammonizione inflitta a Mancini per un'entrata in ritardo su Sanchez.

37' - Eccessivo il giallo a Zaniolo per una spallata di Zaniolo a Bastoni.

19' - Vantaggio correttamente assegnato su un fallo su Vina, col pallone che arriva dallo stesso Vina ad Abraham e poi a Zaniolo.