Zamarion: "Trigoria mi ha cresciuto, cullato e fortificato. Non è facile descrivere ciò che sei stata per me"

10.09.2020 10:45 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Zamarion: "Trigoria mi ha cresciuto, cullato e fortificato. Non è facile descrivere ciò che sei stata per me"
© foto di Vocegiallorossa.it

Da alcuni giorni Emanuele Zamarion ha lasciato la Roma per accasarsi al Gubbio. Il giovane portiere aveva militato nelle formazioni giovanili giallorosse fin dall'età di 9 anni e ha salutato i capitolini con un post su Instagram: "Non è facile descrivere ciò che sei stata per me, ciò che rappresenti e che comunque rappresenterai per sempre.
Sei stata ambizione quando da bambino ho mosso i primi passi tra i pali, sei stata favola quando ho saputo che avrei potuto indossare il giallorosso, sei stata realtà per 10 lunghi anni della mia vita, una realtà che ho sempre cercato di non minimizzare, di rendere ogni giorno speciale, senza dare mai nulla per scontato.
Sei stata gioia e soddisfazione, sei stata vanto ed eccezione, sei stata spesso anche dolore e delusione, sentimenti con i quali non si può far a meno di convivere quando una cosa la si vuole con così tanta determinazione.
Trigoria mi ha cresciuto, cullato e fortificato, Trigoria mi ha adottato all’eta di 9 anni quando ero solo un bambino tanto insicuro con in mano una valigia piena di sogni, Trigoria oggi mi lascia come un ragazzo di vent’anni che non ha nulla da rimproverarsi, che ha sempre stretto i pugni, che nemmeno per un momento ha pensato di dargliela vinta. 
Ho avuto la possibilità̀ di lavorare con il meglio del meglio, con professionisti e non, che ogni giorno hanno messo anima e corpo nel proprio mestiere, e di questo mi ritengo estremamente fortunato.
Ho conosciuto davvero tante persone, sono sicuro di aver lasciato qualcosa ad ognuno di voi, e voi altrettanto a me, porterò̀ dentro ogni risata, ogni pianto, ogni esultanza, ogni trasferta in pullman, treno, aereo o quel che sia...tutto ciò che per 10 anni è stata quotidianità̀, e di cui probabilmente non mi sarei stancato mai.
Tenevo a ringraziare le persone che lavorano all’interno di questa società̀, la gente che ama la Roma e che ogni giorno lo dimostra, coloro i quali mi hanno saputo trasmettere dei valori veri, reali e che mi hanno tenuto lontano dalla boria di un mondo nel quale sto mettendo piede.
Grazie agli allenatori, ai preparatori atletici, ai fisioterapisti, ai dottori, ai magazzinieri, RomaChef, alle persone di RomaTv, grazie a coloro i quali non ho mai visto ma che dietro le quinte hanno lavorato per rendere possibile tutto questo".