Tovalieri: "La Roma non deve perdere il derby, rimetterebbe in corsa la Lazio per il quarto posto". AUDIO!

12.01.2021 17:36 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Tovalieri: "La Roma non deve perdere il derby, rimetterebbe in corsa la Lazio per il quarto posto". AUDIO!
Vocegiallorossa.it

Il derby di Roma si avvicina. A TMW Radio, durante Maracanà, è intervenuto l'ex bomber Sandro Tovalieri. Ecco le sue parole:

Derby verità per chi?
"Se lo vince la Roma, sarebbe un confronto diretto vinto che le permetterebbe di rimanere in scia Milan e Inter, altrimenti rimette in gioco la Lazio per il quarto posto. Sarà un bel derby, peccato che sia senza pubblico. Ma sarà comunque affascinante. La Roma sta facendo un ottimo campionato e la Lazio è in ripresa. Mi aspetto una bella partita e non c'è una favorita".

Chi ci arriva meglio?
"La Roma fa pressing alto e recupera tanti palloni ,quando cala l'energia fisica può vere delle difficoltà. Anche perché ha anche tanti giovani, che possono incappare in errori e leggerezze, soprattutto contro le big. Con l'Inter nella ripresa forse Fonseca poteva intervenire prima tatticamente ma ha comunque ottenuto un punto importante".

Punti di forza di Roma e Lazio?
"Le due squadre dal centrocampo in su dispongono di ottimi giocatori che possono inventarsi la giocata da un momento all'altro. La sfida sarà a centrocampo e in attacco. Se girano, ci sarà spettacolo".

Borja Majoral potrà giocare un giorno con Dzeko?
"Mi piace molto. Si è molto calato nella realtà e ha fatto vedere le sue qualità. Accanto a Dzeko sembra difficile vederlo, difficile lasciare in panchina uno sulla trequarti. Per me serve sempre un centravanti vero e metterne un altro non lo vedo possibile".

Quale l'uomo chiave del derby?
"Mkhitaryan, se sta bene può creare scompiglio. Per la Lazio è scontato dire Immobile, ma può essere ancor più pericoloso Luis Alberto. Se vince la Roma, si mette in una posizione importante, perché poi ha due partite in casa".


Ospiti: Bruno Giordano, Sandro Tovalieri - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli